Parte della crosta originale del Pianeta Terra sopravvive ancora oggi in Canada

O’Neil e Carlson passeggiano alla ricerca delle antichissime rocce del Canada

Il mondo è cambiato molto in questi quasi 4,6 miliardi anni da quando si è formato. La stragrande maggioranza della crosta che esisteva al periodo degli esordi del Pianeta Terra è stata spazzata nel mantello, perdendo ogni traccia della sua composizione originale. Tuttavia, nel nord del Quebec, i geologi hanno trovato tracce di ciò che potrebbe rappresentare la crosta originale continentale, che risalirebbe quindi ad almeno 4,2 miliardi di anni.

Australia, Canada, Groenlandia sono un po’ in competizione per quanto riguarda la conservazione delle rocce più antiche del mondo. Altri continenti si sono formati sostanzialmente in epoche più recenti. I cristalli conosciuti come zirconi sono stati trovati nel Jack Hills of Western Australia e risalgono a circa 4,4 miliardi di anni, sulla base del decadimento di isotopi radioattivi intrappolati al loro interno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questi, tuttavia, hanno dimensioni quasi microscopiche. Sulla rivista Science , l’Università di Ottawa con il dottor Jonathan O’Neil e il dottor Richard Carlson della Carnegie Institution hanno dichiarato che in alcuni parti del Canada, le rocce della Baia di Hudson sono composte da elementi di età molto simili tra loro.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Queste vecchie rocce in Nunavik (Quebec settentrionale), sono oggi circondate da acqua e piante resistenti sulla parte superiore. (foto: Alexandre Jean)

O’Neil e Carlson hanno esaminato le rocce di granito di età compresa tra i 2,8 e 2,5 miliardi di anni – date impressionanti, ma pur sempre molto più giovani dei primi anni drammatici della Terra. Tuttavia, gli autori hanno trovato che queste rocce hanno una carenza di isotopi di neodimio-142.

Neodimio-142 è un prodotto radioattivo samario-146 che cede una particella alfa per formare il metallo che O’Neil e Carlson cercavano. Samario-146 ha una emivita di 103 milioni di anni. Questi elementi si sarebbero formati entro i primi 400 milioni di anni, lasciando alle loro spalle un considerevole patrimonio di Nd-142. Rocce che si sono formate dopo questo tempo hanno quantità consistenti di Nd-142, rispetto al loro più pesante fratello Nd-144.

- Prosegue dopo la pubblicità -

D’altra parte, le rocce si sarebbero formate mentre erano presenti ancora apprezzabili quantità di Sm-146 sulla Terra, che dovrebbero avere variabili di Nd-142 e di Nd-144 a seconda delle loro origini sono con le rocce incorporate o escluse dal samario.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli autori sostengono che i bassi rapporti di Nd-142 a Nd-144 analizzati in questi campioni potrebbero essere stati prodotti solo durante l’era Adeano, primo periodo geologico della Terra che si è conclusa 4 miliardi di anni fa. Più di un miliardo di anni più tardi, queste rocce sono state fuse e riformate nei granitoidi che vediamo oggi, ma hanno tenuto su loro la composizione originale di metalli pesanti.

Nel posto giusto, è possibile raggiungere e toccare le orgins della Terra. (Rick Carlson)

Forse i geologi potrebbero non trovare mai i resti della vera crosta originale, eppure anche attraverso questo nuovo studio, è evidente come la composizione elementare non sia cambiata.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tali antiche rocce sono solo una piccola parte del terrane Hudson, la maggior parte dei quali è emersa prima dal mantello, ovvero meno di 4 miliardi di anni fa.

Gran parte delle informazioni sullerocce originali potrebbe essere trasmesse attraverso il naturale “processo di riciclaggio”. O’Neil ha detto: “Possiamo ricomporre il puzzle insieme per cercare di capire come i più antichi continenti e il nucleo dei nostri continenti si siano formati”.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.