Se il gatto caccia il topo può trasmettere un parassita collegato a schizofrenia negli uomini

In uno studio del 2022, un parassita presente un pò ovunque nel mondo è stato collegato all’insorgenza di schizofrenia e ad una serie di disturbi neurologici, ma le prove non sono sempre state chiare:

Mentre ci sono una serie di studi che collegano il parassita “che altera la mente”  Toxoplasma gondii con comportamenti alterati o schemi strani nell’attività umana, ci sono anche dati che sfatano l’associazioneOra, un nuovo studio condotto dal primo autore e residente in psichiatria Vincent Paquin della McGill University in Canada potrebbe aiutare a spiegare questo paradosso parassitario, mentre in qualche modo identifica dove potrebbero effettivamente risiedere gli apparenti pericoli di T. gondii. Oltre al cibo o all’acqua contaminati (compresa la carne poco cotta), il protozoo parassita T. gondii può essere trasmesso all’uomo attraverso l’esposizione alle feci di un gatto domestico infetto. A confermare questa insolita tesi ci sarebbe anche uno studio del 1995 che osservava per la prima volta un legame tra la proprietà del gatto durante l’infanzia e il rischio di malattie mentali che si sviluppano successivamente nell’età adulta. Tuttavia, altri studi da allora non sono riusciti a replicare il collegamento alla proprietà del gatto, suggerendo che potrebbe esserci di più nell’associazione oltre al semplice possesso di un gatto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“I gatti domestici generalmente vengono infettati dal parassita nutrendosi di roditori e saranno contagiosi solo nei giorni o nelle settimane successive”, scrivono Paquin e i suoi coautori nel loro nuovo articolo. “Quindi, specificare se il gatto era noto per cacciare roditori potrebbe fornire un indicatore migliore per la probabile esposizione a T. gondii rispetto alla sola proprietà del gatto”. In altre parole, come spiega Paquin, i gatti stessi non garantiscono l’esposizione ai parassiti, ma i gatti cacciatori di roditori (cioè i gatti che sono ammessi all’esterno, al contrario degli animali domestici solo al chiuso) avrebbero probabilmente maggiori probabilità di entrare in contatto con T. gondii nell’ambiente esterno. Ipoteticamente parlando, potrebbero quindi trasmettere l’infezione ai bambini, che potrebbero sviluppare problemi psicologici in età adulta, come identificato in alcuni studi, potenzialmente attraverso effetti sul sistema immunitarioPer esaminare questa ipotetica catena di trasmissione, i ricercatori hanno intervistato circa 2.200 partecipanti a Montreal, ponendo loro domande sulla proprietà dei gatti durante l’infanzia e misurando la loro frequenza delle esperienze psicotiche, insieme ad altre domande sulla loro storia personale, come quanto hanno cambiato casa durante l’infanzia , esperienze con trauma cranico, storia di fumo e così via.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nell’analizzare le risposte, il team ha osservato che i partecipanti maschi che avevano posseduto un gatto cacciatore di roditori durante l’infanzia mostravano un rischio maggiore di avere esperienze psicotiche nell’età adulta; le donne intervistate non avevano lo stesso collegamento. Le persone che possedevano gatti solo per interni durante l’infanzia (o nessun gatto) non hanno mostrato lo stesso aumento del rischio, che il team ha affermato essere “coerente con la nostra ipotesi basata sul ciclo di vita di T. gondii come meccanismo presunto di questa associazione”. Tuttavia, anche altri fattori catturati nel sondaggio sembravano influenzare il rischio degli intervistati per l’esperienza psicotica, tra cui il fumo, la frequenza dei traslochi nell’infanzia o nell’adolescenza e una storia di trauma cranico, che secondo Paquin suggerisce “effetti sinergici di questi fattori”, al di là della sola infezione parassitaria. Sebbene lo studio presenti una serie di limitazioni, tra cui il fatto che tutti i dati dell’indagine sono stati auto-riportati, il team afferma che i loro risultati illustrano l’importanza di esaminare le interazioni tra diversi tipi di esposizioni ambientali, che in futuro potrebbero aiutarci a identificarci con maggiore precisione laddove è più probabile che sorgano problemi dall’esposizione a T. gondii . Queste sono piccole prove, ma è interessante considerare che potrebbero esserci combinazioni di fattori di rischio in gioco”, ha detto Paquin a Medscape Medical News“E anche se l’entità del rischio è piccola a livello individuale, i gatti e il T. gondii sono così presenti nella nostra società che se sommiamo tutti questi piccoli effetti potenziali, allora diventa una potenziale questione di salute pubblica”. I risultati sono riportati nel Journal of Psychiatric Research .

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.