Nasa scopre due pianeti con acqua, potrebbero ospitare la vita extraterrestre – video

Due grandi pianeti rocciosi – recentemente scoperti dagli astronomi – potrebbero essere ricoperti di acqua e quindi ospitare forme di vita. A confermarlo è una ricerca condotta utilizzando i telescopi Hubble e Spitzer della NASA:

I cosiddetti “mondi d’acqua” orbitano attorno a una stella nana rossa, il tipo di stella più piccolo e più freddo, secondo un comunicato stampa del Jet Propulsion Laboratory della NASA. I pianeti acquosi si trovano a 218 anni luce di distanza nella costellazione della Lyra, rende noto la NASA. E sono diversi da tutti i pianeti trovati nel nostro sistema solare, ha riportato l’agenzia americana. La scoperta che i pianeti sono probabilmente composti principalmente da acqua proviene da uno studio pubblicato a dicembre del 2022 sulla rivista Nature Astronomy:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il gruppo di ricerca, guidato da Caroline Piaulet, una studentessa di dottorato presso l’Istituto per la ricerca sugli esopianeti dell’Università di Montreal, ha utilizzato i telescopi spaziali Hubble e Spitzer della NASA per osservare il lontano sistema planetario. Il sistema planetario che hanno studiato si chiama Kepler-138 perché si trova all’interno del campo visivo del veicolo spaziale Kepler della NASA. I ricercatori sapevano dell’esistenza di tre esopianeti – il termine per i pianeti al di fuori del nostro sistema solare – all’interno del sistema Kepler-138, ma hanno appena scoperto che due di essi sono probabilmente fatti di acqua. Hanno anche scoperto prove per un quarto pianeta che non era stato descritto prima. Ma la scoperta non è così semplice come potrebbe sembrare:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli scienziati non hanno rilevato direttamente l’acqua sugli esopianeti Kepler-138c e Kepler-138d. Invece, hanno confrontato le dimensioni e le masse dei pianeti con modelli per il confronto. Quando hanno confrontato i pianeti con i modelli, hanno scoperto “che una frazione significativa del loro volume – fino alla metà – dovrebbe essere costituita da materiali più leggeri della roccia ma più pesanti dell’idrogeno o dell’elio“. La Nasa sostiene che l’acqua è il candidato più probabile per un materiale più leggero della roccia ma più pesante dell’idrogeno o dell’elio. “In precedenza pensavamo che i pianeti un po’ più grandi della Terra fossero grandi sfere di metallo e roccia, come versioni ingrandite della Terra, ed è per questo che li abbiamo chiamati super-Terre”, ha detto Björn Benneke, coautore dello studio e professore di astrofisica presso l’Università di Montreal, nel comunicato. “Tuttavia, ora abbiamo dimostrato che questi due pianeti, Kepler-138c e d, sono di natura abbastanza diversa e che una grande frazione del loro intero volume è probabilmente composta da acqua”. “È la migliore prova finora per i mondi acquatici, un tipo di pianeta che è stato teorizzato dagli astronomi per esistere da molto tempo”, ha continuato Benneke. Le alte temperature su questi pianeti indicano che potrebbero essere avvolti in un’atmosfera di vapore, secondo la NASA:

Questa è un’illustrazione di un artista che mostra una sezione trasversale della Terra (a sinistra) e dell’esopianeta Kepler-138 d (a destra). Come la Terra, questo esopianeta ha un interno composto da metalli e rocce (porzione marrone), ma anche Kepler-138 d ha uno spesso strato di acqua ad alta pressione in varie forme: acqua supercritica e potenzialmente liquida nelle profondità del pianeta e un esteso involucro di vapore acqueo (sfumature di blu) sopra di esso. Questi strati d’acqua costituiscono oltre il 50% del suo volume, o una profondità di circa 1.243 miglia (2.000 chilometri). La Terra, in confronto, ha una frazione trascurabile di acqua liquida con una profondità media dell’oceano inferiore a 2,5 miglia (4 chilometri). Crediti: Benoit Gougeon (Università di Montreal)

“La temperatura nell’atmosfera di Kepler-138d è probabilmente superiore al punto di ebollizione dell’acqua, e ci aspettiamo un’atmosfera densa e densa fatta di vapore su questo pianeta”, ha detto Piaulet nel comunicato. “Solo, sotto quell’atmosfera di vapore potrebbe esserci potenzialmente acqua liquida ad alta pressione, o anche acqua in un’altra fase che si verifica ad alte pressioni, chiamata fluido supercritico”. I “mondi d’acqua” si trovano al di fuori della zona abitabile della loro stella, l’area in cui le temperature consentono l’acqua liquida sulla superficie di un pianeta roccioso, che potenzialmente sostiene la vita. Ma il nuovo pianeta descritto dai ricercatori, Kepler 138-e, rientra proprio in quella zona giusta, secondo il comunicato. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un nuovo pianeta extrasolare nel sistema:

I due possibili mondi acquatici, Kepler-138 c e d, non si trovano nella zona abitabile, l’area attorno a una stella dove le temperature consentirebbero l’acqua liquida sulla superficie di un pianeta roccioso. Ma nei dati di Hubble e Spitzer, i ricercatori hanno anche trovato prove di un nuovo pianeta nel sistema, Kepler-138 e, nella zona abitabile. Questo pianeta appena scoperto è piccolo e più lontano dalla sua stella rispetto agli altri tre, impiegando 38 giorni per completare un’orbita. La natura di questo pianeta aggiuntivo, tuttavia, rimane una questione aperta perché non sembra transitare sulla sua stella ospite. L’osservazione del transito dell’esopianeta avrebbe permesso agli astronomi di determinarne le dimensioni. Con Kepler-138e ora nella foto, le masse dei pianeti precedentemente noti sono state nuovamente misurate tramite il metodo di variazione del tempo di transito, che consiste nel tracciare piccole variazioni nei momenti precisi dei transiti dei pianeti davanti alla loro stella causati da l’attrazione gravitazionale di altri pianeti vicini.

In questa illustrazione la super-Terra Kepler-138 d è in primo piano. A sinistra, il pianeta Kepler-138 c, e sullo sfondo il pianeta Kepler 138 b, visto in sagoma mentre transita la sua stella centrale. Kepler 138 è una stella nana rossa situata a 218 anni luce di distanza. La bassa densità di Kepler-138 c e Kepler-138 d – che hanno dimensioni quasi identiche – significa che devono essere composti in gran parte da acqua. Hanno entrambi il doppio della massa terrestre ma hanno circa la metà della densità terrestre e quindi non possono essere roccia solida. Questo si basa sulle misurazioni della loro massa rispetto al diametro fisico. Sono considerati una nuova classe di “pianeti d’acqua”, a differenza di qualsiasi grande pianeta trovato nel nostro sistema solare. Kepler-138 b è uno dei più piccoli esopianeti conosciuti, con la massa del pianeta Marte e la densità della roccia. Crediti: NASA, ESA e Leah Hustak (STScI)

I ricercatori hanno avuto un’altra sorpresa: hanno scoperto che i due mondi acquatici Kepler-138 c e d sono pianeti “gemelli”, con praticamente le stesse dimensioni e massa, mentre in precedenza si pensava fossero drasticamente diversi. Il pianeta più vicino, Kepler-138 b, d’altra parte, è confermato essere un piccolo pianeta di massa marziana, uno dei più piccoli esopianeti conosciuti fino ad oggi. “Man mano che i nostri strumenti e le nostre tecniche diventano abbastanza sensibili da trovare e studiare pianeti che sono più lontani dalle loro stelle, potremmo iniziare a trovare molti più di questi mondi acquatici”, ha concluso Benneke.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonti:

https://www.nasa.gov/feature/goddard/2022/two-exoplanets-may-be-mostly-water-nasas-hubble-and-spitzer-find

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www.jpl.nasa.gov/news/two-exoplanets-may-be-mostly-water-nasas-hubble-and-spitzer-find

https://edition.cnn.com/2022/12/17/us/exoplanets-water-hubble-scn-trnd/index.html

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.