La foto di una stella in altissima definizione, fotografata dal telescopio spaziale Webb

wikimedia.org

Una fase critica dell’allineamento dello specchio del telescopio spaziale James Webb è stata completata, mantenendo l’osservatorio all’avanguardia sulla buona strada per iniziare le osservazioni scientifiche in pochi mesi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’11 marzo 2022, il telescopio ha completato il suo ultimo ciclo di fasatura fine per correggere gli errori di allineamento. Non sono stati identificati problemi e il team Webb è sicuro che ogni parametro ottico funzioni al meglio. “Più di 20 anni fa, il team Webb ha deciso di costruire il telescopio più potente che chiunque abbia mai messo nello spazio e ha escogitato un progetto ottico audace per soddisfare gli obiettivi scientifici più ambiziosi“, ha affermato l’astrofisico Thomas Zurbuchen, amministratore associato di Science della NASA Direzione della Missione. “Oggi possiamo dire che il design darà risultati”. Per dimostrare le sue capacità, Webb si è concentrato su una singola stella, denominata 2MASS J17554042+6551277, più comunemente nota come TYC 4212-1079-1 . Questo oggetto luminoso, a circa 2.000 anni luce di distanza, è poco più di 16 volte intrinsecamente più luminoso del Sole:

- Prosegue dopo la pubblicità -

un obiettivo piacevole e chiaro per Webb. È stato utilizzato un filtro rosso per ottimizzare il contrasto visivo; e, sebbene il telescopio stesse solo guardando la stella, i suoi strumenti sono così sensibili che si possono vedere anche stelle e galassie sullo sfondo. “Abbiamo completamente allineato e focalizzato il telescopio su una stella e le prestazioni superano le specifiche. Siamo entusiasti di ciò che questo significa per la scienza”, ha affermato Ritva Keski-Kuha , vicedirettore degli elementi del telescopio ottico per Webb presso la NASA Goddard. Sebbene sulla Terra siano stati costruiti telescopi segmentati, Webb è il primo telescopio spaziale con uno specchio segmentato, costituito da 18 segmenti esagonali discreti. L’allineamento di questi specchi è cruciale; devono trovarsi all’interno di nanometri per formare un’unica superficie speculare. Considerando che il telescopio non è facilmente raggiungibile per le missioni di servizio, è fondamentale che tutto funzioni perfettamente. Webb è parcheggiato in una regione dello spazio gravitazionalmente stabile generata dall’interazione tra la Terra e il Sole chiamata Lagrange point 2, o L2. Queste tasche stabili sono ideali per i veicoli spaziali da appendere, poiché riducono al minimo il consumo di carburante. Anche la navicella spaziale Gaia dell’ESA, un progetto per mappare la Via Lattea, è in L2 a partire dal 2014 e, non molto tempo dopo l’arrivo del nuovo telescopio, Gaia è riuscita a catturare Webb con il suo strumento cercatore. Sotto, puoi vederlo cerchiato in verde e, nei due riquadri, ingrandito.

All’epoca, il 18 febbraio, le due navicelle erano separate da una distanza di circa un milione di chilometri (620.000 miglia, dare o avere); nell’immagine di Gaia, Webb sembra un’altra stella in un mare di esse, sparse nell’oscura distesa dello spazio. I due veicoli spaziali hanno missioni molto diverse, ma forse è confortante sapere che non sono soli là fuori, lontani da casa. Nelle prossime sei settimane, il processo di allineamento di Webb sarà completato. Quindi, il telescopio inizierà i suoi ultimi preparativi per le operazioni scientifiche. Le prime osservazioni scientifiche dal telescopio dovrebbero arrivare nell’estate dell’emisfero settentrionale. Webb, scrutando il cosmo usando gli occhi a infrarossi, rivelerà molto che attualmente non possiamo vedere. Si prevede che ci mostrerà le zone lontane dell’Universo, fornendoci maggiori informazioni su come si sono formate le stelle e le galassie; mostraci in modo molto più dettagliato come nascono le stelle e i pianeti; e scrutare le atmosfere di mondi lontani, alla ricerca di segni di vita. Sarà assolutamente epico.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte:

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www.nasa.gov/press-release/nasa-s-webb-reaches-alignment-milestone-optics-working-successfully

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.