Il progetto per costruire grattacieli coperti di alberi con moduli ruotanti a 45 gradi

Habitat-2.0-by-BIG-5-1020x610Il Bjarke Ingels Group vuole portare un incredibile complesso condominiale nel quartiere della moda della città di Toronto, tra King Street West e Wellington Street. Lo sviluppo modulare salirebbe come uno ziggurat per creare cinque appartamenti pieno di “picchi”. Lo sviluppo, ufficiosamente noto come “Habitat 2.0,” sarebbe coperto di alberi e, come riporta Bjarke Ingels al il Globe and mail, creerà un effetto simile a “un paese di montagna del Mediterraneo”.

La proposta di  Habitat 2.0 si ispira al Moshe Sadie Habitat 67, un complesso residenziale simile sperimentale e blocchi presente a Montreal che è anche ampiamente venerato come un importante punto di riferimento architettonico. Commissionato dagli sviluppatori Westbank e Allied REIT, il design ad alta densità di BIG comprenderebbe 725.000 piedi quadrati e oltre 500 unità con tre camere da letto ciascuna. Alla base delle strutture, l’uso misto di poli di sviluppo retail e altri usi commerciali, mentre gli appartamenti saranno situati nella parte alta dei cinque “picchi” per il miglior accesso alla luce naturale e viste. La maggior parte delle unità avranno inoltre accesso alle terrazze private paesaggistiche.Habitat-2.0-by-BIG-3-1020x610

- Prosegue dopo la pubblicità -

Habitat 2.0 si presenta come un rettangolo vuoto ancorato ad un cortile verde centrale. In elevazione, tuttavia, gli edifici saranno suddivisi in moduli cubici di 12 piedi e ruotanti a 45 gradi per inquadrare viste ad angoli obliqui. Gli edifici come montagne aumenterebbero ad una altezza compresa tra 15 e 17 piani. BIG deve ancora finalizzare i materiali per il progetto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.