Come le “mummie di palude“ sono state conservate nelle acque per migliaia di anni

Nel mese di ottobre del 2022, gli archeologi che lavorano con il Roskilde Museum (ROMU) in Danimarca hanno scoperto antichi resti umani in una palude a Egedal, ha annunciato il un’altra importante scoperta:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Durante gli scavi, gli archeologi hanno scoperto le gambe, il bacino e la mascella di una persona vissuta probabilmente circa 5.000 anni fa. Lo scheletro non conteneva tracce di violenza, come segni di coltelli o brutte rotture. Tuttavia, l’archeologo Emil Winther Struve ha comunque affermato che il team ritiene che i resti rappresentassero la vittima di un rituale per un sacrificio umano:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Il ritrovamento si inserisce in una comprovata tradizione di seppellire ritualmente oggetti, persone e animali nella palude”, ha affermato Struve nella dichiarazione. “Questo è stato ampiamente fatto nei tempi antichi, e molto probabilmente questa è una vittima di un tale rituale. I ritrovamenti precedenti mostrano che questa è un’area in cui si è svolta l’attività rituale“.

Gli archeologi danesi hanno scoperto da tempo i resti rituali di esseri umani, animali e oggetti nelle paludi danesi, le cui condizioni antisettiche create dalle interazioni del muschio di sfagno interagiscono con la torba e l’acqua hanno portato a numerosi ritrovamenti di resti umani ben conservati:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il cosiddetto “corpo di palude” più antico mai registrato proviene da una palude vicino alla città danese di Odense. Conosciuto come luomo di Koelbjerg, si stima che sia vissuto circa 8.000 anni fa:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Altri due corpi di palude, l’uomo di Tollund e la donna di Elling, furono scoperti nella stessa palude ed erano stati uccisi allo stesso modo, per impiccagione:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli archeologi ritengono che queste non fossero punizioni criminali ma piuttosto uccisioni rituali, a causa del modo in cui i corpi venivano trattati dopo la morte. I resti di Edegal sono stati scoperti dopo che era previsto un progetto di costruzione per distruggere la palude per far posto a un complesso residenziale. ROMU ha inviato una squadra archeologica per garantire che nessun patrimonio culturale andasse perduto durante la distruzione. I resti scoperti a Edegal non sono ben conservati come alcuni di questi altri casi famosi, poiché rimane solo lo scheletro. La palude di Edegal richiederà ora un’indagine archeologica completa se la costruzione prevede ancora di disturbare la palude. Altre parti del complesso residenziale tuttavia continueranno come previsto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Quando abbiamo visto le ossa, abbiamo pensato di trovarci davanti a qualcosa di veramente eccitante”, ha detto Struve al Copenhagen Post. “È stata un’esperienza piuttosto selvaggia: non capita molto spesso di trovare un corpo di palude”. Come riporta Live Science , gli archeologi avevano il compito di esaminare il sito prima della costruzione di un complesso residenziale, secondo la legge danese. Struve ha detto al Copenhagen Post che lui ei suoi colleghi avevano scherzato sulla possibilità di trovare un corpo di palude e che un altro scheletro umano è stato trovato nella zona circa 70 anni fa.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.