Gli allevamenti di alghe a terra potrebbero aiutare a risolvere i futuri problemi di produzione alimentare globale

Entro la metà del secolo, la società dovrà intensificare in modo significativo la produzione del suo sistema di produzione alimentare riducendo la sua impronta: uso del suolo, risorse di acqua dolce e biodiversità. Un nuovo studio ipotizza che questi futuri problemi di produzione alimentare globale potrebbero essere risolti coltivando microalghe nutrienti e ricche di proteine ​​(unicellulari) in sistemi di acquacoltura a terra alimentati con acqua di mare.

Oggi l’agricoltura è la spina dorsale della produzione alimentare, ma con gli elevati costi ambientali e le numerose emissioni di gas serra, c’è molto margine di miglioramento. L’acquacoltura marina è sottosviluppata e ha anche un impatto ambientale.” Non possiamo raggiungere i nostri obiettivi con il modo in cui attualmente produciamo cibo e la nostra dipendenza dall’agricoltura terrestre.”Charles Greene, professore emerito di scienze della terra e dell’atmosfera e autore principale dell’articolo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sistemi di acquacoltura a terra. È qui che entrano in gioco i sistemi di acquacoltura terrestre. I ricercatori della Cornell University sostengono che la crescita delle alghe negli allevamenti di acquacoltura a terra può fare una grande differenza .

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori hanno studiato come la crescita delle alghe sulla terraferma potrebbe colmare il divario previsto nelle future esigenze nutrizionali della società . Inoltre, l’impronta ambientale di queste nuove fattorie ridurrebbe la deforestazione e non richiederebbe né suolo né fertilizzanti.

Abbiamo l’opportunità di coltivare cibo a crescita rapida e altamente nutriente e possiamo farlo in ambienti in cui non competiamo con altri usi. E poiché lo coltiviamo in strutture relativamente chiuse e controllate, non abbiamo lo stesso tipo di impatto ambientale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori della Cornell hanno utilizzato modelli basati su GIS per prevedere i rendimenti in base alla luce solare annuale, alla topografia e ad altri fattori ambientali e logistici. I risultati del modello rivelano che le posizioni migliori per gli impianti di allevamento di alghe a terra si trovano lungo le coste del Sud del mondo, compresi gli ambienti desertici.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le microalghe marine sono una grande fonte non sfruttata di proteine ​​alimentari di alta qualità . Le microalghe marine forniscono anche sostanze nutritive che mancano nelle diete vegetariane, come aminoacidi e minerali essenziali presenti nella carne e acidi grassi omega-3 che si trovano spesso nel pesce e nei crostacei. Le alghe crescono dieci volte più velocemente delle colture tradizionali e possono essere prodotte in modo più efficiente dell’agricoltura nell’uso dei nutrienti.

Riducendo la domanda di terreni agricoli dall’agricoltura, la coltivazione di microalghe marine può anche ridurre le emissioni di gas serra e la perdita di biodiversità, osservano i ricercatori. Inoltre, sebbene l’allevamento delle alghe risolva sulla carta molti problemi alimentari e ambientali, può avere successo solo se le persone lo adottano nella loro dieta e per altri usi.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.