Cina intercetta segnali alieni ma poi cancella il rapporto “possibili segni di vita extraterrestre”

Alcuni ricercatori della Cina hanno parlato di segnali “sospetti” che sarebbero stati intercettati dal gigantesco telescopio “Sky Eye“:

Stando a quanto si apprende, il telescopio cinese potrebbe aver raccolto segnali di traccia da una lontana civiltà aliena, secondo un rapporto pubblicato di recente e successivamente cancellato dagli stessi scienziati. Secondo quanto trapelato, gli astronomi della Beijing Normal University hanno scoperto “diversi casi di possibili tracce tecnologiche e civiltà extraterrestri dall’esterno della  Terra“, secondo  un rapporto pubblicato martedì 14 giugno 2022 su Science and Technology Daily, il quotidiano ufficiale del Ministero cinese della Scienza e della Tecnologia. I segnali sono stati rilevati dal radiotelescopio sferico ad apertura di cinquecento metri cinese (FAST), soprannominato “Sky Eye”, che è il più grande radiotelescopio del mondo. Sky Eye è stato messo al lavoro per scansionare lo spazio profondo alla ricerca di segnali radio che potrebbero indicare la vita extraterrestre nel 2019; vagliando quei dati nel 2020, i ricercatori hanno affermato di aver individuato due segnali radio sospetti a banda stretta e potenzialmente artificiali:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Poi, nel 2022, un’indagine mirata su esopianeti conosciuti ha trovato un altro strano segnale radio a banda stretta, portando il conteggio a tre. Poiché i segnali sono onde radio a banda stretta tipicamente utilizzate solo da aerei e satelliti umani, potrebbero essere stati prodotti da tecnologia aliena. Tuttavia, gli scienziati affermano che i loro risultati sono preliminari e dovrebbero essere presi con cautela fino al completamento dell’analisi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Si tratta di diversi segnali elettromagnetici a banda stretta diversi dal passato e il team sta attualmente lavorando a ulteriori indagini”, ha detto al Science and Technology Daily Zhang Tongjie, scienziato capo del China Extraterrestrial Civilization Research Group presso la Beijing Normal University. Anche la possibilità che il segnale sospetto sia una sorta di interferenza radio è molto alta e deve essere ulteriormente confermata ed esclusa. Questo potrebbe essere un processo lungo”. Dopo la sua pubblicazione, il rapporto ha iniziato rapidamente a circolare sul social network cinese Weibo ed è stato ripreso da una serie di altri organi di informazione statali. Le ragioni della sua improvvisa cancellazione non sono chiare:

Ciò che è certo è che per cercare civiltà extraterrestri, gli esseri umani hanno provato vari metodi, come inviare segnali di veicoli spaziali senza pilota o onde elettromagnetiche dalla terra allo spazio, come ricevere attivamente segnali dagli alieni. I radiotelescopi sono sempre stati la forza principale nell’esplorazione delle civiltà extraterrestri. Negli anni ’60, l’astronomo americano Frank Drake lanciò il primo esperimento moderno per cercare la vita intelligente extraterrestre utilizzando il radiotelescopio di Arecibo, il più grande radiotelescopio degli Stati Uniti dell’epoca, per cercare senza trovare nulla. Le onde elettromagnetiche sono il vettore o il messaggero più adatto per la comunicazione interstellare.Indipendentemente dal vento o dalla pioggia, possono penetrare nell’atmosfera terrestre con qualsiasi tempo. Zhang Tongjie ha affermato che :

- Prosegue dopo la pubblicità -

“China Sky Eye” ha tre vantaggi principali nella ricerca di civiltà extraterrestri: ha un’area del cielo di osservazione più ampia, una sensibilità doppia e 19 raggi che ricevono segnali da diverse aree del cielo. Il radiotelescopio di Arecibo non è stato in grado di rilevare segnali credibili in precedenza, il che potrebbe essere dovuto al fatto che non presenta i tre principali vantaggi del “China’s Sky Eye”, e ovviamente non sono escluse altre ragioni sconosciute. Ora, poiché il radiotelescopio di Arecibo si è completamente ritirato dalla scena della storia, la ricerca di civiltà extraterrestri è caduta sul “Chinese Sky Eye”. I segnali non sono la prima volta che gli scienziati sono stati sconcertati dalle onde radio  dallo spazio profondo. Nell’agosto del 1977, una ricerca SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence) eseguita dal telescopio Big Ear dell’Ohio State University ha rilevato un’esplosione elettromagnetica incredibilmente forte, della durata di un minuto, che esplose a una frequenza che gli scienziati sospettavano potesse essere utilizzata da civiltà aliene. Dopo aver individuato il segnale su una stampa di dati, lo scienziato che lavorava con il telescopio quella notte, Jerry Ehman, ha frettolosamente scarabocchiato “Wow!” a penna rossa sulla pagina, dando alla rilevazione il suo nome famoso. Le ricerche di follow-up nella stessa regione dello spazio sono tornate tutte a mani vuote e ricerche successive hanno suggerito che il segnale potrebbe provenire da una  stella simile al Sole situata nella costellazione del Sagittario, secondo quanto riportato in precedenza da Live Science.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli astronomi cinesi sono desiderosi di escludere le interferenze radio perché nel recente passato ha notoriamente spiato gli scienziati cacciatori di alieni. Nel 2019, gli astronomi hanno individuato un segnale trasmesso sulla Terra da Proxima Centauri, il sistema stellare più vicino al nostro sole (che si trova a circa 4,2  anni luce di  distanza) e sede di almeno un pianeta potenzialmente abitabile. Il segnale era un’onda radio a banda stretta tipicamente associata a oggetti di fabbricazione umana, il che ha portato gli scienziati a considerare l’eccitante possibilità che provenisse da una tecnologia aliena. Nuovi studi pubblicati due anni dopo, tuttavia, hanno suggerito che il segnale è stato molto probabilmente  prodotto da un malfunzionamento della tecnologia umana , secondo quanto riportato in precedenza da Live ScienceAllo stesso modo, un altro famoso insieme di segnali che una volta si supponeva provenisse da alieni, rilevato tra il 2011 e il 2014, si è rivelato essere stato effettivamente prodotto da scienziati che cuocevano i loro pranzi nel microondeTonjie ha aggiunto che il suo team ha in programma di effettuare osservazioni ripetute degli strani segnali per escludere definitivamente qualsiasi interferenza radio e ottenere quante più informazioni possibili su di essi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Non vediamo l’ora che il [telescopio FAST] sia il primo a scoprire e confermare l’esistenza di civiltà extraterrestri”, ha detto Tongjie al Science and Technology Daily . La discrepanza tra la portata e l’età dell’Universo e l’apparente mancanza di forme di vita intelligenti al di là della Terra – chiamate il  Paradosso di Fermi  – hanno a lungo turbato gli scienziati. Il paradosso prende il nome dalle riflessioni casuali all’ora di pranzo del fisico premio Nobel Enrico Fermi, il quale, dopo aver contemplato l’enigma, si dice che abbia osservato: Allora, dove sono tutti?“. È interessante notare che Li Di, il capo scienziato di FAST, ha affermato in un’intervista ai media che si aspetta che FAST produca nuovi risultati in tre direzioni in futuro, una delle quali è in campi esplorativi come segnali di sospette civiltà extraterrestri ed esopianeti. Ha fatto dei nuovi progressi. Peng Bo, direttore del FAST Key Laboratory dell’Accademia cinese delle scienze e ricercatore presso l’Osservatorio astronomico nazionale, ha dichiarato pubblicamente che i segnali ricevuti dal “China Sky Eye” potrebbero avere segnali da civiltà aliene, “ma abbiamo non ho ancora avuto il tempo di identificarli”.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.