Marte: il rover NASA è giunto nell’antico letto del fiume, in cerca di possibili segni di vita – VIDEO

La distesa del delta del fiume Jezero Crater è mostrata in questo panorama di 64 immagini cucite insieme scattate dal sistema Mastcam-Z sul rover Perseverance Mars della NASA l’11 aprile 2022, il 406° giorno marziano, o sol, della missione. Crediti: NASA/JPL-Caltech/ASU/MSSS

Raccogliere campioni mentre esplora un canale fluviale antico ormai in secca è solo uno degli obiettivi che il “geologo robotico” a sei ruote perseguirà durante la sua seconda esplorazione del Pianeta Rosso:

Dopo aver raccolto otto campioni di carote di roccia dalla sua prima campagna scientifica e aver completato una corsa da record di 31 giorni marziani (o sol) su circa 3 miglia (5 chilometri) di Marte, lo scorso 13 aprile 2022, il rover Perseverance della NASA è arrivato alle porte dell’antico cratere, delta del fiume. Soprannominato “Three Forks” dal team Perseverance (un riferimento al punto in cui si fondono tre opzioni di percorso per il delta), il luogo funge da area di sosta per la seconda spedizione scientifica del rover, la “Delta Front Campaign .” “Il delta del cratere Jezero promette di essere una vera festa geologica e una delle migliori posizioni su Marte per cercare segni di vita microscopica passata, ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato della direzione della missione scientifica della NASA a Washington. “Le risposte sono là fuori e il Team Perseverance è pronto a trovarle.”

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il delta, una massiccia raccolta a forma di ventaglio di rocce e sedimenti sul bordo occidentale del cratere Jezero, si è formata alla convergenza di un fiume marziano e di un lago vulcanico miliardi di anni fa. La sua esplorazione è in cima alla lista dei desideri del team scientifico di Perseverance perché tutto il sedimento a grana fine depositato alla sua base molto tempo fa è la migliore scommessa della missione per trovare i resti preservati dell’antica vita microbica. Utilizzando un trapano all’estremità del suo braccio robotico e un complesso sistema di raccolta dei campioni, Perseverance sta raccogliendo carote di roccia per il ritorno sulla Terra, la prima parte della  campagna Mars Sample Return.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Questa immagine del paracadute che ha contribuito a portare il rover Perseverance Mars della NASA sulla superficie marziana è stata scattata dallo strumento Mastcam-Z del rover il 6 aprile 2022, il 401° giorno marziano, o sol, della missione. Crediti: NASA/JPL-Caltech/ASU/MSSS

“Abbiamo osservato il delta da lontano per più di un anno mentre esploravamo il fondo del cratere”, ha affermato Ken Farley, scienziato del progetto Perseverance al Caltech di Pasadena. “Al termine della nostra veloce traversata, siamo finalmente in grado di avvicinarci ad essa, ottenendo immagini di dettagli sempre maggiori che rivelano dove possiamo esplorare al meglio queste importanti rocce”La campagna del Delta Front è iniziata lunedì 18 aprile, con circa una settimana di guida a sud-ovest e poi a ovest. Uno degli obiettivi di questa escursione è individuare il percorso migliore per salire sul delta, che si erge a circa 40 metri sopra il fondo del cratere. Due opzioni, chiamate “Cape Nukshak” e “Hawksbill Gap”, sembrano attraversabili. Il team scientifico si sta orientando verso Hawksbill Gap a causa del tempo di guida più breve necessario per raggiungere la cima del delta, ma ciò potrebbe cambiare man mano che il rover acquisisce ulteriori informazioni sulle due opzioni. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Qualunque sia il percorso che Perseverance prende per l’altopiano in cima al delta, il team eseguirà indagini scientifiche dettagliate, incluso il prelievo di campioni di carote di roccia, durante la salita, quindi si girerà e farà la stessa cosa sulla via del ritorno. Si prevede che il rover raccoglierà circa otto campioni in circa mezzo anno terrestre durante la campagna del Delta Front. Dopo aver completato la discesa, Perseverance, secondo i piani attuali, risalirà nuovamente il delta (forse attraverso l’altra rotta non percorsa) per iniziare la “Campagna Delta Top”, che durerà anche circa mezzo anno terrestre. “Il delta è il motivo per cui Perseverance è stato inviato a Jezero Crater: ha così tante caratteristiche interessanti“, ha detto Farley. “Cercheremo segni di vita antica nelle rocce alla base del delta, rocce che secondo noi erano fango sul fondo del ‘Lago Jezero’. Più in alto nel delta, possiamo osservare frammenti di sabbia e roccia che provenivano da monte, forse da chilometri di distanza. Questi sono luoghi che il rover non visiterà mai. Possiamo trarre vantaggio da un antico fiume marziano che ci ha portato i segreti geologici del pianeta”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Perseverance sta dando il via alla sua seconda campagna scientifica con più di un mese di anticipo rispetto al previsto, grazie alla capacità del rover di negoziare autonomamente le sabbiere, i crateri, i massi e i campi di rocce taglienti del cratere Jezero. Le sei ruote in alluminio per il volo del rover hanno completato 3.116,25 giri durante il viaggio di 16.617 piedi (5.065 metri) verso Three Forks. Con una media di 692 piedi (211 metri) per guida (nessuna guida si è verificata su sei sol), la capacità di navigazione automatica assistita da intelligenza artificiale del rover, o AutoNav , ha valutato 10.744 immagini della telecamera di navigazione durante il viaggio e ha comandato al rover di fermarsi e girare sul posto per negoziare i rischi di superficie 55 volte.

Maggiori informazioni sulla Perseverance:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un obiettivo chiave per la missione di Perseverance su Marte è l’astrobiologia, inclusa la ricerca di segni di antica vita microbica. Il rover caratterizzerà la geologia del pianeta e il clima passato, aprirà la strada all’esplorazione umana del Pianeta Rosso e sarà la prima missione a raccogliere e nascondere la roccia marziana e la regolite (roccia e polvere spezzate). Successive missioni della NASA, in collaborazione con l’ESA (Agenzia spaziale europea), invieranno veicoli spaziali su Marte per raccogliere questi campioni sigillati dalla superficie e riportarli sulla Terra per un’analisi approfondita. La missione Mars 2020 Perseverance fa parte dell’approccio di esplorazione della Luna su Marte della NASA, che include le missioni Artemis sulla Luna che aiuteranno a prepararsi per l’esplorazione umana del Pianeta Rosso. JPL, che è gestito per la NASA da Caltech a Pasadena, in California, ha costruito e gestisce le operazioni del rover Perseverance.

Fonte: https://www.nasa.gov/feature/jpl/nasa-s-perseverance-rover-arrives-at-delta-for-new-science-campaign

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.