Come cucinare con energia solare utilizzando materiali semplici che tutti hanno in casa

Un adattamento del metodo di cottura solare di Mouchot (XIX secolo), soprannominato “vaso solare”. Un sistema “ibrido” relativamente semplice ed efficiente, che sta tra un forno solare e un fornello solare, poiché combina la concentrazione solare con l’effetto serra. Questa tecnica di cottura solare ha molte versioni domestiche molto semplici e anche altre commerciali.

Ciascuno presenta modificazioni nei suoi elementi costitutivi, sia nei vasi-assorbitori (l’elemento che cattura la radiazione solare e la converte in calore), sia nell’elemento che provoca l’effetto serra, sia nei riflettori (quelli che riflettere la radiazione solare verso il vaso assorbitore). Questa è una combinazione che cerca la semplicità, che gli elementi che la compongono non siano tossici e che sia molto economica e semplice.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per l’effetto vaso-assorbitore ed effetto serra, si basa su un modello realizzato con barattoli di vetro che il cuoco solare Bernhard Müller ha condiviso in un gruppo facebook, al quale sono state apportate un paio di modifiche per rendere più semplice la costruzione e un po’ più efficiente.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il modello in questione è composto da due soliti barattoli di vetro per conserve di diverse dimensioni. Uno va dentro l’altro e i coperchi di entrambi sono avvitati o rivettati, in modo che quando sono chiusi rimangono concentricamente uno dentro l’altro, lasciando uno strato d’aria tra di loro (tranne che sul coperchio dove ovviamente si toccano). La bottiglia interna deve essere nera all’esterno, in modo che trasformi la radiazione solare in calore.

Le varianti cercano di semplificare il modello in relazione alla sua costruzione e di renderlo più efficiente. Così, invece di usare la vernice per barbecue come propone Bernhard, che è relativamente difficile da ottenere, costosa e, sebbene in teoria resista alle alte temperature e sia adatta alla cottura, è comunque un prodotto chimico vicino al cibo, che molti alla gente non piace, si cercavano alternative.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’idea è di dipingere un foglio di carta con inchiostro di seppia (colore nero) e attaccarlo all’esterno della bottiglia interna con un pezzo di nastro adesivo, così semplice. Si ottiene così l’elemento nero che trasformerà la luce in calore. Questo foglio potrebbe essere facilmente rimosso e indossato semplicemente facendolo scorrere, quindi verrebbe messo solo durante la cottura, evitando che si bagni e si rovini. Inoltre, in caso di danneggiamento accidentale, realizzarne uno nuovo è molto semplice.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’altro miglioramento riguardava il coperchio. Essendo le due lamiere delle coperture a diretto contatto, costituivano un importante ponte termico che ne riduceva l’efficacia. Per evitare ciò, sono stati ritagliati tre cerchi di cartone delle dimensioni del piccolo coperchio e posti tra i due coperchi.

In questo modo il cartone funge da isolante. Per fissare le due coperture ho dovuto utilizzare due viti più lunghe. È importante fare un foro in più che passi attraverso i due coperchi per evitare che si accumuli pressione all’interno del barattolo (aprirlo con la pressione può essere pericoloso e bruciarci).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per quanto riguarda i riflettori, l’idea è di scalare tra diversi design. In primo luogo, utilizzare quelli più semplici possibili, per vedere come funzionano, per poi aumentare gradualmente la complessità e renderli sempre più sofisticati ed efficienti a priori. Al momento il modello è il più semplice e ultra facile da costruire. Consiste semplicemente in una scatola di cartone aperta a metà in diagonale e foderata all’interno con un foglio di alluminio. Al centro c’è il ricevente-assorbitore.

Nella prima prova di questo fornello solare , la ricetta scelta è stata quella delle patate povere (patate, peperoncino, aglio, olio e sale). Alimenti poco impegnativi da cucinare, come i peperoni, insieme ad altri più impegnativi, come le patate. In questo modo è possibile valutare in ogni momento il livello di cottura. È anche molto facile da riparare nelle cucine convenzionali in caso di guasto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le patate hanno cominciato a cuocere alle 11:24. Alle 13:28 è stato possibile verificare che fosse tutto più che pronto, trovando anche le patate molto morbide, segno che erano pronte da tempo.

Il primo test del fornello solare è stato molto soddisfacente. In meno di 2 ore un piatto di patatas a la pobre è stato cucinato alla perfezione sotto il sole di dicembre con questo semplicissimo sistema . Questo sistema promette!

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.