Croazia: scoperta in una grotta la più antica tavola astrologica


Un gruppo di ricercatori ha scoperto quella che potrebbe essere la più antica mappa astronomica conosciuta, incisa con segni zodiacali e utilizzata per determinare l’oroscopo di una persona. Risalente a più di 2.000 anni, il manufatto è stato scoperto in Croazia, in una grotta che si affaccia sul Mar Adriatico. La parte superstite della tavola è composta da 30 frammenti di avorio con incisi su di esso i segni dello zodiaco. I ricercatori hanno perso anni di lavoro per ritrovare tutti i pezzi e ricomporli. Lo stile è quello greco-romano e comprende immagini del Cancro, Gemelli e Pesci. I frammenti sono stati scoperti a bordo accanto a una stalagmite presente nei resti di un’antico vascello. L’antico astrologo, cercando di determinare l’oroscopo di una persona, avrebbe potuto usare la scheda per mostrare la posizione del sole, dei pianeti in base alla data di nascita dell’individuo. “Ciò che mostrava al cliente erano le posizioni dei pianeti, del sole e della luna al momento della nascita della persona” afferma Alexander Jones, professore presso l’Institute for the Study of the Ancient World at New York University. Nel 1999, la squadra stava scavando nei pressi dell’ingresso della grotta croata, un sito ben noto agli archeologi e persone alla vicina frazione di Nakovana che viene semplicemente chiamata “Spila,” che significa “la grotta”. Ma quello che nessuno sapeva era che una sezione della grotta era rimasta isolata per più di 2.000 anni. All’epoca, la fidanzata di Forenbaher, (il secondo autore della scoperta, ricercatore presso l’Institute for Anthropological Research in Zagreb Forenbaher) scavò tra le macerie, alla scoperta di un passaggio a livello che continua al buio per circa 33 piedi (10 metri). Entrando nella caverna “c’era una crosta calcarea molto sottile sulla superficie che è entrata in fessurazione sotto i miei piedi, il che significa che nessuno vi camminava da molto, molto tempo”, afferma Forenbaher. La squadra stabilì poi che questa sezione della grotta era stata chiusa nel primo secolo aC, forse in risposta ad una campagna militare condotta contro la popolazione locale da parte dei Romani. L’Astrologia ha origine in Babilonia fin nell’antichità, con i Babilonesi che produssero le prime forme di oroscopi già 2.400 anni fa. Poi, circa 2.100 anni fa, l’astrologia si diffuse nel Mediterraneo orientale, diventando popolare in Egitto, che all’epoca era sotto il controllo di una dinastia di re greci. “E’ stato modificato molto in quello che pensiamo nello stile greco dell’astrologia, che è essenzialmente lo stile moderno”, afferma Jones. “Lo stile greco è la versione dell’astrologia che passa attraverso il Medioevo e quindi nella moderna Europa, nella moderna India e così via. La datazione al radiocarbonio indica che l’avorio utilizzato per creare le immagini zodiacali risale a circa 2.200 anni fa, poco prima della comparsa di questa nuova forma di astrologia. I ricercatori non sono certi, dove la tavola sia stata fabbricata, anche se l’Egitto è una possibilità da non escludere. La stessa tavola d’avorio probabilmente proveniva da un elefante che è stato ucciso o comunque morto in quel periodo. Essendo un elemento prezioso, l’avorio sarebbero stato conservato per decenni, o addirittura un secolo, prima che fosse usato per costruire la tavola dello zodiaco. Questi segni sarebbero poi stati attaccati in una superficie(probabilmente in legno) per creare il bordo, ma potrebbero essere stati inclusi altri elementi che non sono sopravvissuti. Ad un certo punto potrebbe essere stato messo su una nave che navigava il Mare Adriatico, un percorso importante per il commercio luogo della grotta del ritrovamento. La popolazione che viva in Croazia all’epoca erano gli Illiri. Anche se gli scrittori antichi tendevano ad avere una bassa opinione di loro, testimonianze archeologiche suggeriscono che hanno interagito con le vicine colonie greche. E ‘possibile che un astrologo dei coloni greci giunse alla grotta per fare una previsione. Una consultazione tenutasi alla luce tremolante della caverna sarebbe stata una forte esperienza, anche se forse non molto conveniente per l’astrologo. “Non suona come un luogo molto pratico per fare i compiti per l’oroscopo come calcolare le posizioni planetarie”, ha detto Jones. Un’altra possibilità è che gli Illiri abbiano scambiato o rubato la mappa. “C’è sicuramente una possibilità che questo consiglio dell’astrologo si presentò come una sorta di offerta insieme ad altre specielità che sono state comprate o saccheggiate da una nave di passaggio”, afferma Forenbaher, sottolineando che i resti ritrovati delle scialuppe (che trasportavano bevande) erano stati selezionati con cura. Erano scaluppe straniere, quindi non del luogo, e sono presenti tra gli altri ritrovamenti, anche resti di vasi e anfore. “Sembra quasi che qualcuno stava portando fuori il vino lì, versandolo e poi lanciando l’anfora via perché questa non era abbastanza buona per gli dei, e quindi non era abbastanza buona per essere depositata nel santuario”, ha continuato Forenbaher. La stalagmite presente sul posto, naturalmente, sembra essere stata un centro di queste offerte e per i rituali eseguiti nella caverna. Forenbaher ha notato che sicuramente tutte le stalagmiti dello stesso aspetto erano probabilmente considerate come qualcosa di importante per gli abitanti del luogo. “Questo è un luogo dove sono state depositate le cose che sono state valutate a livello locale, ad un qualche tipo di potere soprannaturale , di una qualche entità trascendentale o qualsiasi altra cosa.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.