“Somiglia ad una mela” ma il frutto e l’albero sono talmente tossici da non poter stare vicino ad essi quando piove

Nel 1999, il radiologo Nicola Strickland è andato in vacanza all’isola caraibica di Tobago, un paradiso tropicale completo di spiagge idilliache e deserte. Nella sua prima mattina lì, andò a foraggiare conchiglie e coralli sulla sabbia bianca, quando la vacanza prese rapidamente una svolta negativa.

Sparse tra le noci di cocco e manghi sulla spiaggia, Strickland e la sua amica  trovarono un po’ di frutta verde che ricordava la forma di piccoli granchi. Entrambi, ingenuamente, decisero di prendere un boccone, e in pochi istanti il sapore gradevole, dolce è stato travolto da uno pepato, con una sensazione di bruciore e di un straziante  senso di oppressione alla gola che via via andava talmente peggiorando da consentire a malapena a deglutire.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il frutto in questione apparteneva all’albero del manino (Hippomane mancinella), a volte chiamato “mela da spiaggia” o semplicemente “veleno“. È nativo nelle parti tropicali dell’America meridionale del Nord, così come in America Centrale, nei Caraibi e nelle parti del nord America meridionale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La pianta porta anche un altro nome in spagnolo, arbol de la muerte , che significa letteralmente “albero della morte“. Secondo i record mondiali di Guinness , l’albero del manichino è infatti l’albero più pericoloso del mondo.

Come spiegato dall’Istituto di Scienze e Scienze Agricole della Florida , tutte le parti del manchineel sono estremamente velenose e “l’interazione con l’ingestione di qualsiasi parte di questo albero può essere letale”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Manchineel appartiene al grande e diversificato genere di Euphorbia, che contiene anche la decorazione della poinsettia di Natale. L’albero produce una spessa e saporita lattuga che esalta fuori tutto – la corteccia, le foglie e anche il frutto – e può causare gravi bruciature se entra in contatto con la pelle.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo SAP contiene una serie di tossine, ma si pensa che le reazioni più gravi provengano da pholbol, un composto organico che appartiene alla famiglia dei diterpeni di esteri.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Poiché il foro è molto solubile in acqua, non si vuole nemmeno stare in piedi sotto un manichino quando piove: le gocce di pioggia che portano il dado diluito possono ancora gravemente bruciare la pelle.

A causa di queste terribili proprietà, in alcune parti della gamma naturale dell’albero sono dipinte con una croce rossa, un anello rosso di vernice o addirittura accoppiati con segni di avvertimento espliciti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Potremmo solo rimuoverli, ma svolgono un ruolo prezioso negli ecosistemi locali – come un grande arbusto, il manchineel cresce in fitti boschi che forniscono eccellenti protezioni contro il vento e l’erosione costiera sulle spiagge dell’America centrale.

Ci sono state segnalazioni di gravi casi di infiammazione oculare e persino provocazioni provocate dalla cecità provocata dal fumo di bruciatura del legno manchineel – per non parlare degli effetti di inalazione della roba.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I carpentieri caraibici, però, hanno utilizzato i mobili fatti con il suo legno per secoli – dopo averli attentamente tagliati e asciugati al sole per neutralizzare la linfa velenosa.

“La minaccia reale della morte proviene quando si mangia il suo piccolo frutto rotondo”, scrive Ella Davies per la BBC . “L’ingestione del frutto può risultare fatale con sintomi come vomito e diarrea che disidratano il corpo fino al punto di non ritorno“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fortunatamente, Strickland e la sua amica vissero per raccontare la storia, perché mangiarono solo una piccola quantità di “mele della morte”. Nel 2000, Strickland pubblicò una lettera nel British Medical Journal , descrivendo in dettaglio i suoi sintomi.

Ci sono volute più di 8 ore perché il loro dolore si abbassasse lentamente, mentre sorseggiarono accuratamente pina colada e latte. La tossina ha continuato a drenare nei linfonodi sui loro lati, procurando loro ulteriori dolori.

“Raccontare la nostra esperienza per i locali ha suscitato orrore e incredulità, tale è stata la reputazione velenosa della frutta”, ha scritto Strickland. “Abbiamo trovato la nostra esperienza più spaventosa”.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.