Artisti installano altalene al confine tra Stati Uniti e Messico affinchè i bambini possano giocare insieme

Può sembrare una scena normale: bambini e adulti che giocano su altalene rosa, ridono incuranti e chiacchierano tra loro
Ma questo è un parco giochi diverso da qualsiasi altro. Queste altalene su misura sono state posizionate su entrambi i lati di una recinzione di confine a doghe in acciaio che separa gli Stati Uniti e il Messico.
L’idea di un “Teeter-Totter Wall” è venuta a Ronald Rael, professore di architettura all’Università della California, Berkeley e Virginia San Fratello, professoressa associata di design alla San Jose State University.

Nel 2009, i due hanno progettato un concetto per un’altalena binazionale al confine, per un libro: “Borderwall as Architecture“, che usa “umorismo e inventiva per affrontare l’inutilità di costruire barriere“, ha detto UC-Berkeley.

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

Visualizza questo post su Instagram

 

One of the most incredible experiences of my and @vasfsf’s career bringing to life the conceptual drawings of the Teetertotter Wall from 2009 in an event filled with joy, excitement, and togetherness at the borderwall. The wall became a literal fulcrum for U.S. – Mexico relations and children and adults were connected in meaningful ways on both sides with the recognition that the actions that take place on one side have a direct consequence on the other side. Amazing thanks to everyone who made this event possible like Omar Rios @colectivo.chopeke for collaborating with us, the guys at Taller Herrería in #CiudadJuarez for their fine craftsmanship, @anateresafernandez for encouragement and support, and everyone who showed up on both sides including the beautiful families from Colonia Anapra, and @kerrydoyle2010, @kateggreen , @ersela_kripa , @stphn_mllr , @wakawaffles, @chris_inabox and many others (you know who you are). #raelsanfratello #borderwallasarchitecture

Un post condiviso da Ronald Rael (@rrael) in data:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dieci anni dopo, i loro disegni concettuali sono diventati realtà. Rael e il suo team hanno trasportato le altalene a Sunland Park, nel New Mexico, separate da una recinzione d’acciaio da Ciudad Juárez, in Messico.
La città del New Mexico è anche il luogo dove una milizia ha arrestato i migranti quest’anno e in cui un gruppo privato ha costruito il proprio muro di confine usando milioni di dollari raccolti in una campagna GoFundMe.

Ma lungo un altro tratto di confine a Sunland Park, la scena era completamente diversa.
La gente di entrambe le parti si è riunita in un “atto unificante”, ha dichiarato l’Università della California in una nota. I partecipanti dalla parte del Messico non conoscevano il progetto, ha detto.
In un post su Instagram, Rael ha affermato che l’evento è stato “pieno di gioia, eccitazione e solidarietà al confine“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il muro è diventato un fulcro letterale per le relazioni USA-Messico e i bambini e gli adulti sono stati collegati in modo significativo da entrambe le parti con il riconoscimento che le azioni che hanno luogo da una parte hanno una conseguenza diretta dall’altra parte“, ha scritto.
Rael afferma che le controproposte per il muro creato dal suo studio “reinventano, iperbolizzano o mettono in discussione il muro e la sua costruzione, costo, prestazioni e significato“, secondo il sito web del libro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.