Nella culla dei pianeti: intervista a Elisabetta Rigliaco



Si chiama Sphere ed è un nuovo strumento per la ricerca degli esopianeti montato a Paranal sul Very Large Telescope dell’ESO. I suoi due assi nella manica sono un’ottica adattiva di punta e un coronografo. È grazie a loro che tre team internazionali di astronomi sono riusciti a studiare come mai era stato possibile prima alcuni dischi protoplanetari, vale a dire le regioni attorno alle stelle nelle quali stanno per formarsi i pianeti. I risultati, descritti in tre articoli scientifici, sono presentati oggi dall’ESO. Cosa hanno permesso di scoprire ce lo spiega una delle ricercatrici del consorzio Sphere, Elisabetta Rigliaco dell’INAF di Padova.

Intervista a cura di Caterina Boccato
Riprese video di Simone Zaggia
Servizio di Marco Malaspina

- Prosegue dopo la pubblicità -


INAF-TV è il canale YouTube di Media INAF (http://www.media.inaf.it/)

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.