Cancro, trovata una cura che consente al sistema immunitario di riconoscere rapidamente le cellule tumorali

Distruggere il cancro attraverso “etichette” che il sistema immunitario può riconoscere facilmente per “mangiare” le cellule tumorali: è una tecnica che i nuovi trattamenti per la malattia stanno perseguendo. Secondo un nuovo studio, l’ipotesi di un farmaco capace di stimolare il sistema immunitario a disfarsi del cancro potrebbe rivelarsi una realtà:

Questo è essenzialmente l’approccio che sta adottando una forma fiorente di trattamento del cancro, ancora da testare sugli esseri umani, come descritto in un nuovo studio pubblicato nella pubblicazione peer-reviewed Cancer Cell. In pratica, il trattamento funziona attirando una proteina del gene KRAS che causa il cancro, che si ritiene sia responsabile di un quarto intero di tutti i tumori, sulla superficie della cellula cancerosa. A quel punto, il trattamento induce la proteina ora emersa alla trasformazione in un gigantesco segnale che consentirebbe al sistema immunitario di riconoscere rapidamente le cellule cancerose nelle parole del comunicato stampa dello studio:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Il sistema immunitario ha già il potenziale per riconoscere il KRAS mutato, ma di solito non riesce a trovarlo molto bene”, ha affermato il coautore dello studio Kevin Shokat, un chimico della UCSF, nel comunicato. “Quando mettiamo questo marcatore sulla proteina, diventa molto più facile per il sistema immunitario”. Il sistema messo in atto sembra semplice ma ha richiesto anni di studio a causa del fatto è molto difficile per i farmaci legarsi alla superficie di una proteina KRAS mutata e cancerogena, e questo presuppone che tu possa persino raggiungere la proteina, perché la maggior parte di essi risiede all’interno della cellula, dove evita il rilevamento dal sistema immunitario del corpo.  Grazie, in parte, alla ricerca di Shokat sul KRAS nel corso degli anni, gli scienziati sono stati così capaci di creare farmaci, come il sotorasib (ovvero il Lumakras), che aiutano a bloccare la crescita del tumore del KRAS. Ma per estirpare e uccidere davvero le cellule KRAS, i ricercatori si sono rivolti a un altro farmaco:

- Prosegue dopo la pubblicità -

ARS1620. Nello studio Cancer Cell , i ricercatori hanno scoperto che ARS1620 non solo si legava alle proteine ​​KRAS e ne bloccava gli effetti tumorali, ma le attirava anche sulla superficie della cellula. Meglio ancora, quando sono legati insieme, il complesso farmaco-KRAS che hanno formato ha avvisato il sistema immunitario del corpo di liberarsi della cellula su cui si trovano. “Questa proteina mutata di solito vola sotto il radar perché è così simile alla proteina sana”, ha affermato Charles Craik, uno degli autori dello studio e professore di chimica farmaceutica all’UCSF, nella stessa versione. “Ma quando gli attacchi questo farmaco, viene individuato immediatamente”. Nello studio, i ricercatori hanno dichiarato si essere stati in grado di sviluppare una nuova forma di immunoterapia che incita il sistema immunitario a riconoscere e indirizzare i KRAS cancerosi che sono legati all’ARS1620:

Lo studio ha anche scoperto che il trattamento funziona sulle cellule KRAS che erano già resistenti al farmaco. È uno sviluppo promettente, ma, per verificare gli effetti del nuovo trattamento, sarà necessaria molta pratica su pazienti umani. “Questa è una tecnologia di piattaforma”, ha affermato Craik.“Vorremmo perseguire altri bersagli che potrebbero anche spostare le molecole sulla superficie cellulare e renderle suscettibili all’immunoterapia”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

#cancro #tumore #immunoterapia

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.