Cosa ci fa a Roma una piramide egizia del 18 a.C.: la Storia, gli interni, le iscrizioni – video

Non solo Colosseo: a Roma c’è anche la Piramide Cestia (o Piramide di Caio CestioSepulcrum Cestii in latino) ovvero una tomba romana a forma di piramide di stile egizio costruita a Roma tra il 18 e il 12 a.C. E’ tuttora ubicata trova nelle immediate adiacenze di porta San Paolo ed è inglobata nel perimetro del posteriore cimitero acattolico, costruito tra il XVIII e il XIX secolo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Stando a quanto si apprende dalle fonti storiche, la piramide fu costruita intorno al 18-12 aC come tomba per Gaio Cestio, magistrato e membro di una delle quattro grandi corporazioni religiose di Roma, la Septemviri Epulonum. La piramide è composta da cemento faccia a vista rivestite con lastre di marmo bianco messe in piedi su un basamento di travertino. Complessivamente, la piramide misura 100 piedi romani (29,6 m) quadrati alla base ed è alta 125 piedi romani (ovvero 37 metri). Interni:

Gli interni della piramide egizia di Roma:

All’interno si trova la camera sepolcrale, una semplice cavità rettangolare voltata a botte , lunga m 5,95, larga m 4,10 e alta m 4,80. All’apertura nel 1660, la camera risultava decorata con affreschi, ricordati da Pietro Santo Bartoli. Di questi affreschi sopravvivono solo scarse tracce e nessuna traccia di altri contenuti. La tomba era stata sigillata quando fu costruita, senza ingresso esterno, ma era stata saccheggiata in seguito, probabilmente durante l’antichità. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fino alla fine dei lavori di restauro nel 2015, non era possibile per i visitatori accedere all’interno, [2]se non con un permesso speciale tipicamente concesso solo agli studiosi. Dall’inizio di maggio 2015, la piramide è aperta al pubblico ogni secondo e quarto sabato di ogni mese. I visitatori devono organizzare la loro visita in anticipo. Un’iscrizione dedicatoria è scolpita su entrambe le facce nord-ovest e sud-est, [3] in modo da essere visibile da entrambi i lati. Si legge:

G · CESTIVS · L · F · POB · EPVLO · PR · TR · PL [3]
VII · VIR · EPVLONVM

Gaio Cestio, figlio di Lucio, della Pobilia [tribù votante], membro del Collegio di Epulones , pretore , tribuno della plebe , septemviro degli Epuloni [2] [4]

Sotto l’iscrizione solo sulla faccia sud-est [3] c’è una seconda iscrizione che registra le circostanze della costruzione della tomba. Questo recita:

- Prosegue dopo la pubblicità -

OPVS · APSOLVTVM · ​​EX · TESTAMENTO · DIEBVS · CCCXXX
ARBITRATV
PONTI · P · F · CLA · MELAE · HEREDIS · ET · POTHI · L

L’opera fu compiuta, a norma del testamento, in 330 giorni, per decisione dell’erede [Lucio] Ponto Mela, figlio di Publio della Claudia , e Poto, liberto [2]

Un’altra iscrizione sulla parete est è di origine moderna, essendo stata scolpita per ordine di papa Alessandro VII nel 1663. Recitando ” INSTAVRATVM · ​​AN · DOMINI · MDCLXIII “, commemora i lavori di scavo e restauro effettuati all’interno e intorno alla tomba tra il 1660 –62. [2]Al momento della sua costruzione, la piramide Cestia si sarebbe trovata in aperta campagna (le tombe erano vietate all’interno delle mura cittadine). Roma crebbe enormemente durante il periodo imperiale e, nel III secolo d.C., la piramide sarebbe stata circondata da edifici. Originariamente sorgeva in un recinto con muri bassi, fiancheggiato da statue, colonne e altre tombe. [5] Due basi di marmo furono trovate accanto alla piramide durante gli scavi nel 1660, complete di frammenti delle statue di bronzo che originariamente si trovavano sulle loro sommità. Le basi recavano un’iscrizione registrata dal Bartoli in un’incisione del 1697:

M · VALERIVS · MESSALLA · CORVINVS ·
P · RVTILIVS · LVPVS · L · IVNIVS · SILANVS ·
L · PONTIVS · MELA · D · MARIVS ·
NIGER · HEREDES · C · CESTI · ET ·
L · CESTIVS · QVAE · EX · PARTE · AD ·
EVM · FRATRIS · HEREDITAS ·
M · AGRIPPAE · MVNERE · PER ·
VENIT · EX · EA · PECVNIA · QVAM ·
PRO · SVIS · PARTIBVS · RECEPER ·
EX · VENDITIONE · ATTALICOR ·
QVAE · EIS · PER · EDICTVM ·
​​AEDILIS · IN · SEPVLCRVM ·
C · CESTI · EX · TESTAMENTO ·
EIVS · INFERRE · NON · LICVIT ·

Questo identifica gli eredi di Cestio come Marcus Valerius Messala Corvinus , un famoso generale; Publio Rutilio Lupo, oratore il cui padre omonimo era stato console nel 90 aC; e Lucius Junius Silanus, un membro dell’illustre gens Junia . Gli eredi avevano allestito le statue ei basamenti utilizzando il denaro ricavato dalla vendita di stoffe pregiate ( attalici ). Cestio aveva stabilito nel suo testamento che i teli dovevano essere deposti nel sepolcro, ma questa pratica era stata vietata da un recente editto emanato dagli edili . [2]

- Prosegue dopo la pubblicità -

La piramide fu costruita per Gaio Cestio Epulone, figlio di Lucio, della tribù di Pobilia. L’iscrizione su di esso menziona che Cestio era un pretore , un tribuno della plebe e un septemviro degli Epuloni. La tomba fu completata in 330 giorni ed era una delle due tombe piramidali della città di Roma. [6] È anche importante notare che la sua costruzione era regolata da leggi suntuarie, che limitano le manifestazioni estreme di ricchezza come feste, vestiti, funerali e tombe. Sebbene queste leggi possano essere fatte risalire alla metà del V secolo a.C., furono approvate e applicate molto più rigorosamente intorno al periodo della morte di Cestio. [3] La forma appuntita della piramide ricorda fortemente le piramidi di Nubia, in particolare del regno di Meroë , che era stato attaccato da Roma nel 23 a.C. La somiglianza suggerisce che Cestio avesse forse prestato servizio in quella campagna e forse intendeva che la piramide servisse come commemorazione. La sua piramide non era l’unica a Roma; una più grande – la ” piramide di Romolo ” – di forma simile ma di origini sconosciute sorgeva tra il Vaticano e il Mausoleo di Adriano ma fu smantellata nel XVI secolo da Papa Alessandro VI e il marmo fu utilizzato per la scalinata della Basilica di San Pietro . [2] [7]

Alcuni scrittori si sono chiesti se le piramidi romane fossero modellate sulle piramidi egizie molto meno appuntite esemplificate dalle famose piramidi di Giza . Tuttavia, le piramidi di tipo Giza relativamente poco profonde non erano utilizzate esclusivamente dagli egiziani; le piramidi più ripide di tipo nubiano furono favorite dalla dinastia tolemaica d’Egitto che era stata portata a termine con la conquista romana del 30 a.C. La piramide è stata, in ogni caso, costruita durante un periodo in cui Roma stava attraversando una moda per tutte le cose egiziane. La fusione degli stili romano ed egizio è ulteriormente evidenziata dal fatto che l’esterno è decisamente “egiziano”, mentre l’interno mostra classici affreschi romani e un soffitto con volta a botte. [8] IlIl Circo Massimo fu adornato da Augusto con un obelisco egizio [9] e le piramidi furono costruite altrove nell’Impero Romano in questo periodo. [10]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Durante la costruzione delle Mura Aureliane tra il 271 e il 275, la piramide fu inglobata nelle mura a formare un bastione triangolare . Era una delle tante strutture della città da riutilizzare per far parte delle nuove mura, probabilmente per ridurre i costi e consentire una costruzione più rapida della struttura. Fa ancora parte di un tratto ben conservato delle mura, poco distante dalla Porta San Paolo. [11]

Le origini della piramide furono dimenticate durante il Medioevo . Gli abitanti di Roma arrivarono a credere che fosse la tomba di Remo ( Meta Remi ) e che la sua controparte vicino al Vaticano fosse la tomba di Romolo , una credenza registrata da Petrarca . [12] [13] La sua vera provenienza fu chiarita dagli scavi di papa Alessandro VII nel 1660, che ripulirono la vegetazione che aveva ricoperto la piramide, scoprirono le iscrizioni sulle sue facce, scavarono un tunnel nella camera funeraria della tomba e trovarono le basi di due statue che si trovavano accanto alla piramide. [2]

- Prosegue dopo la pubblicità -

La piramide era uno spettacolo essenziale per molti che intrapresero il Grand Tour nel XVIII e XIX secolo. Fu molto ammirato dagli architetti, diventando il modello principale per le piramidi costruite in Occidente durante questo periodo. [14] Percy Bysshe Shelley lo descrisse come “un’acuta piramide con cuneo sublime” in Adonaïs , la sua elegia del 1821 per John Keats . A sua volta, il romanziere e poeta inglese Thomas Hardy vide la piramide durante una visita al vicino Cimitero Protestante nel 1887 e fu ispirato a scrivere una poesia, Rome: At the Pyramid of Cestius near the Graves of Shelley and Keats, in cui si chiedeva: “Chi era allora Cestio, / e che cos’è per me?” [15]

Nel 2001 l’ingresso e l’interno della piramide sono stati restaurati. Nel 2011 sono stati annunciati ulteriori lavori per pulire e ripristinare il rivestimento in marmo gravemente danneggiato della piramide, attraverso il quale le infiltrazioni d’acqua hanno messo in pericolo gli affreschi all’interno. Il restauro è promosso dall’imprenditore giapponese Yuzo Yagi, la cui donazione di 1 milione di euro è sfociata in un bando di gara per la realizzazione dei lavori indetto dalla Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma [16] i cui funzionari hanno redatto il progetto e stanno supervisionando un tale intervento insieme al Ministero dei Beni Culturali italiano . [17] I lavori di restauro sono iniziati a marzo 2013. [18] La piramide è l’omonima stazione Piramide della metropolitana di Roma . [19]Per saperne di più:

- Prosegue dopo la pubblicità -

#piramide #piramideegizia #piramidecestia #roma #archeologia #egitto #anticoegitto

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.