Gli scienziati scoprono che le famose linee di Nazca non sono ciò che si credeva

Un’indagine ha rivelato la vera identità di alcuni degli animali rappresentati nei geoglifi di Nazca. Le linee di Nazca sono un insieme di diverse centinaia di geoglifi disegnati sul terreno che rappresentano figure geometriche, piante e animali. Sono stati tracciati dalla cultura di Nazca più di 2000 anni fa e dal 1994 sono stati dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Furono scoperti nel XVI secolo dai conquistatori spagnoli, ma fu solo nel secolo scorso che iniziarono a essere studiati in dettaglio. Oggi sono circondati da molti misteri: quale metodo è stato utilizzato per rintracciarli? Qual è il suo significato? Cosa rappresentano esattamente?

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un recente studio pubblicato sul Journal of Archaeological Science Reports, condotto da ricercatori giapponesi, ha rivelato le identità di alcuni degli uccelli raffigurati nei geoglifi. Masaki Eda, uno dei ricercatori, ha stabilito che fino ad ora gli uccelli erano stati identificati esclusivamente sulla base di alcuni tratti della forma del corpo. In questo studio, tuttavia, hanno deciso di esaminare i dettagli sulle forme e le dimensioni relative di becchi, teste, colli, corpi, ali, code e zampe:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questi dati sono stati poi confrontati con le caratteristiche degli uccelli moderni del Perù. L’analisi ha mostrato che le ipotesi precedenti sull’identità degli uccelli erano sbagliate. Eda e colleghi hanno riclassificato un uccello che in precedenza era stato genericamente identificato come colibrì come eremita. D’altra parte, due geoglifi che erano stati classificati in un caso come uccello guano e in un altro come uccello non identificato, si sono rivelati pellicani.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Altri disegni potrebbero rappresentare condor o fenicotteri non hanno caratteristiche sufficienti per verificarne l’identità e sono troppo diversi dagli uccelli moderni. È importante notare che i ricercatori hanno stabilito che gli abitanti della cultura di Nazca disegnavano solo uccelli esotici che si trovano solo in regioni lontane. Il pellicano è uno di questi e gli scienziati ipotizzano che potrebbero essere stati avvistati mentre cercavano cibo al largo della costa peruviana. Sebbene non sveli tutti i segreti che si nascondono ancora dietro queste meravigliose opere, gli scienziati giapponesi ritengono che la conoscenza prodotta da questa ricerca possa aiutare a capire in futuro perché queste opere sono state realizzate. A tal proposito, riportiamo qui sotto il link ad un video-approfondimento diffuso sul web:

- Prosegue dopo la pubblicità -

#nazca #perù #geoglifi #geoglifo #archeologia

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.