Press "Enter" to skip to content

Coronavirus, negli USA somministrato vaccino sperimentale – video

Incredibile ma vero, mentre sono in corso sperimentazioni in tutto il mondo sia per la cura che per la prevenzione del Sars-Cov-2 (Covonavirus Covid-19), negli Stati Uniti d’America ci sarebbe già un vaccino che sarebbe già stato somministrato su un uomo. Lo riportano fonti giornalistiche internazionali:

- Prosegue dopo la pubblicità -

A riferirlo sono i ricercatori del Kaiser Permanente Washington Research Institute di Seattle (USA), che, attraverso il capo progetto dr. Lisa Jackson, ha annunciato di aver somministrato il vaccino sperimentale su di un uomo della zona. Un volontario di 46 anni. Altri 45 soggetti dai 18 ai 55 anni, riceveranno dosaggi più alti rispetto ad altri per testare la forza delle inoculazioni. Gli scienziati verificheranno la presenza di effetti collaterali e trarranno campioni di sangue per verificare se il vaccino fa rivivere il sistema immunitario, cercando indizi incoraggianti come il NIH precedentemente trovato nei topi vaccinati: “Non sappiamo se questo vaccino indurrà una risposta immunitaria o se sarà sicuro. Ecco perché stiamo facendo una prova “, ha sottolineato Jackson. “Non è nella fase in cui sarebbe possibile o prudente darlo alla popolazione in generale.” Video (Associated Press):

- Prosegue dopo la pubblicità -


La maggior parte della ricerca sui vaccini in corso a livello globale prende di mira una proteina chiamata giustamente “spike” che studia la superficie del nuovo coronavirus e gli consente di invadere le cellule umane. Blocca le proteine ​​e le persone non possono essere infettate. I ricercatori del NIH hanno copiato la sezione del codice genetico del virus che contiene le istruzioni per le cellule per creare la proteina spike. Moderna ha racchiuso quell’RNA messaggero in un vaccino. L’idea:

- Prosegue dopo la pubblicità -

così facendo, il corpo umano vaccinato diventerebbe una mini-fabbrica, producendo alcune innocue proteine ​​del picco. Quando il sistema immunitario individuerò la proteina estranea, produrrà anticorpi per attaccare e sarà pronto a reagire rapidamente se la persona in seguito incontra il vero virus. Questo è un modo molto più veloce di produrre un vaccino rispetto all’approccio tradizionale di far crescere virus in laboratorio e preparare colpi da versioni uccise o indebolite di esso. Il vaccino non sarà disponibile prima di 12-18 mesi. Kaiser Permanente ha esaminato dozzine di persone, alla ricerca di coloro che non hanno problemi di salute cronici e non sono attualmente malati. I ricercatori non stanno verificando se gli aspiranti volontari abbiano già avuto un caso lieve di COVID-19 prima di decidere se sono idonei. Se alcuni lo facessero, gli scienziati saranno in grado di capire il numero di anticorpi nel loro esame del sangue pre-vaccinazione e spiegarlo, ha detto Jackson. I partecipanti saranno pagati 100 dollari per ogni visita clinica nello studio.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.