NASA svela l’immagine a colori fotografata ad infrarossi più profonda e nitida dell’universo: un ammasso di galassie lontano 5,12 miliardi di anni luce individuata dal telescopio Webb – FOTO e VIDEO

alcune delle immagini svelate durante un live della NASA (link video a fine articolo)

Il telescopio spaziale James Webb della NASA ha fornito finora l’immagine a infrarossi più profonda e nitida dell’universo lontano. Il primo campo profondo di Webb è l’ammasso di galassie SMACS 0723 e pullula di migliaia di galassie, inclusi gli oggetti più deboli mai osservati nell’infrarosso:

https://www.nasa.gov

L’immagine di Webb ha all’incirca le dimensioni di un granello di sabbia tenuto a distanza di un braccio, un minuscolo frammento del vasto universo. La massa combinata di questo ammasso di galassie agisce come una lente gravitazionale, ingrandendo le galassie più lontane, comprese alcune viste quando l’universo aveva meno di un miliardo di anni. Questo campo profondo, ripreso dalla NIRCam ( Near-Infrared Camera ) di Webb, è un composito composto da immagini a diverse lunghezze d’onda, per un totale di 12,5 ore, raggiungendo profondità a lunghezze d’onda infrarosse oltre i campi più profondi del telescopio spaziale Hubble, che hanno richiesto settimane. E questo è solo l’inizio. I ricercatori continueranno a utilizzare Webb per fare esposizioni più lunghe, rivelando più del nostro vasto universo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Essendo l’ammasso lontano da noi circa 5,12 miliardi di anni luce, questa immagine mostra l’ammasso di galassie SMACS 0723 come appariva 4,6 miliardi di anni fa, con molte più galassie davanti e dietro l’ammasso. Molto di più su questo cluster verrà rivelato quando i ricercatori inizieranno a scavare nei dati di Webb. Questo campo è stato ripreso anche dal Mid-Infrared Instrument (MIRI) di Webb, che osserva la luce nel medio infrarosso. La NIRCam di Webb ha messo a fuoco le galassie lontane: hanno strutture minuscole e deboli che non sono mai state viste prima, inclusi ammassi stellari e caratteristiche diffuse. La luce di queste galassie ha impiegato miliardi di anni per raggiungerci. Stiamo guardando indietro nel tempo entro un miliardo di anni dopo il big bang quando osserviamo le galassie più giovani in questo campo. La luce è stata allungata dall’espansione dell’universo alle lunghezze d’onda dell’infrarosso che Webb è stato progettato per osservare. I ricercatori inizieranno presto a saperne di più sulle masse, le età, le storie e le composizioni delle galassie.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Altre caratteristiche includono gli archi prominenti in questo campo. Il potente campo gravitazionale di un ammasso di galassie può piegare i raggi di luce provenienti da galassie più lontane dietro di esso, proprio come una lente d’ingrandimento piega e deforma le immagini. Le stelle vengono anche catturate con picchi di diffrazione prominenti, poiché appaiono più luminose a lunghezze d’onda più corte. L’ immagine MIRI di Webb offre un caleidoscopio di colori e mette in evidenza dove si trova la polvere, un ingrediente importante per la formazione stellare e, in definitiva, per la vita stessa. Le galassie blu contengono stelle, ma pochissima polvere. Gli oggetti rossi in questo campo sono avvolti da spessi strati di polvere. Le galassie verdi sono popolate da idrocarburi e altri composti chimici. I ricercatori saranno in grado di utilizzare dati come questi per capire come le galassie si formano, crescono e si fondono tra loro e, in alcuni casi, perché smettono del tutto di formare stelle.

Oltre a scattare immagini, due degli strumenti di Webb hanno anche ottenuto spettri , dati che rivelano le proprietà fisiche e chimiche degli oggetti che aiuteranno i ricercatori a identificare molti più dettagli sulle galassie lontane in questo campo. L’array di microshutter NIRSpec ( Near Infrared Spectrograph ) di Webb ha osservato 48 singole galassie contemporaneamente – una nuova tecnologia utilizzata per la prima volta nello spazio – restituendo una suite completa di dettagli su ciascuna. I dati hanno rivelato la luce di una galassia che ha viaggiato per 13,1 miliardi di anni prima che gli specchi di Webb la catturassero. I dati NIRSpec dimostrano anche quanto saranno dettagliati gli spettri delle galassie con le osservazioni di Webb. 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Infine, il Near-Infrared Imager and Slitless Spectrograph (NIRISS) di Webb ha utilizzato la spettroscopia a fessura ad ampio campo per acquisire gli spettri di tutti gli oggetti nell’intero campo visivo contemporaneamente. Tra i risultati, dimostra che una delle galassie ha un’immagine speculare. SMACS 0723 può essere visto vicino alla costellazione di Volans nel cielo meridionale. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Credits immagini: NASA, ESA, CSA e STScI

- Prosegue dopo la pubblicità -

Guarda la foto in alta definizione qui. Fonte: https://www.nasa.gov/image-feature/goddard/2022/nasa-s-webb-delivers-deepest-infrared-image-of-universe-yet

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.