Siccità rivela un’antica città di 3.400 anni, i resti sommersi riemergono mentre la diga gigante si prosciuga in Iraq – FOTO e VIDEO

https://scitechdaily.com

I cambiamenti climatici stanno causando una serie di stravolgimenti capaci di far riaffiorare i resti archeologici dalle acque ridotte a causa dell’aumento delle temperature. Uno di questi esempi è bacino idrico di Mosul in Iraq:

https://greekreporter.com

mezzo a questa crisi, le rovine di un’antica città, sommersa per decenni, sono tornate sulla terraferma. Poiché la diga è stata creata negli anni ’80 prima che l’insediamento fosse studiato e catalogato dai ricercatori, il sito archeologico di Kemune è ora analizzabile da vicino. Ciò che gli archeologi hanno scoperto sono le antichissime rovine di un palazzo e diverse altre grandi strutture, risalenti all’età del bronzo nella regione, circa 3.400 anni fa. Gli scienziati ritengono che questi resti archeologici possano rappresentare l’antica città di Zakhiku, un vivace centro dell’Impero Mittani, che prosperò sulle rive del fiume Tigri tra il 1550 e il 1350 a.C.:

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://i.dailymail.co.uk
https://scitechdaily.com

Come un’Atlantide perduta, la città è riemersa in maniera simile a quanto accaduto negli ultimi anni ad altri siti di interesse archeologico: nel 2018, le acque della diga si sono ritirate abbastanza da offrire agli archeologi una breve finestra in cui scoprire e documentare le rovine, prima che il livello dell’acqua si alzasse e le coprisse nuovamente. Nel dicembre del 2021, poi, i resti hanno ricominciato a riemergere, con un nuovo intervento degli archeologi. A gennaio e febbraio del 2022, l’archeologo Hasan Ahmed Qasim dell’Organizzazione per l’archeologia del Kurdistan in Iraq, insieme ai colleghi ricercatori Ivana Puljiz dell’Università di Friburgo e Peter Pfälzner dell’Università di Tubinga in Germania, hanno iniziato a mappare la misteriosa città. Oltre al palazzo che è stato scoperto nel 2018, i ricercatori hanno trovato altre strutture interessanti:

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://i.dailymail.co.uk
https://scitechdaily.com

I resti degli antichi manufatti includerebbero anche una grande fortificazione con mura e torri e persino un complesso industriale con un enorme edificio di stoccaggio a più piani, tutti risalenti all’Impero Mittani. “L’enorme edificio della rivista (deposito) è di particolare importanza perché al suo interno devono essere state immagazzinate enormi quantità di merci, probabilmente portate da tutta la regione“, afferma Puljiz . La conservazione dei muri di mattoni di fango è risultata incredibilmente notevole, considerando che sono stati sott’acqua per oltre 40 anni, ma ciò fu il risultato della caduta piuttosto brusca della città nel 1350 a.C.. Durante questo, un terremoto ha devastato la regione, facendo crollare gli edifici, provocando la caduta di un rivestimento protettivo di macerie sulle pareti intatte rimanenti, coprendo i loro murales dipinti e il contenuto degli edifici. In modo affascinante, la città ha anche restituito alcune giare di ceramica contenenti oltre 100 tavolette di argilla non cotte incise in cuneiforme, risalenti al Medio Assiro, poco dopo il terremoto. Il team spera che questi documenti possano contenere alcune informazioni su chi ha vissuto in città e forse anche sul terremoto stesso che ha portato alla sua scomparsa:

https://scitechdaily.com
https://scitechdaily.com

“È quasi un miracolo che tavolette cuneiformi fatte di argilla cruda siano sopravvissute per così tanti decenni sott’acqua”, ha detto Pfälzner. Da allora la diga è stata riempita, sommergendo ancora una volta la città, ma sono state prese misure per assicurarsi che venga preservata per gli scavi futuri, quando l’acqua si ritira ancora una volta. Le rovine sono state sigillate sotto coperture di plastica che impediranno l’erosione e il degrado futuri negli anni a venire. Nel frattempo, il frenetico lavoro ha fornito agli archeologi materiale di studio che potrebbe far luce sulla vita dell’antico Mittani che viveva nell’ex grande città. “I risultati degli scavi mostrano che il sito era un importante centro dell’Impero Mittani”ha detto Qasim. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.