Tre meteoriti precipitano su Marte: registrati i boati – VIDEO

Il lander Mars InSight ha rilevato e registrato i suoi prodotti da onde sismiche e acustiche create quando quattro rocce spaziali hanno colpito la superficie del Pianeta Rosso:

Il sismometro di InSight ha rilevato le vibrazioni degli impatti nel 2020 e nel 2021, segnando i primi rilevamenti di meteoroidi che hanno colpito il pianeta da quando il lander ha iniziato a raccogliere dati dopo l’atterraggio nel 2018. Gli impatti del meteoroide si sono verificati tra 53 miglia (85 chilometri) e 180 miglia (290 km) dalla posizione di InSight nella regione Elysium Planitia di Marte, un’ampia pianura che si estende attraverso l’equatore marziano. Una delle rocce spaziali, la prima che gli scienziati hanno rilevato, ha fatto un ingresso drammatico e violento il 5 settembre 2021, esplodendo in pezzi. Almeno tre frammenti separati di questi meteoriti hanno colpito la superficie marziana, lasciando ciascuno un cratere. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) della NASA ha confermato la posizione di questi impatti dall’orbita. La navicella, lanciata nel 2005, inizialmente acquisì immagini in bianco e nero delle regioni con la sua Context Camera, rivelando macchie scure sulla superficie marziana. Dopo aver individuato questi siti di impatto, MRO ha proseguito raccogliendo immagini a colori e primi piani utilizzando la sua fotocamera per esperimenti scientifici di imaging ad alta risoluzione ( HiRISE ). I meteoroidi potrebbero aver lasciato crateri aggiuntivi attorno a questi siti di impatto che sono troppo piccoli per essere individuati anche da HiRISE. La ricerca tra i dati precedenti raccolti da InSight ha rivelato che il sismometro del lander aveva già rilevato tre impatti precedenti il ​​27 maggio 2020, il 18 febbraio e il 31 agosto 2021. I quattro impatti hanno prodotto piccoli terremoti di magnitudo non superiore a 2,0. “Dopo tre anni di attesa di InSight per rilevare un impatto, quei crateri sembravano bellissimi”, ha detto in una nota Ingrid Daubar , scienziata planetaria della Brown University di Rhode Island e parte del team che ha fatto la scoperta .

Perché così pochi impatti?

Gli scienziati planetari sono confusi sul motivo per cui InSight non ha rilevato più impatti di rocce spaziali sul Pianeta Rosso. Non solo Marte si trova vicino alla cintura principale di asteroidi del sistema solare, un punto caldo per le rocce spaziali, ma la sua sottile atmosfera dovrebbe consentire ai meteoroidi di attraversarlo senza distruggerli. Questi fattori significano che una proporzione maggiore di rocce spaziali dovrebbe raggiungere la superficie marziana rispetto, diciamo, a quella terrestre. I ricercatori sono abbastanza fiduciosi che la mancanza di rilevamenti non sia un segno che il sismometro di InSight sia difettoso. Nei suoi quasi quattro anni sul Pianeta Rosso, lo strumento ha rilevato più di 1.300 terremoti ed è stato abbastanza sensibile da rilevare le onde sismiche da migliaia di miglia di distanza.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli scienziati di InSight avevano pensato che gli impatti potessero essere nascosti dal rumore del vento sul Pianeta Rosso o dai cambiamenti stagionali nell’atmosfera. I ricercatori ora rivisiteranno i dati di InSight per cercare le impronte sismiche di altri impatti di rocce spaziali. Qualsiasi impatto di questo tipo che trovano potrebbe aiutare gli scienziati a comprendere meglio l’età della superficie marziana. Il conteggio dei crateri da impatto è un modo in cui gli scienziati datano l’età della superficie di un pianeta, il che significa che la nuova scoperta e qualsiasi impatto aggiuntivo potrebbero essere vitali per costruire una linea temporale per Marte.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Gli impatti sono gli orologi del sistema solare”, ha affermato nella stessa dichiarazione Raphael Garcia, scienziato planetario dell’Institut Supérieur de l’Aéronautique et de l’Espace in Francia e autore principale della nuova ricerca. “Dobbiamo conoscere il tasso di impatto oggi per stimare l’età di diverse superfici“. Combinando i dati di InSight relativi alle onde d’urto create quando le rocce spaziali colpiscono l’atmosfera con i dati raccolti dall’orbita, gli scienziati potrebbero anche essere in grado di ricostruire la traiettoria in arrivo di uno specifico meteoroide.

“Stiamo imparando di più sul processo di impatto stesso”, ha detto Garcia. “Ora possiamo abbinare diverse dimensioni di crateri a specifiche onde sismiche e acustiche”. E i ricercatori hanno un po’ più di tempo per raccogliere dati con InSight di quanto pensassero. L’accumulo di polvere sui pannelli solari del lander ne riduce l’alimentazione e alla fine lo costringerà a spegnersi; stime precedenti suggerivano che ciò sarebbe avvenuto alla fine dell’estate, ma ora il personale della missione pensa che non accadrà fino a tra ottobre 2022 e gennaio 2023.  Un documento che descrive in dettaglio i risultati di InSight è stato pubblicato lunedì (19 settembre) sulla rivista Nature Geoscience (si apre in una nuova scheda).

- Prosegue dopo la pubblicità -

#marte #meteoriti

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.