Libia: scoperta una civiltà perduta nel deserto del Sahara

In una ricerca finanziata dall’Unione Europea, un team di archeologi ha portato alla luce i resti di una civiltà perduta del Sahara, in una delle parti più inacessibili del deserto africano: il TRANS-SAHARA, la formazione dove vi è stata la migrazione e il commercio nel Sahara centrale (1000 aC-1500 dC). I ricercatori dell’Università di Leicester nel Regno Unito hanno utilizzato immagini satellitari per trovare nuove prove di una civiltà perduta nella parte libica del deserto. Hanno scoperto oltre 100 masserie fortificate e villaggi con strutture simili a castelli databili dal 1 anno a.C. al 500 dC. Secondo i ricercatori, a edificare queste antiche città nel deserto sarebbero stati i Garamanti, popolazione berbera del Sahara che fondò un regno nella moderna Libia. Gli esperti suggeriscono che i Garamanti fossero culturalmente e storicamente più avanzati di quanto precedentemente considerato da fonti antiche. Il team di Leicester ha scoperto i mattoni di fango dei resti di un castello, che aveva pareti alte fino a 4 metri. Ma c’è di più: i ricercatori hanno anche trovato tracce di abitazioni, cimiteri, i sistemi di campo associato, pozzi e sistemi di irrigazione avanzati. Un sondaggio condotto a terra pochi mesi fa aveva già confermato la data pre-islamica e la conservazione di questi elementi. Commentando il finanziamento del progetto, il professor Henrietta L. Moore, William Wyse, Cattedra di Antropologia Sociale presso l’Università di Cambridge e membro scientifico del CER Consiglio, ha dichiarato: “Nel CER, siamo molto orgogliosi di finanziare ricercatori eccellenti come l’archeologo David Mattingly e il suo team. Quando il CER gli ha conferito la Advanced Grant, abbiamo fermamente creduto che il suo progetto aveva il potenziale per andare al di là delle frontiere della conoscenza e sarebbe essenziale conoscere il patrimonio culturale della Libia. Poi ha preso una svolta drammatica con la rivolta anti-Gheddafi che ha costretto il team ad evacuare il paese.” La rivolta contro il regime di Muammar Gheddafi potrebbe avere interrotto il lavoro del professor Mattingly e della sua squadra ma il professor Moore afferma che torneranno in Libia al fine di continuare la loro indagine. “‘E’ come se qualcuno fosse venuto in Inghilterra e improvvisamente abbia scoperto tutti i castelli medievali” afferma il Prof. Mattingly, responsabile del progetto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Questi insediamenti erano rimasti inosservati e mai registrati sotto il regime di Gheddafi” ha aggiunto il dottor Martin Sterry, anche lui dell’Università di Leicester, che ha condotto gran parte delle analisi e interpretazioni dell’immagine sito: Le immagini satellitari ci hanno dato la capacità di coprire una regione di grandi dimensioni. L’evidenza suggerisce che il clima non è cambiato nel corso degli anni e possiamo vedere come questo paesaggio inospitale con zero precipitazioni fosse una volta molto edificata e coltivata. Si tratta di paesaggi antichi del tutto eccezionali, sia in termini di caratteristiche che della qualità della conservazione. La scoperta elimina la credenza secondo la quale i Garamanti fossero nomadi barbari che hanno solo causato problemi durante l’Impero Romano. In realtà, erano una grande civiltà, che vivevano in insediamenti fortificati su larga scala, principalmente come agricoltori di oasi. Era uno stato organizzato con città e villaggi, una lingua scritta e una grande conoscenza tecnologica. I Garamanti sono quindi stati i pionieri nella creazione di oasi e dell’apertura del commercio trans-sahariano. Questo progetto ed i risultati che sono emersi contribuiscono certamente a spianare la strada a un nuovo inizio per la Libia, per la sua gente e per il loro impegno con la loro storia. “Queste rappresentano le prime città in Libia, che non sono state l’imposizione coloniale di popoli mediterranei, come i Greci e i Romani. I Garamanti dovrebbero essere l’argomento centrale per far si che i bambini della scuola libica possano conoscere la loro storia e il loro patrimonio.” conclude il professor Mattingly.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.