Le origini primordiali dei buchi neri supermassicci

NASA

Gli astronomi hanno identificato un buco nero in rapida crescita nell’universo primordiale che è considerato un cruciale “anello mancante” tra le giovani galassie che formano stelle e i primi buchi neri supermassicci, utilizzando i dati del telescopio spaziale Hubble per fare questa scoperta:

nasa.gov

L’impressione di questo artista è quella di un buco nero supermassiccio che si trova all’interno del nucleo avvolto dalla polvere di una galassia “starburst” che forma vigorosamente una stella. Alla fine diventerà un quasar estremamente luminoso una volta che la polvere sarà sparita. Scoperto in un’indagine del cielo profondo di Hubble, il buco nero polveroso risale a soli 750 milioni di anni dopo il Big Bang.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: NASA

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.