Anche la NASA conferma: condizioni meteorologiche potrebbero causare rischi per i raccolti

Per valutare in che modo il riscaldamento climatico cambierà i rischi per la vita sul nostro pianeta – come il fallimento dei raccolti e gli incendi boschivi – è necessario esaminare come è probabile che questi fenomeni possano interagire tra loro:

I guai non vengono mai da soli, dice il proverbio. Un nuovo studio della NASA mostra che il vecchio detto diventerà sempre più vero riguardo ai problemi climatici in un mondo più caldo. Lo studio mostra che eventi meteorologici estremi come inondazioni e ondate di calore si aggregheranno sempre più nel tempo e nello spazio, aumentando i rischi di fallimento dei raccolti, incendi e altri rischi per la società. Entro il 2100, l’aumento delle ondate di calore, della siccità e delle piogge eccessive combinate raddoppierà il rischio di fallimenti legati al clima nei raccolti di mais in almeno tre delle sei principali regioni di coltivazione del mais del mondo nello stesso anno, secondo lo studio , pubblicato in Lettere di ricerca ambientale. Il Midwest degli Stati Uniti è a più alto rischio di essere il luogo di uno di questi molteplici fallimenti del raccolto. Molti studi precedenti hanno modellato i cambiamenti in un singolo indicatore climatico, come il numero di giorni sopra i 100 gradi Fahrenheit (38 gradi Celsius) in una determinata regione. Ma gli impatti maggiori di solito si verificano quando gli estremi si verificano simultaneamente o in stretta sequenza. Ad esempio, gli stati occidentali hanno fin troppo familiarità con lo scenario in cui il calore eccessivo e la siccità alimentano un incendio, e poi le forti piogge creano un nuovo pericolo, le frane, nell’area bruciata.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli scienziati del clima hanno lavorato per anni per comprendere e rappresentare numericamente queste complesse catene di eventi interagenti nei modelli climatici, un compito arduo che spinge i limiti della potenza di calcolo disponibile. “Solo negli ultimi cinque anni circa è stato sviluppato un framework per applicare il pensiero del rischio composto all’analisi climatica in un modo che puoi effettivamente calcolare senza entrare irrimediabilmente oltre la tua testa”, ha affermato l’autore principale dello studio Colin Raymond, un scienziato del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per il loro studio, il team di ricerca ha utilizzato un noto modello climatico tedesco chiamato Max Planck Institute Grand Ensemble per eseguire 100 simulazioni individuali degli anni dal 1991 al 2100. Le simulazioni del passato (dal 1991 al 2020) hanno mostrato che il modello era in grado di per rappresentare cluster di eventi estremi, come l’alterazione del caldo estremo con precipitazioni estreme, coerentemente con il modo in cui si sono effettivamente verificati durante quel periodo. I ricercatori hanno analizzato le simulazioni del futuro fino al 2100 per esaminare i probabili cambiamenti futuri dei rischi climatici, in particolare quelli che potrebbero verificarsi simultaneamente o in stretta successione.

Raymond e i suoi colleghi si sono concentrati su come l’aumento del raggruppamento dei rischi di temperatura e precipitazioni influenzerà il mais. Questa importante coltura alimentare viene coltivata in tutto il mondo, con sei regioni principali, o panifici, che rappresentano circa i due terzi di tutta la produzione. Gli Stati Uniti sono il principale produttore di mais al mondo, con una raccolta di circa 419 milioni di tonnellate (380,3 milioni di tonnellate metriche) nel 2021. Le simulazioni del modello hanno mostrato che entro il 2100, ondate di calore estremo in tutto il mondo della durata di almeno tre giorni si verificheranno da due a quattro volte più spesso di quanto accade ora. Gli estremi di tre giorni delle precipitazioni aumenteranno generalmente dal 10% al 50% di frequenza. I ricercatori hanno anche analizzato come questi eventi aumentati si raggrupperanno nel tempo e nel luogo. Hanno quindi esaminato come tutti questi cambiamenti combinati potrebbero influenzare i futuri raccolti di mais, utilizzando come guida la relazione tra gli estremi climatici in termini di calore e precipitazioni e i fallimenti dei raccolti passati.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Secondo la loro migliore stima, la possibilità che un gruppo di eventi provochi il fallimento dei raccolti di mais in almeno tre dei cesti del pane del mondo nello stesso anno quasi raddoppierà, dal 29% al 57%, entro l’anno 2100. Sebbene piccola, la possibilità che i raccolti falliscano nelle cinque maggiori regioni del granaio in un solo anno aumenterà in modo ancora più significativo, dallo 0,6% al 5,4%. Il Midwest degli Stati Uniti è la regione con maggiori probabilità di essere inclusa negli anni con tre fallimenti del paniere, seguita dall’Europa centrale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Lo studio ha anche esaminato come aumenterebbero i rischi per gli incendi e la salute umana man mano che gli estremi si susseguono più da vicino. Tutti i risultati hanno mostrato, ha detto Raymond, che “le cose sono interconnesse in un modo che non abbiamo ancora apprezzato fino a questo punto. Non sono solo ondate di calore. Non è solo caldo e siccità. Sono tutte quelle interconnessioni che spiegano al meglio i gravi impatti a cui teniamo di più quando cerchiamo di prevenire gravi disastri”.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.