Come aiutare gli scienziati della NASA a trovare le nuvole su Marte

Gli scienziati della NASA sperano di risolvere un mistero fondamentale sull’atmosfera di Marte e tu puoi aiutarci. Hanno organizzato un progetto chiamato Cloudspotting on Mars che invita il pubblico a identificare le nuvole marziane utilizzando la piattaforma di citizen science Zooniverse. Le informazioni possono aiutare i ricercatori a capire perché l’atmosfera del pianeta è solo l’1% più densa di quella terrestre, anche se ampie prove suggeriscono che il pianeta aveva un’atmosfera molto più densa.

La pressione dell’aria è così bassa che l’acqua liquida semplicemente vaporizza dalla superficie del pianeta nell’atmosfera. Ma miliardi di anni fa, laghi e fiumi coprivano Marte, suggerendo che l’atmosfera doveva essere più densa allora. Come ha fatto Marte a perdere la sua atmosfera nel tempo? Una teoria suggerisce che meccanismi diversi potrebbero essere il sollevamento dell’acqua in alto nell’atmosfera, dove la radiazione solare scompone quelle molecole d’acqua in idrogeno e ossigeno (l’acqua è composta da due atomi di idrogeno e un atomo di ossigeno). L’idrogeno è abbastanza leggero da poter poi andare alla deriva nello spazio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come la Terra, Marte ha nuvole fatte di ghiaccio d’acqua. Ma a differenza della Terra, ha anche nubi fatte di anidride carbonica (pensa: ghiaccio secco), che si formano quando fa abbastanza freddo da far congelare localmente l’atmosfera marziana. Comprendendo dove e come appaiono queste nubi, gli scienziati sperano di comprendere meglio la struttura dell’atmosfera media di Marte, che è di circa 30-50 miglia (50-80 chilometri) di altitudine.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Vogliamo imparare cosa innesca la formazione delle nuvole – in particolare le nubi di ghiaccio d’acqua, che potrebbero insegnarci quanto il vapore acqueo raggiunge l’alto nell’atmosfera – e durante quali stagioni”, ha affermato Marek Slipski, ricercatore post-dottorato presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud California. È qui che entra in gioco Cloudspotting su Marte. Il progetto ruota attorno a un record di 16 anni di dati dal Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) dell’agenzia, che studia il Pianeta Rosso dal 2006. Lo strumento Mars Climate Sounder della navicella studia l’atmosfera negli infrarossi luce, invisibile all’occhio umano. Nelle misurazioni effettuate dallo strumento mentre MRO orbita attorno a Marte, le nuvole appaiono come archi. Il team ha bisogno di aiuto per vagliare quei dati su Zooniverse, segnando gli archi in modo che gli scienziati possano studiare in modo più efficiente dove si trovano nell’atmosfera.

“Ora abbiamo oltre 16 anni di dati da cercare, il che è molto prezioso: ci consente di vedere come le temperature e le nuvole cambiano nelle diverse stagioni e di anno in anno”, ha affermato Armin Kleinboehl, vice ricercatore principale di Mars Climate Sounder presso JPL. “Ma sono molti i dati da esaminare per un piccolo team”. Mentre gli scienziati hanno sperimentato algoritmi per identificare gli archi nei dati del Mars Climate Sounder, è molto più facile per gli esseri umani individuarli ad occhio. Ma Kleinboehl ha affermato che il progetto Cloudspotting potrebbe anche aiutare a formare algoritmi migliori che potrebbero svolgere questo lavoro in futuro. Inoltre, il progetto include webinar occasionali in cui i partecipanti possono ascoltare dagli scienziati come verranno utilizzati i dati. Cloudspotting on Mars è il primo progetto di scienza planetaria finanziato dal programma Citizen Science Seed Funding della NASA . Il progetto è condotto in collaborazione con l’Istituto Internazionale di Scienze Astronautiche. Per ulteriori opportunità di scienza dei cittadini della NASA, vai su science.nasa.gov/citizenscience. JPL, una divisione del Caltech a Pasadena, in California, guida la missione Mars Reconnaissance Orbiter – così come lo strumento Mars Climate Sounder – per la direzione della missione scientifica della NASA a Washington.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: https://www.nasa.gov/feature/jpl/help-nasa-scientists-find-clouds-on-mars

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.