Gli scienziati sembrano aver trovato una “seconda Terra” a quattro anni luce di distanza ed è possibile che ospiti la vita

La possibilità di visitare e colonizzare nuovi pianeti diventa sempre più reale con il passare degli anni e dei progressi scientifici. Noi umani guardiamo allo spazio e ai viaggi stellari come un modo per espanderci e svilupparci ulteriormente. Per questo, gli scienziati studiano le qualità di dozzine di pianeti al di fuori del nostro Sistema Solare alla ricerca di uno con le condizioni ideali per la vita umana.

Il 24 agosto 2016 è stato rilevato un nuovo esopianeta nel sistema solare di Proxima Centauri, una nana rossa e la stella più vicina al nostro Sole nell’intero universo. Il pianeta stesso, chiamato Proxima Centauri B, è un pianeta roccioso con raggio e massa leggermente più grandi della Terra , che gli conferiscono dimensioni e composizione molto simili alla nostra casa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un’importante differenza rispetto alla Terra è che Proxima Centauri B orbita attorno al suo sole in modo tale che un lato sia permanentemente fissato verso la nana rossa, mentre l’altro lato sia permanentemente al buio . Questo fenomeno è noto come “rotazione sincrona” e la Luna lo esibisce anche rispetto alla Terra.

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jose M (@rosique2000)


Secondo gli esperti, il pianeta si trova all’interno della zona abitabile del suo sole , la regione del sistema in cui, date le giuste condizioni e proprietà atmosferiche, potrebbe esistere acqua liquida sulla superficie del pianeta. La presenza di acqua liquida non è stata ancora confermata, ma le sue caratteristiche sono promettenti.

Tutte queste caratteristiche hanno fatto guadagnare al pianeta il soprannome di “seconda Terra”, un luogo con proprietà quasi ideali per la colonizzazione umana, dove le condizioni sono molto simili a quelle che vediamo oggi sul nostro pianeta. Ma c’è un dettaglio importante che dobbiamo ricordare.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Proxima Centauri B è a 4,27 anni luce dalla Terra , il che significa che se dovessimo costruire un veicolo spaziale che viaggiasse esattamente alla velocità della luce, l’equipaggio impiegherebbe circa 4 anni e 3 mesi per raggiungere il pianeta. . Ma questo è improbabile e molto probabilmente sarebbe un viaggio che richiederebbe decenni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ci sono anche altri problemi. Uno di questi è che la luce emessa da Proxima è vicina all’infrarosso, una lunghezza d’onda a cui non siamo abituati , mentre quella del nostro Sole rientra nella gamma della luce visibile. Questa differenza può avere conseguenze difficili da prevedere per le interazioni con il vapore acqueo e l’anidride carbonica nell’atmosfera.

D’altra parte, alcuni scienziati stimano che l’atmosfera di Proxima B potrebbe essere molto più debole di quella del nostro pianeta , il che ci renderebbe molto più vulnerabili alla radiazione solare e ridurrebbe notevolmente l’abitabilità della nostra “seconda casa”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Inoltre, uno studio ha dimostrato che le radiazioni di Proxima deteriorerebbero un’atmosfera come quella terrestre 10.000 volte più velocemente del nostro Sole. Questa non è una buona notizia. Anche se oggi è troppo presto per pianificare una migrazione di esopianeti, gli scienziati stanno continuando la loro ricerca di risposte e sembra che altre domande stiano arrivando.

E vale la pena chiedersi, riusciremo davvero a raggiungere Proxima B un giorno? Come e quando lo raggiungeremo? Come sopravviveranno i coloni? E ancora, una domanda che non vediamo molto spesso quando si parla di Proxima B, come vivremo in equilibrio con le sue caratteristiche, per evitare di avvelenarlo così come avveleniamo la nostra Terra? Solo il tempo può darci queste risposte.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.