L’inquietante suono di un vero buco nero registrato nello spazio

la vera foto di un buco neroSei convinto che lo spazio non abbia suoni? Beh: questo malinteso nasce dal fatto che non è possibile propagarli. Tuttavia, nell’ambito della Black Hole Week, la NASA a rimasterizzare il suono di un buco nero nell’ammasso galattico di Perseo per consentire all’orecchio umano di poterlo ascoltare. Ingrandita di circa 57 ottave sopra il suo tono effettivo, si dice che la registrazione contenga la nota più bassa dell’universo e suoni piuttosto inquietante:

C’è una falsa idea comune che i buchi neri non facciano rumore: la NASA ha affermato che le persone presumono che non ci sia suono nello spazio a causa del “fatto che la maggior parte dello spazio è essenzialmente un vuoto, che non fornisce alcun mezzo per la propagazione delle onde sonoreMa in realtà, il suono è molto diverso da quello che siamo abituati a sentire nella nostra vita quotidiana. Un ammasso di galassie ha un’abbondanza di gas, che fornisce questo mezzo necessario. Nel 2003, gli astronomi hanno infatti scoperto che i buchi neri causano increspature negli ammassi di galassie, le strutture più grandi del cosmo, e che questo può essere tradotto in suono utilizzando la sonificazione dei dati. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli astronomi hanno precedentemente identificato onde sonore provenienti dal buco nero nell’ammasso di galassie Perseo, che dista circa 250 milioni di anni luce dalla Terra, ma è solo di recente che sono state estratte e rese udibili al pubblico per la prima volta. La scansione simile a un radar attorno all’immagine sull’ammasso di galassie ci consente di ascoltare le onde sonore emesse; Gli scienziati estraggono le onde in direzioni radiali, cioè verso l’esterno dal centro, e le risintesizzano per l’orecchio umano.

La NASA e il Chandra X-ray Center hanno collaborato a un catalogo di “sonificazioni” celesti, convertendo i modelli nello spettro elettromagnetico in suoni che possiamo sentire. Altre sonificazioni esistenti nel catalogo includono i suoni del nucleo, delle supernove e delle nebulose della nostra galassia. Mentre altri “suoni” sono stati catturati, le onde sonore estratte nell’ammasso galattico di Perseo possono essere classificate più accuratamente come tali. Il centro radiologico Chandra afferma che “questa sonificazione è diversa da qualsiasi altra fatta prima perché rivisita le effettive onde sonore scoperte” nei loro dati. Oltre a suonare come qualcosa di Star Wars o di una colonna sonora di Hans Zimmer, le onde sonore del buco nero al centro di Perseus sono molto più di una sonificazione spettrale. Steve Allen, co-ricercatore nello studio, afferma che queste onde sonore potrebbero in effetti essere fondamentali per capire come crescono gli ammassi di galassie. Gli astronomi stanno ora analizzando altri ammassi di galassie per onde sonore simili.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I suoni dello spazio sono davvero a portata di mano anche adesso. Di recente, gli scienziati hanno condiviso che Marte ha due velocità del suono. L’anno scorso, la NASA ha condiviso il suono di Butterfly Nebula (un vivaio di stelle – carino!), creato attraverso la sonificazione dei dati mentre si libra nello spazio a più di 600.000 mph. Si trova a circa 2.500-3.800 anni luce dalla Terra. La clip è una rivisitazione dello spazio profondo attraverso la musica, convertendo i dati in suoni. Ad ogni lunghezza d’onda della luce viene assegnato un diverso gruppo di strumenti per creare una “sinfonia di suoni rilassanti”. Le ali della nebulosa, ad esempio, sono legate a fili e le stelle a un’arpa. 

- Prosegue dopo la pubblicità -

#spazio #suonidallospazio #buconero #astrononia #nasa

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.