Su Marte c’è un vento capace di distruggere rocce e pneumatici, l’avventura del rover NASA

Il rover Curiosity Mars della NASA ha utilizzato la sua Mast Camera, o Mastcam, per scattare questo panorama a 360 gradi il 23 marzo 2022, il 3.423esimo giorno marziano, o sol, della missione. Il team ha descritto in modo informale le rocce affilate dal vento viste qui come rocce “gator-back” a causa del loro aspetto squamoso. – nasa.gov

Il rover Curiosity Mars della NASA ha trascorso la maggior parte di marzo scalando il “Greenheugh Frontone“, un dolce pendio ricoperto da arenaria pietrosa. Il rover ha raggiunto brevemente la vetta della parete nord di questa caratteristica due anni fa; ora sul lato meridionale del frontone, Curiosity è tornato sul frontone per esplorarlo in modo più completo. Ma il 18 marzo, il team della missione ha visto un inaspettato cambiamento di terreno davanti a sé e si è reso conto che avrebbero dovuto fare marcia indietro:

il percorso prima di Curiosity era ricoperto da più rocce affilate dal vento, o ventifatti, di quanto non abbiano mai visto nei quasi 10 anni del rover sul Pianeta Rosso. I Ventifatti hanno masticato le ruote di Curiosity all’inizio della missione. Da allora, gli ingegneri del rover hanno trovato il modo di rallentare l’usura delle ruote, incluso un algoritmo di controllo della trazione , per ridurre la frequenza con cui devono valutare le ruote. E pianificano anche percorsi rover che evitano di guidare su tali rocce, compresi questi ultimi ventifatti, che sono fatti di arenaria, il tipo di roccia più duro che Curiosity abbia incontrato su Marte.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La squadra ha soprannominato il loro aspetto simile a una scala del terreno “gator-back“. Sebbene la missione avesse esplorato l’area utilizzando immagini orbitali, ci è voluto vedere queste rocce da vicino per rivelare i ventifatti. “Era ovvio dalle foto di Curiosity che questo non sarebbe stato un bene per le nostre ruote“, ha affermato Megan Lin, Project Manager di Curiosity, del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California, che guida la missione. “Sarebbe stato lento e non saremmo stati in grado di implementare le migliori pratiche di guida rover“. Le rocce gator-back non sono impraticabili:

- Prosegue dopo la pubblicità -

semplicemente non sarebbe valsa la pena attraversarle, considerando quanto sarebbe stato difficile il percorso e quanto avrebbero invecchiato le ruote del rover.  Quindi la missione sta tracciando un nuovo percorso per il rover mentre continua a esplorare il Monte Sharp, una montagna alta 3,4 miglia (5,5 chilometri) che Curiosity sta scalando dal 2014. Mentre si arrampica, Curiosity è in grado di studiare diversi strati sedimentari che sono stati modellati dall’acqua miliardi di anni fa. Questi strati aiutano gli scienziati a capire se la vita microscopica potrebbe essere sopravvissuta nell’antico ambiente marziano.

Perché Greenheugh?

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il frontone di Greenheugh è un’ampia pianura in pendenza vicino alla base del monte Sharp che si estende per circa 2 chilometri. Gli scienziati di Curiosity l’hanno notato per la prima volta nelle immagini orbitali prima dell’atterraggio del rover nel 2012. Il frontone sporge come caratteristica autonoma su questa parte del Monte Sharp e gli scienziati volevano capire come si fosse formato. Si trova anche vicino alla cresta di Gediz Vallis, che potrebbe essere stata creata quando i detriti scorrevano lungo la montagna. La curiosità resterà sempre ai piedi del monte Sharp, dove si trovano testimonianze di acque antiche e di ambienti che sarebbero stati abitabili in passato. Guidare attraverso circa un miglio (1,5 chilometri) del frontone per raccogliere immagini di Gediz Vallis Ridge sarebbe stato un modo per studiare il materiale dai tratti più alti della montagna.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Il rover Curiosity Mars della NASA ha utilizzato la sua Mast Camera, o Mastcam, per rilevare queste rocce affilate dal vento, chiamate ventifacts, il 15 marzo 2022, il 3.415° giorno marziano, o sol, della missione. Il team ha descritto informalmente queste macchie di ventifatti come rocce “gator-back” a causa del loro aspetto squamoso. Crediti: NASA/JPL-Caltech/MSSS

“Da lontano, possiamo vedere massi delle dimensioni di un’auto che sono stati trasportati giù dai livelli più alti del Monte Sharp, forse dall’acqua relativamente tardi nell’era umida di Marte”, ha affermato Ashwin Vasavada, scienziato del progetto Curiosity al JPL. “Non sappiamo davvero cosa siano, quindi volevamo vederli da vicino”.

La strada meno percorsa

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nelle prossime due settimane, Curiosity scenderà dal frontone verso un luogo che aveva esplorato in precedenza: una zona di transizione tra un’area ricca di argilla e una con maggiori quantità di minerali salini chiamati solfati. I minerali argillosi si formarono quando la montagna era più umida, chiazzata di ruscelli e stagni ; i sali potrebbero essersi formati quando il clima di Marte si è prosciugato nel tempo. “È stato davvero bello vedere rocce che hanno conservato un tempo in cui i laghi si stavano prosciugando e venivano sostituiti da ruscelli e dune di sabbia secca”, ha affermato Abigail Fraeman, vice scienziata del progetto Curiosity al JPL. “Sono davvero curioso di vedere cosa troviamo mentre continuiamo a salire su questa via alternativa.”

Le ruote di Curiosity saranno su un terreno più sicuro poiché si lascerà alle spalle il terreno del dorso dell’alligatore, ma gli ingegneri sono concentrati su altri segni di usura sul braccio robotico del rover, che trasporta la sua perforatrice da roccia. I meccanismi di frenatura su due delle articolazioni del braccio hanno smesso di funzionare nell’ultimo anno. Tuttavia, ogni giunto ha parti ridondanti per garantire che il braccio possa continuare a perforare campioni di roccia. Il team sta studiando i modi migliori per utilizzare il braccio per garantire che queste parti ridondanti continuino a funzionare il più a lungo possibile.  Per ulteriori informazioni su Curiosità, visitare:

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://mars.nasa.gov/msl/home/

e

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://nasa.gov/curiosità

Fonte: https://www.nasa.gov/feature/jpl/nasa-s-curiosity-mars-rover-reroutes-away-from-gator-back-rocks

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.