Impronta idrica: quanta acqua costa ciò che mangiamo?

Qualsiasi alimento destinato al consumo umano genera un’impronta idrica significativa di cui la stragrande maggioranza delle persone non è a conoscenza.

Quali sono gli alimenti che producono la maggiore impronta idrica?
Manzo
Latticini
Frutta, verdura e legumi

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sai qual è l’ impronta idrica e perché è così importante? Se la risposta è NO, allora devi iniziare a imparare un po’ di più sull’argomento. L’ impronta idrica del cibo indica quanta acqua costa ciò che mangiamo, qualcosa a cui pochissime persone danno l’importanza che richiede.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo è solo uno dei motivi per cui dovrebbe essere preso in considerazione immediatamente. Soprattutto quando si consumano determinati alimenti che richiedono grandi quantità di acqua per la loro produzione e successiva distribuzione.

Che cos’è l’impronta idrica?
Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO). L’ impronta idrica generata da una persona o da una comunità è definita come la quantità totale di acqua utilizzata nel processo di produzione di beni e servizi. Questi sono consumati dall’individuo o dalla comunità a cui appartiene.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In altre parole, serve come indicatore ambientale per sapere quanta acqua costa ciò che mangiamo. Inoltre, viene utilizzato come un modo per rendere le persone consapevoli della quantità di acqua necessaria per godersi il cibo che viene consumato quotidianamente. L’idea è quella di promuovere nella società un piano che consenta una gestione efficiente del liquido vitale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

COME VIENE CALCOLATA L’IMPRONTA IDRICA?
Per eseguire il calcolo necessario per la produzione di determinati alimenti, il volume viene misurato attraverso i suoi metri cubi o litri. Questo per quanto riguarda l’acqua che viene utilizzata durante la filiera del prodotto che viene prodotto.

Questa parte deve comprendere l’acqua utilizzata per lo stesso prodotto, oltre a quella contaminata durante il processo. Da tenere in considerazione anche quello che viene restituito al mare o al fiume e quello che evapora nel tempo in cui si effettua la produzione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Allo stesso modo, ci sono tre indicatori che devono essere presi in considerazione, quasi obbligatoriamente, nel calcolo dell’impronta idrica negli alimenti . Questi indicatori sono classificati in tre colori in base all’origine dell’acqua utilizzata durante il processo di produzione alimentare.

Impronta idrica verde: Si tratta di acqua immagazzinata, sia in superficie che nel sottosuolo, entrambe alla piena portata delle colture vegetali.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Impronta idrica blu: A differenza della precedente, l’ impronta idrica blu deriva da fonti naturali e artificiali create attraverso diverse strutture o infrastrutture. Si ottengono dalla pioggia o dalla neve e azionati dall’uomo per averli a disposizione ogni qualvolta sia necessario nella filiera produttiva.

Impronta idrica grigia: In questo caso si intende il volume di acqua dolce necessario per poter assorbire qualsiasi agente contaminante, prima di riportare l’acqua alla fonte di origine. Tenendo conto che detta acqua ha la stessa qualità di quando veniva utilizzata nel processo produttivo. Inoltre, deve rispettare le normative vigenti in materia di qualità ambientale, nonché i parametri stabiliti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come ridurre la mia impronta idrica?
Impronta idrica

Oggi, la costante crescita della popolazione ha fatto aumentare notevolmente il consumo di acqua. Ma, nonostante l’enorme quantità di acqua che si trova sul pianeta, solo una minima quantità è adatta al consumo umano. Il che significa che è una risorsa molto preziosa e allo stesso tempo rischia di scomparire con l’aumento degli abitanti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Anche se è vero che i produttori di cibo utilizzano una grande quantità di acqua per i loro raccolti e la produzione di vari alimenti. È anche importante che ogni persona possa fare la propria parte per contribuire a ridurla, che continua a crescere nel tempo.

Per raggiungere questo obiettivo, è essenziale che le persone siano più consapevoli del cibo che consumano quotidianamente. Così come le varie pratiche sostenibili che possono essere incorporate nello stile di vita attuale. Alcuni dei suggerimenti più importanti per ridurre l’ impronta idrica degli alimenti sono i seguenti:

IMPLEMENTARE CIBO SOSTENIBILE
La maggior parte delle volte, le persone consumano prodotti che vengono prodotti lontano da dove vivono. Ma non hanno idea della quantità di risorse che vanno nella produzione di questi prodotti. Quando si tratta di ridurre l’ impronta idrica , è consigliabile optare per alimenti di produzione locale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Allo stesso modo, è essenziale aumentare il consumo di verdura, verdura e frutta, riducendo carne e prodotti animali. Questo perché la carne è uno dei prodotti i cui processi produttivi richiedono quantità incredibili di acqua dolce.

Quindi è importante conoscere i processi di produzione degli alimenti per il consumo quotidiano. E in questo modo, optate per quelli che utilizzano un volume d’acqua notevolmente inferiore.

INCORPORA ALTRE PRATICHE SOSTENIBILI A CASA
Sebbene sia vero che il cibo sostenibile è essenziale per ridurre l’impronta idrica, non è l’unica pratica che può essere attuata. Esatto, al momento ci sono molte persone che usano quantità sproporzionate di acqua all’interno della casa. Questo non aiuta affatto la cura dell’ambiente e aumenta l’ impronta idrica .

In questo senso, l’ideale è iniziare a introdurre pratiche semplici, come non usare troppa acqua per lavare l’auto. Ridurre i tempi delle docce quotidiane, riparare eventuali perdite d’acqua nelle tubazioni. Ognuna di queste pratiche sostenibili consente un maggiore risparmio energetico. Soprattutto nei processi di canalizzazione e pulizia applicati al volume di questa importante risorsa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

RIDUCE IL CONSUMO DI ENERGIA
Anche il risparmio energetico in casa gioca un ruolo fondamentale nella riduzione dell’impronta idrica . Per raggiungere questo obiettivo puoi iniziare a utilizzare gli elettrodomestici in modo efficiente, in particolare la lavastoviglie e la lavatrice. Quando non sono in uso, è consigliabile scollegarli o spegnerli per migliorare il risparmio energetico. Minore è la quantità di acqua utilizzata da questo tipo di apparecchio, maggiore sarà il risparmio energetico.

APPLICARE LA REGOLA 3R
Ridurre, riutilizzare, riciclare, questa è quella, già da molti conosciuta, come la regola 3R, nata per ridurre l’utilizzo di prodotti e servizi che causano danni ambientali. Questa regola è perfetta per essere più consapevoli dell’uso dell’acqua e quindi ridurlo. Perché applicando la regola si impara a usare l’acqua in modo efficiente, riducendo l’uso di risorse non rinnovabili, come l’acqua.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quali sono gli alimenti che producono la maggiore impronta idrica?
Impronta idrica
Che siano verdure, legumi o carne, dovresti sapere che qualsiasi alimento genera un’impronta idrica. Questo perché il suo processo di produzione richiede una certa quantità di acqua per produrre un determinato alimento.

Di seguito, vi mostriamo alcuni degli alimenti con il maggiore impatto sull’impronta idrica :

MANZO
Esatto, la carne bovina è considerata l’alimento che richiede la maggior quantità di acqua per la sua produzione. Pertanto, è il prodotto che genera il maggior impatto in termini di impronta idrica . Nel caso della carne bovina sono necessari almeno 15.400 litri di acqua per ogni chilo di carne.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Allo stesso modo, la carne di maiale, agnello e capra richiede dai 6 ai 9 mila litri di acqua per chilogrammo. Mentre la carne di pollo ha bisogno di 4.500 litri per ogni litro d’acqua, che rappresenta una notevole diminuzione rispetto alla carne di manzo.

Tieni presente che la carne genera un’impronta idrica maggiore rispetto alle piante. E che gli animali hanno bisogno di determinate colture destinate al loro cibo, il che rappresenta un maggiore consumo di acqua.

LATTICINI
Trattandosi di prodotti di origine animale, anche i latticini necessitano di grandi quantità di acqua per raggiungere la loro corretta produzione. Per fare un chilo di burro, infatti, occorrono più di 5.000 litri di acqua, una quantità maggiore di quella necessaria per produrre un chilogrammo di carne di pollo.

Tuttavia, il latte, essendo uno dei prodotti lattiero-caseari più consumati al mondo, genera un impatto sull’impronta idrica inferiore rispetto ad altri prodotti della stessa origine. In questo senso, richiede solo poco più di mille litri durante il suo processo produttivo. D’altra parte, il formaggio ha bisogno di latte per produrlo, quindi la sua impronta idrica viene aumentata utilizzando circa 4.000 litri di acqua.

FRUTTA, VERDURA E LEGUMI
Sebbene il consumo di questi alimenti abbia un impatto minore rispetto a quelli di origine animale, richiedono anche una certa quantità di acqua per la loro produzione. Ad esempio, noci e legumi richiedono molta acqua prima di raggiungere la tavola delle famiglie che li consumano. I legumi necessitano di poco più di 4.000 litri di acqua per chilo, ma i legumi più del doppio di queste quantità, poiché richiedono 9.000 litri di acqua.

D’altra parte, le verdure necessitano solo di circa 300 litri di acqua per la loro produzione, il che le rende l’alimento che genera la più piccola impronta idrica di tutti. Anche la frutta fa parte di questa linea, poiché richiedono solo 900 litri di acqua per ogni chilogrammo prodotto.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.