Il più antico australopiteco trovato in Sud Africa

il teschio di little foot trovato nella grotta di SterkfonteinPer più di un decennio, gli antropologi hanno dibattuto sull’età del fossile di Australopithecus chiamato “Little Foot”, dove hanno riportato lo scheletro quasi completo del potenziale antenato estinto degli esseri umani. Ora gli scienziati dicono che hanno definitivamente dimostrato che il campione è vecchio di circa 3 milioni di anni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Una recente analisi sulla pietra che circonda i fossili ha permesso di identificare le prove sull’età effettiva delle ossa “e ha suggerito che Little Foot potrebbe essere lo scheletro di Australopithecus più anticp mai trovato.”

- Prosegue dopo la pubblicità -

BLOG: metà umana, metà scimmia Ancestor Walked Pigeon Biancone

- Prosegue dopo la pubblicità -

Subito dopo il ritrovamento iniziale, uno studio ha suggerito che le ossa erano vecchie di 3,3 milioni di anni. Tuttavia, uno studio del 2006 pubblicato su Science ha avviato una polemica antropologica quando ha suggerito che le ossa del piccolo piede erano vecchie di 2,2 milioni di anni, in base all’età delle rocce ricche di calcio che circondano i fossili. Altri due studi successivi hanno datato lo scheletro di 2,35 e 2,58 milioni anni fa, utilizzando una tecnica nota come datazione a decadimento uranio-piombo.

Recentemente, lo scopritore di Little Foot, l’antropologo Ronald Clarke dell’Università di Witwatersrand in Sud Africa, e i colleghi hanno suggerito che la geologia potrebbe aver confuso le stime dell’età di Little Foot, in un articolo pubblicato sul Journal of Human Evolution.

Clarke e il suo team hanno osservato la stratificazione della roccia intorno Little Foot e la composizione chimica delle rocce. Hanno presentato la prova che un crollo parziale delle pietre fossili portanti in una cavità inferiore della grotta ha portato ad una confusione sulla giustapposizione geologica.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dopo il crollo, un carbonato di roccia di calcio, nota come mutaroccia, si è formata negli spazi intorno ai fossili. Ciò ha portato a un milioni mix-up di anni più tardi, quando gli scienziati hanno datato la roccia più giovane e credevano che questa si fosse formata quasi nello stesso periodo dei fossili.

Nel 1994, Clarke ha individuato le piccole ossa del piede di un ominide, una specie di scimmia umanoide, in una collezione museale. Andò poi a cercare il resto dello scheletro nella grotta Grotta Sterkfontein in Sud Africa. Nel 1997, Clarke e il suo team hanno trovato l’osso della coscia di Little Foot.
i resti fossili dell austraopitecus little foot
Dopo quasi 15 anni di lavoro, nel 2011, nella grotta di Sterkfontein, gli antropologi hanno finalmente finito di rimuovere i restanti fossili di Little Foot dalla grotta dove è stato trovato, compreso il cranio, braccia, mani e gambe ossa del bacino, e molte vertebre e costole.

Ora, cranio, braccia, bacino e alcune altre ossa sono state rimosse dalla roccia stringe.
Ronald Clarke  con i resti di Little Foot

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: http://news.discovery.com