La casa autosufficiente al 100% è costruita con 5 container

Le case container hanno guadagnato sempre più fan in tutto il mondo. Con queste “grandi scatole” in metallo è possibile sviluppare progetti semplici, dalle mini case, a quelle più grandi, con struttura per famiglie numerose o anche locande e altri esercizi commerciali. Questo è ciò che ha attratto Rosie, una neozelandese che ha venduto la sua casa di Auckland e ha usato i soldi per acquistare un terreno in una riserva privata e realizzare il suo sogno di vivere in una casa autosufficiente in mezzo alla natura.

Ho deciso di costruire con i container perché mi piace molto l’aspetto industriale e perché ho sentito da altri che queste case sono molto resistenti e durano per molti anni. Inoltre, se ho una nuova idea e voglio ampliare o modificare il progetto, è più semplice”, dice. La terra di Rosie è nella foresta di Mahakadel, una riserva privata, divisa in lotti. Su ogni lotto i proprietari possono costruire solo il 5% della proprietà e si impegnano a preservare il resto dell’area. È in questo paradiso che Rosie, suo marito e sua figlia trascorrono la maggior parte del loro tempo, poiché la famiglia non si è ancora trasferita definitivamente nella nuova casa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il progetto ha utilizzato 5 container da 20 piedi, lunghi circa 6 metri e alti e larghi 2,5 metri. Uno dei desideri di Rosie era che la natura potesse essere goduta da ogni stanza, che incontrava grandi finestre e porte a vetri. “Vivere in autonomia è sempre stato un sogno. Mi sento sicura sapendo che avrò sempre acqua ed energia per andare avanti con la mia vita, qualunque cosa accada”, celebra Rosie.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per la cucina sono stati riutilizzati armadietti per attrezzi e compensato.
E la casa che ha costruito serve anche a questo scopo. L’elettricità proviene da 12 pannelli solari e un inverter, oltre a batterie per immagazzinare energia. L’acqua viene raccolta dalla pioggia in due vasche da 25.000 litri ciascuna. E il sistema fognario funziona con 2 serbatoi che utilizzano il compost per trattare l’acqua dei lavandini e delle docce e l’acqua del wc. Una stufa a legna funge da riscaldamento nelle giornate fredde e può essere utilizzata anche per cucinare se la famiglia per qualche motivo rimane senza gas.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un piccolo contenitore è stato utilizzato per creare un ambiente dispensa. Ci sono scarpe, attrezzi da giardino e batterie e viceversa, mantenendo il rumore delle attrezzature e lo sporco fuori dalla casa principale. I contenitori sono stati posizionati in modo che un lato riceva sempre la luce solare. Nel tardo pomeriggio il sole riscalda l’ambiente con un piccolo caminetto esterno e divani, dove la famiglia si reca per rilassarsi e concludere la giornata.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Non c’è da stupirsi che la casa abbia preso il nome da Ahurewa che, nella lingua Maori dei popoli nativi della Nuova Zelanda, significa luogo sacro. Rosie dice di aver scelto questo nome per rispetto della foresta che ospita la sua casa. Nel video che segue, subito dopo le foto puoi vedere qualcosa in più sulle ispirazioni, sul progetto, sulle attrezzature e sulla somma spesa per la costruzione di questa casa autonoma.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.