Gli pterosauri avevano piume e ne controllavano i colori, la scoperta degli scienziati

mnews.world

Per gran parte della storia della paleontologia, gli scienziati hanno pensato che tutti i dinosauri fossero ricoperti di squame, come le lucertole di oggi. Questo fino a quando una serie di scoperte negli ultimi decenni ha rivelato che molti di questi meravigliosi animali estinti sfoggiavano in realtà piume antiche, proprio come i loro discendenti successivi, gli uccelli. Per quanto riguarda gli pterosauri – ovvero i rettili volanti che regnavano nel cielo quando i dinosauri vagavano per il mondo emerso – la questione non è mai stata completamente risolta:

googleapis.com

Erano calvi? Avevano anche le piume? Le scarse prove nella documentazione sui fossili non sono mai state definitive – fino ad ora, affermano gli scienziati. Questo accade anche perché, diversamente dai dinosauri carnivori del genere coelurosauri, gli pterosauri (che non erano dinosauri ma rettili volanti lontanamente collegati ad essi) non sono imparentati con gli uccelli. Tuttavia, gli scienziati hanno scoperto le prove di quella che si preannuncia come la dimostrazione di una vera e propria evoluzione convergente:

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://media.springernature.com

Conservato su lastre di calcare antico nel nord-est del Brasile, un fossile di Tupandactylus imperator recentemente scoperto ha infatti rivelato l’esistenza di piume di pterosauro antico di circa 113 milioni di anni fa. “Non ci aspettavamo affatto di vederlo“, afferma la paleontologa Aude Cincotta dell’University College Cork in Irlanda. “Per decenni i paleontologi hanno discusso sul fatto che gli pterosauri avessero piume. Le piume nel nostro esemplare chiudono definitivamente quel dibattito poiché sono molto chiaramente ramificate lungo tutta la loro lunghezza, proprio come gli uccelli di oggi”. Prima d’ora, i ricercatori erano più o meno d’accordo sul fatto che gli pterosauri fossero ricoperti da uno strato esterno di strutture simili a filamenti chiamati picnofibre, che potevano assomigliare a una peluria, anche se non era noto se questa potesse essere la stessa cosa delle piume. Il nuovo esemplare brasiliano sembra chiarirlo, mostrando non solo filamenti a filamento singolo simili a baffi che spuntano dalla cresta cranica della creatura, ma anche strutture ramificate, distintamente simili a piume che non sono state segnalate in precedenza negli pterosauri, contrassegnate da fibre corte che si estendono da un pozzo centrale:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Questa modalità di ramificazione è direttamente paragonabile a quella dello stadio IIIA delle piume degli uccelli esistenti, cioè con le punte che si ramificano da un rachide centrale”scrivono i ricercatori in un nuovo articolo che descrive la scoperta. “Questa è una forte prova che le strutture ramificate fossili sono piume che comprendono un rachide e barbe”. Secondo l’analisi dei ricercatori, è molto probabile che le piume siano state ereditate da un antenato avemetatarsale comune sia ai dinosauri che agli pterosauri, anche se è anche possibile che queste caratteristiche si siano evolute indipendentemente in diversi gruppi o specie di animali. A proposito di lineamenti, le deboli tracce dell’antico piumaggio di  T. imperator sembrano aver conservato un colorato segreto tenuto nascosto per molti milioni di anniEsaminando il fossile con la microscopia elettronica ad alta risoluzione, i ricercatori hanno scoperto l’esistenza di abbondanti microcorpi che misurano circa 0,5-1 μm di lunghezza nei tessuti molli dell’animale e interpretati come melanosomi, organelli che contengono pigmenti di melanina responsabili di diversi colori in corpi di animali:

- Prosegue dopo la pubblicità -

I melanosomi avevano diversi tipi di forme (tra i monofilamenti, le piume ramificate e altri tessuti cranici), suggerendo che lo pterosauro avrebbe potuto mostrare una gamma di colori attraverso il suo piumaggio. Negli uccelli e nei mammiferi moderni, molti dei colori dominanti di piume e capelli provengono da una gamma limitata di forme di melanina chimicamente distinte“, spiega il paleontologo Michael Benton dell’Università di Bristol nel Regno Unito, autore di un commento editoriale sul nuove scoperte. Sebbene sia impossibile sapere con certezza in che modo T. imperator abbia beneficiato di piume di colore diverso oltre 100 milioni di anni fa, Benton afferma che diversi colori sulla cresta cranica prominente dello pterosauro potrebbero aver contribuito a segnalare processi tra individui diversi o ad altri aspetti che attirano l’attenzione di comunicazione animale. Forse venivano usati nei rituali pre-accoppiamento, proprio come alcuni uccelli usano ventagli colorati, ali e creste della testa per attirare i compagni”, scriveGli uccelli moderni sono rinomati per la diversità e la complessità delle loro esibizioni colorate e per il ruolo di questi aspetti della selezione sessuale nell’evoluzione degli uccelli, e lo stesso potrebbe essere vero per una vasta gamma di animali estinti, inclusi dinosauri e pterosauri“. I risultati sono riportati su Nature.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.