Ecco come sarebbe stato Spider-Man 4 di Sam Raimi

Poco tempo dopo l’uscita di Spider-Man 3, probabilmente il capitolo più sfortunato diretto da Sam Raimi, tutti i fan dell’uomo ragno si domandavano chi sarebbe stato l’ennesimo nemico nel capitolo successivo. Ma nel frattempo Sony ha accantonato il progetto a favore di un reboot eliminando quindi sia gli attori della precedente trilogia e sia anche il regista Sam Raimi nel progetto del nuovo Spider-Man. Spider-Man 4 quindi non ci sarà mai. Eppure quella domanda incessante dei fan oggi ha una risposta: Adrian Toomes/Avvoltoio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sarebbe stato lui il cattivo. Non sappiamo se ad accompagnarlo ci sarebbe stato anche il tanto vociferato Lizard e forse anche Carnage, ma a quanto pare l’Avvoltoio avrebbe avuto una parte rilevante nel progetto, considerando che l’attore che lo avrebbe interpretato sarebbe stato niente meno che il camaleontico John Malkovich che ha anche affermato di essere stato coinvolto già nel progetto del primo film, al quale la produzione gli offrì il ruolo di Green Goblin / Norman Osborn andata poi comunque ad un bravo Willem Dafoe.”Credo che un mucchio di gente che segue questa sorta di genere… Non ne sono sicuro, non ne ho mai parlato realmente con Sam, ma non so se loro – forse qualche tipo di fanbase, i fanboy – approvassero il personaggio come villain di quella portata. O forse è stata la Sony. O forse questi non sono i motivi per il quale è stato annullato” ipotizza Malkovich, piuttosto deluso dalla scelta della Sony, che nel frattempo ha passato il progetto del reboot al regista Marc Webb.

- Prosegue dopo la pubblicità -

E sembra che dopo aver escluso Logan Lerman la parte del nuovo Spider-Man potrebbe andare a Robert Pattinson di Twilight. Nostalgia del vecchio?Consolatevi nel sapere che ora Sam Raimi sfrutterà l’esclusione da Spider-Man per realizzare il nuovo Capitolo de La Casa con il suo vecchio amico Bruce Campbell, non tutti i mali vengono per nuocere. Per Spidey invece non possiamo che sperare che la decisione di Sony non sia stata vana.

- Prosegue dopo la pubblicità -