Scoprono in Spagna una tartaruga marina preistorica delle dimensioni di un’auto

Nelle montagne dei Pirenei meridionali, gli scienziati hanno scoperto i resti di una nuova specie di enorme tartaruga marina. La creatura preistorica è la più grande del suo genere mai trovata in Europa.

Ricostruzione illustrata della grande tartaruga marina del Cretaceo.
I ricercatori hanno portato alla luce i resti di una nuova specie di gigantesca tartaruga marina nel nord della Spagna. Con un peso di circa due tonnellate e una lunghezza di 3 metri, la creatura preistorica è la più grande del suo genere mai scoperta in Europa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli scienziati hanno descritto la tartaruga, che hanno chiamato Leviathanochelys aenigmatica , che visse durante il periodo Cretaceo, l’ultimo capitolo dell’era dei dinosauri, in un articolo pubblicato su Scientific Reports. La tartaruga preistorica fa impallidire la tartaruga più grande di oggi, la liuto, che può raggiungere i 2 metri di lunghezza ed è nota per le sue maratone di migrazioni marittime.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Leviathanochelys è quasi uguale alla più grande tartaruga conosciuta, l’Archelon, che visse circa 70 milioni di anni fa e raggiunse circa 4,6 metri di lunghezza. Leviathanochelys aenigmatica significa “enigmatica tartaruga leviatana ” a causa delle sue grandi dimensioni e della curiosa forma del suo bacino, che i ricercatori sospettano sia correlata al suo sistema respiratorio.

“Leviathanochelys era lungo quanto una Mini Cooper, mentre Archelon aveva le stesse dimensioni di una Toyota Corolla “, ha detto il paleontologo e coautore dello studio Albert Sellés, dell’Institut Català de Paleontologia (ICP), un centro di ricerca affiliato all’Università autonoma di Barcellona.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il sito di scavo dove sono stati trovati i fossili della grande tartaruga marina del Cretaceo Leviathanochelys aenigmatica, vissuta circa 83 milioni di anni fa, nella regione catalana di Alt Urgell, nel nord-est della Spagna. Era bello avere le dimensioni di un’auto, considerando il traffico pericoloso dell’antico mare di Teti in cui nuotava Leviathanochelys.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Enormi rettili marini con mascelle potenti chiamati mosasauri erano i migliori predatori, alcuni dei quali superavano i 15 metri di lunghezza. Hanno anche inseguito vari squali e razze, oltre a rettili marini dal collo lungo chiamati plesiosauri.

Attaccare un animale delle dimensioni di Leviathanochelys potrebbe essere stato fatto solo da grandi predatori nel contesto marino. A quel tempo, i grandi predatori marini nella zona europea erano principalmente squali e mosasauri“, spiega Óscar Castillo, uno studente del master laureato in paleontologia presso l’Università Autonoma di Barcellona e autore principale dello studio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Durante il Cretaceo, c’è stata una tendenza per le tartarughe marine ad aumentare le dimensioni corporee. Leviathanochelys e Archelon potrebbero rappresentare l’apice di questo processo. La ragione di questo aumento delle dimensioni corporee è stata ipotizzata essere pressioni predatorie, ma potrebbero esserci altre fattori.” ha aggiunto Castillo. Altre grandi tartarughe del passato terrestre sono Protostega e Stupendemys, entrambe lunghe circa 4 metri.

Protostega era una tartaruga marina del Cretaceo che visse circa 85 milioni di anni fa e, come il suo successivo cugino Archelon, abitava il grande mare interno che a quel tempo divideva in due il Nord America. Stupendemys vagava per i laghi e i fiumi del nord del Sud America circa 7-13 milioni di anni fa, durante l’epoca del Miocene.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli scienziati hanno portato alla luce i resti di Leviathanochelys vicino alla città di Coll de Nargó, nella regione dell’Alt Urgell in Catalogna, dopo che un escursionista ha individuato i fossili che spuntavano dal terreno nelle montagne dei Pirenei meridionali. Ad oggi sono state trovate parti della parte posteriore del suo guscio e la maggior parte della cintura pelvica, ma non il cranio, la coda o gli arti.

La presenza di un paio di sporgenze ossee nella parte anteriore del bacino differisce da quella di qualsiasi altra tartaruga marina conosciuta, indicando che Leviathanochelys rappresenta un lignaggio appena scoperto.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.