Correlazioni tra glifosato e celiachia? I risultati degli studi scientifici

Alimentazione Salute

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il glifosato può causare la celiachia? Ci sono elementi scientificamente riconosciuti che possono confermare una correlazione tra l’utilizzo di questo noto diserbante e la temuta patologia che causa intolleranza al glutine? Riportiamo qui sotto alcune informazioni diffuse da organizzazioni scientifiche (i cui riferimenti sono elencati a fondo articolo):

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel dicembre 2013 è stato pubblicato un articolo su Interdisciplinary Toxicology che esplorava l’idea che il popolare erbicida chiamato Roundup potrebbe avere un legame relazionale con il suo maggiore utilizzo. [1] Inoltre, un numero di altre condizioni di salute complesse e angoscianti sono state sempre più attribuite a questa sostanza chimica: Il glifosato non è stato originariamente progettato come erbicida. Brevettato dalla Stauffer Chemical Company nel 1964, fu introdotto come agente chelante. Si lega avidamente ai metalli. Il glifosato è stato inizialmente utilizzato come agente disincrostante per ripulire i depositi di minerali dai tubi delle caldaie e di altri sistemi di acqua calda.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il glifosato non è un normale erbicida . Oltre ad essere l’erbicida più usato sulla terra, è anche il principale percettore delle entrate della Monsanto, la società globale che sta dietro molte delle modifiche legislative per incoraggiare gli alimenti geneticamente modificati. La maggior parte dei semi della Monsanto, tra cui soia, mais, colza, erba medica, cotone, barbabietole da zucchero e sorgo, sono resistenti al glifosato. A partire dal 2009 e probabilmente sempre lo stesso, i prodotti Roundup (glifosato) della Monsanto, che includono i semi OGM, rappresentavano circa la metà delle entrate annuali della Monsanto . Questa dipendenza dai prodotti a base di glifosato rende la Monsanto estremamente vulnerabile alla ricerca che sfida la sicurezza dell’erbicida. Gli erbicidi a base di glifosato funzionano tutti allo stesso modo: inibiscono un enzima necessario alle piante per favorire la crescita. L’enzima specifico si chiama EPSP sintasi. Questo enzima si trova nelle piante e nei batteri, compresi gli organismi commensali che risiedono nelle nostre viscere.

La celiachia e, più in generale, l’intolleranza al glutine, è un problema crescente in tutto il mondo, ma soprattutto in Nord America e in Europa, dove oggi circa il 5% della popolazione ne soffre. I sintomi includono nausea, diarrea, eruzioni cutanee, anemia macrocitica e depressione. È una malattia multifattoriale associata a numerose carenze nutrizionali, nonché problemi riproduttivi e aumento del rischio di patologie tiroidee, insufficienza renale e cancro. Il glifosato, il principio attivo dell’erbicida , potrebbe rivelarsi fattore causale più importante in questa epidemia. I pesci esposti al glifosato sviluppano problemi digestivi che ricordano la celiachia. La celiachia è associata a squilibri nei batteri intestinali che possono essere completamente spiegati dagli effetti noti del glifosato sui batteri intestinali. Le caratteristiche della celiachia indicano un deterioramento di molti enzimi del citocromo P450, che sono coinvolti nella disintossicazione delle tossine ambientali, nell’attivazione della vitamina D3, nella catabolizzazione della vitamina A e nel mantenimento della produzione di acido biliare e di solfati nell’intestino.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il glifosato è noto per inibire gli enzimi del citocromo P450. Le carenze di ferro, cobalto, molibdeno, rame e altri metalli rari associati alla celiachia possono essere attribuite alla forte capacità del glifosato di chelare questi elementi. Le carenze di triptofano, tirosina, metionina e selenometionina associate alla celiachia corrispondono all’esaurimento noto del glifosato di questi aminoacidi.

I pazienti con malattia celiaca hanno un rischio maggiore di linfoma non Hodgkin, che è stato anche implicato nell’esposizione al glifosato. Il glifosato può anche spiegare i problemi riproduttivi associati alla celiachia, come infertilità, aborti spontanei e difetti alla nascita. I residui di glifosato nel grano e in altre colture stanno probabilmente aumentando di recente a causa della crescente pratica di essiccazione delle colture appena prima della raccolta.

Sosteniamo che la pratica della “maturazione” della canna da zucchero con glifosato potrebbe spiegare il recente aumento dell’insufficienza renale tra i lavoratori agricoli dell’America centrale. Concludiamo con un appello ai governi a riconsiderare le politiche relative alla sicurezza dei residui di glifosato negli alimenti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel Regno Unito, una persona su 10 ora evita il glutine e può sempre più scegliere tra una vasta gamma di prodotti alimentari per aiutarli a farlo. L’anno scorso, il mercato “libero da”, con l’ancora senza glutine, ha mostrato un aumento delle vendite del 27% . Pane, torte e pasta senza glutine sono diventati un punto fermo dei supermercati: nelle ultime settimane Warburtons ha lanciato una gamma di impacchi senza glutine , tra cui uno a base di barbabietola, mentre Stella Artois ha lanciato una birra senza glutine , certificata da Celiac UK. Nel redditizio settore dei libri di cucina, ci sono offerte senza glutine da parte di tutti, da Ella Woodward a Novak Djokovic, con la stella del tennis che accredita la dieta con il cambiamento della sua salute. Non è il solo a ritenere che una dieta priva di glutine sia più sana: il 15% delle famiglie britanniche preferisce non mettere alimenti con glutine e grano nel carrello, più della metà per motivi di salute. Tuttavia, con la crescita della popolarità del mangiare senza glutine, lo scetticismo del tipo “è tutto nella mente” lo ha abbinato.

L’unico fatto non controverso è che le persone con celiachia (stimate tra l’altro dall’1% della popolazione del Regno Unito da Celiac UK) soffrono di un disturbo autoimmune molto reale in cui il consumo di glutine, i termini ombrello per varie proteine ​​collose che si trovano nel grano, nell’orzo e la segale provoca danni al loro intestino tenue. Ma la battaglia inizia quando consideriamo il numero molto più ampio di persone, variamente stimato tra il 6% e l’8% della popolazione, che si auto-seleziona una dieta priva di glutine e che ora viene classificata come sensibile al glutine non celiaca . Anche se non sono celiaci, segnalano sintomi simili spiacevoli – diarrea, vento, costipazione, mal di stomaco, crampi, gonfiore, affaticamento – e scoprono che questi sono alleviati quando eliminano il glutine.

La celiachia ha un antico lignaggio, la cui prima descrizione risale al medico del I secolo Aretaeus della Cappadocia , che la chiamò in greco ” koiliakos ” (addominale). Tuttavia la sensibilità al glutine non celiaca sembra essere una condizione moderna. Mentre l’idea che alcune forme di glutine potrebbero essere una potenziale fonte di difficoltà digestive, un numero crescente di persone riferisce che la sofferenza è circolata da decenni nei circoli della medicina complementare, la tendenza all’eliminazione del glutine è davvero decollata negli ultimi dieci anni. Quando nel 2012 Miley Cyrus ha reso pubblica la sua “allergia al glutine” e, nel 2013, Gwyneth Paltrow ha pubblicato un ricettario senza glutine, sono nati i portabandiera del movimento anti-glutine.

- Prosegue dopo la pubblicità -

È evidente che la sensibilità al glutine sembra preoccupare le donne più degli uomini, che la localizza istantaneamente in un territorio di genere dove può essere respinta, come una diagnosi vittoriana di “isteria”, come una malattia immaginaria della ricerca di attenzione, attenta alla moda, principalmente donne più giovani. Statisticamente, le donne hanno maggiori probabilità rispetto agli uomini di essere sensibili al glutine: da due a tre volte più donne rispetto agli uomini soffrono di celiachia , aumentando fino a sei volte di più per la sensibilità al glutine non celiaca.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le diete senza glutine producono risultati contrastanti. Una donna con cui ho parlato, che ha descritto i suoi sintomi come il suo stomaco “che esplode come un palloncino”, mi ha dato questo verdetto sul suo esperimento. “Ho vissuto sopra una panetteria a Parigi. Tre mesi di tortura e diniego senza glutine, ma non ha funzionato. ”Ma altri vedono un beneficio. In uno studio recente , i ricercatori hanno concluso: “Le ragioni dei partecipanti per evitare il glutine in assenza di una diagnosi medica della celiachia erano, per la maggior parte, ragionate e logiche. La stragrande maggioranza dei partecipanti ha creduto che l’adesione a una dieta priva di glutine avesse portato a miglioramenti “.

Anche così, siamo ancora incoraggiati a archiviare il regime senza celiaci senza glutine nella pattumiera delle diete alla moda senza celebrità, per scriverlo come un esercizio del 21 ° secolo nella nevrosi di massa. Dopotutto, perché i cereali che abbiamo mangiato, apparentemente senza incidenti, per 14000 anni improvvisamente dovrebbero diventare troppo difficili da digerire? Forse abbiamo bisogno di riformulare quella domanda: che cosa c’è nelle graffette a base di grano che la maggior parte di noi sta mangiando che potrebbe causare difficoltà digestive a livello di popolazione? Oppure, come dice il co-fondatore della Real Bread Campaign , Andrew Whitley: “Dovremmo chiederci perché il sistema alimentare ci ha fatto questo, chiedendoci come osa venderci schifezze che ci hanno reso così”.

Che cosa intende? Per cominciare, il grano che stiamo mangiando è stato allevato, in gran parte per ordine di panifici industriali e produttori di alimenti, per avere livelli più elevati di glutine più forte. (Più glutine, più soffice e più voluminoso è il tuo pane.) Nel Regno Unito, la più antica cultivar moderna di grano da pane che coltiviamo è Maris Widgeon, che risale al 1964; il resto è stato sviluppato tra la fine del 20 ° e l’inizio del 21 ° secolo per ottenere rese più elevate e glutine più elevato. Queste cultivar non sono ciò che i nostri antenati hanno mangiato. Quali altre mutazioni non intenzionali potrebbero aver causato questo allevamento in queste varietà e quali effetti potrebbero avere sulle persone che le mangiano?

Nemmeno il grano dei nostri bisnonni non veniva spruzzato con pesticidi. In questi giorni, è pratica comune tra gli agricoltori non biologici spruzzare il grano nei giorni precedenti la raccolta con il controverso glifosato di pesticidi, per asciugare il raccolto per la lavorazione. L’ Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro lo classifica come probabile cancerogeno per l’uomo. Dibattito infuria sulla sicurezza a lungo termine di questi pesticidi e sui possibili effetti sulla salute umana, specialmente se distribuiti così vicino alla raccolta.

Nella fabbrica, i conglomerati da forno fortemente automatizzati hanno eliminato la maggior parte del tempo, lo sforzo umano e l’artigianato dal processo di panificazione, sostituendo i metodi tradizionali con una serie chimica di additivi e coadiuvanti non divulgati, in particolare gli enzimi sintetizzati in laboratorio. Questi enzimi e i 27 potenziali allergeni che gli scienziati hanno identificato nel grano, ora sono saldamente nella cornice per causare il “polmone del panettiere” , un rischio professionale per gli operai della fabbrica di panetteria. Potrebbero anche influenzare la salute dei loro clienti in modo meno drammatico?

Sebbene tutti gli additivi usati per fare il pane moderno e i prodotti alimentari trasformati siano “generalmente riconosciuti come sicuri”, nel linguaggio avveduto della Food and Drug Administration degli Stati Uniti, alcuni ricercatori hanno associato un certo numero di additivi alimentari ad alcune delle alterazioni intestinali osservate in sensibilità al glutine sia celiaca che non celiaca, nonché nella malattia infiammatoria intestinale. Ad esempio, uno studiohanno scoperto che gli emulsionanti, una categoria comune di additivi alimentari presenti nei pani industriali e nei prodotti da forno, possono promuovere l’infiammazione intestinale interrompendo la barriera tra il sistema immunitario e il microbioma – la raccolta di microbi che popolano il nostro corpo. L’effetto cumulativo di cocktail delle moderne combinazioni di additivi che consumiamo potrebbe anche essere motivo di preoccupazione, poiché la sicurezza di ciascuno è testata solo in modo isolato e ogni possibile effetto cocktail non è stato studiato sistematicamente.

Negli ultimi 20-30 anni, i forni industriali hanno anche aggiunto ulteriore glutine ai loro prodotti, noti come “glutine vitale” nel commercio, ma spesso etichettati innocuamente come “proteine ​​del grano”. I consumatori stanno consumando più glutine ora che mai. E, in una strategia di cintura e bretelle per rendere le loro merci più grandi e con il miglior valore possibile, hanno anche aumentato la quantità di lievito (un altro noto allergene alimentare) nelle loro formulazioni.

I prodotti da forno industriali di oggi suonano ancora meno come una ricetta per il comfort digestivo se si considera che il passaggio più cruciale nella panificazione tradizionale – lunga e lenta fermentazione – è stato eliminato in gran parte dal processo di produzione industriale, rendendo possibile la creazione di pagnotte finite in due ore, a differenza del periodo di tempo tradizionale di almeno 16 ore. Alcuni espertisostengono che senza questa tradizionale fermentazione – il processo attraverso il quale parti del grano iniziano a essere scomposte in presenza di batteri dell’acido lattico – molte persone semplicemente non riescono a digerire i cereali correttamente per assorbire i micronutrienti desiderabili che contengono. “Riceviamo ripetutamente notizie da persone che hanno scoperto di poter mangiare un tipo di pagnotta ma non un altro”, afferma Chris Young della campagna del pane reale. “Alcune persone riferiscono che i loro problemi sono innescati da ceppi contemporanei di grano moderno, mentre il vero pane fatto con varietà tradizionali va bene. O forse si limitano a mangiare antichi tipi di grano come il farro, il farro o il farro. Altre persone hanno scoperto che l’unico pane di cui possono godere è il lievito naturale genuino, prodotto da un lungo processo di fermentazione utilizzando una cultura di lievito madre dal vivo. ”

Quindi, sebbene il glutine non debba essere un distruttore digestivo, di per sé, potrebbe forse esserlo anche quando viene incontrato nelle sue forme inadeguatamente fermentate, in particolare quando viene mescolato con residui di pesticidi, additivi alimentari e ausili di lavorazione che potrebbero essere dei veri e propri piantagrane. Altri possibili fattori scatenanti per difficoltà gastriche potrebbero essere Fodmapso fermentabili, oligo, di- e mono-saccaridi e polioli. Questi zuccheri non sono in alcun modo esclusivi degli alimenti contenenti glutine, ma sono naturalmente ricchi di essi. Il pensiero qui è che non è necessariamente il glutine, ma Fodmaps mal assorbito che genera sintomi simili a quelli osservati nella sensibilità al glutine. Una dieta Fodmaps prevede il taglio di alimenti ricchi di Fodmap per 6-8 settimane prima di reintrodurli uno a uno, nel tempo, per individuare i colpevoli. Il verdetto? “Molto difficile da fare. Non conosco nessuno che si sia attaccato ad esso “, è stata la risposta aneddotica che ho ricevuto da una persona che ha provato questo.

E che dire della fibra, che è sancita dalle linee guida del governo sull’alimentazione sana? Siamo esortati a mangiare prodotti a base di cereali integrali, come quelli con molta crusca di grano, piuttosto che quelli raffinati bianchi, ma, senza una fermentazione completa per scomporre i cereali integrali in una forma digeribile, la fibra insolubile in tali prodotti potrebbe infiammare il nostro budella? Una recente revisione scientifica degli effetti della fibra alimentare su coloro che soffrono di sindrome dell’intestino irritabile ha osservato che: “Una raccomandazione generale per aumentare l’assunzione di fibre in questo gruppo di pazienti sarebbe inappropriata poiché potrebbe peggiorare i sintomi”. Eppure la maggior parte di noi ancora supponiamo, perché ci è stato detto più volte che “il marrone è il migliore”.

Le persone perseguitate dallo spettro dei sintomi etichettati come intolleranza al glutine si rivolgono, con speranza o disperazione, alla crescente, fiorente dispensa di alternative senza glutine che i produttori hanno messo sui nostri scaffali. Fare affidamento su alternative senza glutine potrebbe essere controproducente. La stragrande maggioranza delle creazioni senza glutine pubblicizzate come “pancia amichevole” contengono gli stessi discutibili enzimi e additivi che i tecnologi alimentari usano nell’equivalente industriale standard, contenente glutine. Inoltre, si basano anche su ingredienti di produzione alimentare ad alta tecnologia per fornire la loro architettura. Questi includono gomma di xantano , una sostanza forte, simile alla colla utilizzata anche nell’industria petrolifera per addensare il fango di perforazione , idrossipropilmetil cellulosa, utilizzato anche nel settore edile per le sue proprietà di ritenzione idrica nel cemento e l’amido di tapioca, un amido impoverito dal punto di vista nutrizionale, modificato chimicamente dalla radice di manioca. Questi articoli in molti prodotti senza glutine sono un vantaggio per l’intestino alla pari o una prescrizione per lo scambio di diarrea con costipazione?

Allontanandosi dalla miseria quotidiana delle persone con problemi digestivi, non si può ignorare la discrepanza statistica tra il numero crescente di persone nel Regno Unito che possono essere etichettate come sensibili al glutine e il 15% delle famiglie britanniche che ora evita il glutine e il grano. Parte della resistenza I-not-believe-you al concetto di sensibilità al glutine è il fatto che molte persone si aggrappano al glutine come un modo per perdere peso. Un nuovo studio ha osservato che molte persone, in particolare i giovani adulti, che scelgono prodotti senza glutine dimostrano anche comportamenti malsani come il fumo o il vomito per cercare di perdere peso.

Le abitudini di un numero relativamente piccolo di mangiatori estremi sono una cosa, ma i tentativi di molte più persone di affrontare il loro peso o problemi gastrici vedendo se fanno meglio con un regime senza glutine, sono piuttosto un’altra. E dietro di loro c’è un dibattito ancora più grande. Se un eccesso di alimenti a base di zuccheri e carboidrati è il vero motore dell’obesità, come viene sempre più ipotizzato, allora tutte quelle persone che tagliano carboidrati contenenti glutine come una sorta di esercizio a punta di asino nell’affrontare le cosce allargate e le pance gonfie potrebbero non essere troppo larghe rispetto al segno.

Dato lo stato travagliato delle viscere della nazione e la circonferenza della sua vita, è improbabile che la nostra fissazione sul glutine scompaia presto, anche se una tendenza della moda alimentare rivale potrebbe essere la sua nemesi. Le ricerche di Google per “dieta a base vegetale” sono aumentate nel corso dell’ultimo anno, mentre le ricerche per “dieta senza glutine” sono gradualmente diminuite da un picco del 2012.

C’è un conflitto qui. Tracciare una dieta realistica e praticabile senza glutine – o, in effetti, con Fodmaps – ma grande sulle piante non è niente se non impegnativo. Se, cioè, vuoi mangiare una vera dieta alimentare e stare il più lontano possibile dalla spazzatura ultra-elaborata.

Commento:

Può essere difficile alla luce di tutti i vari cambiamenti nella produzione alimentare negli ultimi 100 anni indicare con sicurezza un problema chimico, poiché testato isolatamente spesso può essere benigno, ma poiché Roundup è un efficace chelater le conseguenze del suo impatto su la salute delle colture, degli animali e delle persone probabilmente cambierà molto quando sarà legata ad altre sostanze chimiche come parte deterministica dello sviluppo dei fertilizzanti o come in molti paesi del Sud America, inavvertitamente a causa della contaminazione del suolo. È sempre più chiaro che questa sostanza chimica, pur conferendo alcuni benefici, potrebbe rivelarsi più problematica per la salute umana di quanto attualmente apprezzato. La ricerca specialistica a lungo termine che esamina gli effetti aggregati di sostanze chimiche miste potrebbe ancora rivelarsi il modo più chiaro per determinare le conseguenze. Inoltre:

La celiachia è una condizione complessa e multifattoriale associata a intolleranza al glutine e un rischio più elevato di patologie tiroidee, cancro e malattie renali, e vi è anche un aumentato rischio di infertilità e difetti alla nascita nei bambini nati da madri celiache. Il monitoraggio dei livelli di glifosato negli alimenti e nelle urine e nel sangue umani è stato inadeguato. La pratica comune di essiccazione e / o maturazione con glifosato prima della raccolta garantisce la presenza di residui di glifosato nelle nostre scorte alimentari. È plausibile che il recente forte aumento dell’insufficienza renale nei lavoratori agricoli sia legato all’esposizione al glifosato.

Riferimento

[1] Samsel A, Seneff S. Glyphosate, vie verso le malattie moderne II: spruzzo celiaco e intolleranza al glutine. Interdiscip Toxicol. 2013 dicembre; 6 (4): 159-84. Visualizza carta completa

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

RIFERIMENTI

1. Agúndez JA, García-Martín E, Martínez C. Compromissione genetica del metabolismo FANS CYP2C8 e CYP2C9 come fattore di rischio per sanguinamento gastrointestinale: è necessaria una combinazione di farmacogenomica e metabolomica per migliorare la medicina personalizzata? Parere dell’esperto Droga Metab Toxicol. 2009; 5 (6): 607–620. [ PubMed ]  ]
2. Ali A, Fletcher RA Azione fitotossica di glifosato e amitrolo su piantine di mais. Can J Bot. 1977; 56 : 2196–2202.  ]
3. Allen RH, Stabler SP, Savage DG, Lindenbaum J. Anomalie metaboliche nella cobalamina (vitamina B12) e carenza di folati. FASEB J. 1993; 7 : 1344–1353. [ PubMed ]  ]
4. Ames BN, Shigenaga MK, Hagen TM. Ossidanti, antiossidanti e malattie degenerative dell’invecchiamento. Proc Natl Acad Sci US A. 1993; 90 : 7915–22. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
5. Baizabal-Carvallo JF, Jankovic J. Disturbi del movimento nelle malattie autoimmuni. Mov Disord. 2012; 27 (8): 935–46. [ PubMed ]  ]
6. Banoglu E, re RS. Solfatazione di indoxil da parte di aril (fenolo) sulfotransferasi umano e di ratto per formare indoxil solfato. Farmacokinet Eur J Drug Metab. 2002; 27 (2): 135–140. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
7. Barbosa ER, MD Leiros da Costa, Bacheschi LA, Scaff M, Leite CC. Parkinsonismo dopo esposizione a glicina-derivato. Mov Disord. 2001; 16 (3): 565–8. [ PubMed ]  ]
8. Bash LD, Erlinger TP, Coresh J, Marsh-Manzi J, Folsom AR, Astor BC. L’infiammazione, l’emostasi e il rischio di declino della funzione renale nello studio sul rischio di aterosclerosi nelle comunità (ARIC). Am J Kidney Dis. 2009; 53 : 596–605. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
9. Bellaloui N, Reddy KN, Zablotowicz RM, Abbas HK, Abel CA. Effetti dell’applicazione del glifosato su ferro di semi e radice ferrica (III) reduttasi in cultivar di soia. J Agric Food Chem. 2009; 57 (20): 9569–74. [ PubMed ]  ]
10. Benini F, Mora A, Turini D, Bertolazzi S, Lanzarotto F, Ricci C, Villanacci V, Barbara G, Stanghellini V, Lanzini A. Lo svuotamento lento della cistifellea ritorna al normale transito intestinale di un pasto fisiologico rimane lento nei celiaci pazienti durante la dieta senza glutine. Neurogastroenterol Motil. 2012; 24 (2): 100–7, e79–80. [ PubMed ]  ]
11. Benítez-Leite S, Macchi ML, Acosta M. Malformaciones congenítas asociadas a agrotóxicos. Archivos de Pediatría del Uruguay. 2009; 80 : 237–247.  ]
12. Bergamaschi G, Markopoulos K, Albertini R, Di Sabatino A, Biagi F, Ciccocioppo R, Arbustini E, Corazza GR. Anemia di malattia cronica e produzione di eritropoietina difettosa in pazienti con malattia celiaca. Haematologica. 2008; 93 (12): 1785-1791. [ PubMed ]  ]
13. Bernfield M, Götte M, Park PW, Reizes O, Fitzgerald ML, Lincecum J, Zako M. Funzioni dei proteoglicani eparan solfato della superficie cellulare. Annu Rev Biochem. 1999; 68 : 729–777. [ PubMed ]  ]
14. Beswick E, Millo J. Avvelenamento fatale con erbicida tensioattivo-glifosato. SCIC. 2011; 12 (1): 37–39.  ]
15. Beuret CJ, Zirulnik F, Gimenez MS. Effetto dell’erbicida glifosato sulla lipoperossidazione epatica nei ratti in gravidanza e nei loro feti. Riproduci Toxicol. 2005; 19 : 501–504. [ PubMed ]  ]
16. Bhatia M. Ruolo dell’idrogeno solforato nella patologia dell’infiammazione. 2012; 2012 Article ID 159680. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
17. Björnstedt M, Aristi P, Fernandes AP. Selenio nella prevenzione dei tumori umani. EPMA Journal. 2010; 1 : 389–395. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
18. Blanchard C, Rothenberg ME. Patogenesi di base dell’esofagite eosinofila. Gastrointest Endosc Clin N Am. 2008; 18 (1): 133-143. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
19. Bode R, Melo C, Birnbaum D. Modalità d’azione del glifosato nella Candida maltosa. Arch Microbiol. 1984; 140 (1): 83–5. [ PubMed ]  ]
20. Boles RG, Ment LR, Meyn MS, Horwich AL, Kratz LE, Rinaldo P. Risposta a breve termine alla terapia dietetica nella carenza di cofattore al molibdeno. Ann Neurol. 1993; 34 (5): 742–4. [ PubMed ]  ]
21. Boss GR. L’inattivazione della cobalamina riduce la sintesi di purina e metionina nei linfoblasti in coltura. J Clin Invest. 1985; 76 : 213–218. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
22. Bostwick HE, Berezin SH, Halata MS, Jacobson R, Medow MS. Celiachia che si presenta con microcefalia. J Pediatr. 2001; 138 (4): 589–92. [ PubMed ]  ]
23. Bottaro G, Cataldo F, Rotolo N, Spina M, Corazza GR. Il modello clinico della celiachia subclinica / silente: un’analisi su 1026 casi consecutivi. Am J Gastroenterol. 1999; 94 : 691–6. [ PubMed ]  ]
24. Brown AM, Bradshaw MJ, Richardson R, Wheeler JG, Harvey RF. Patogenesi della ridotta contrazione della cistifellea della celiachia. Intestino. 1987; 28 (11): 1426-1432. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
25. Cabrera-Chávez F, Islas-Rubio AR, Rouzaud-Sández O, Sotelo-Cruz N, Calderón de la Barcaa AM. Modifica del glutine mediante legame con metionina per preparare pane integrale con ridotta reattività alle IgA sieriche nei pazienti con malattia celiaca. J Cereal Sci. 2010; 52 (2): 310–313.  ]
26. Cakal B, Beyazit Y, Koklu S, Akbal E, Biyikoglu I, Yilmaz G. Livelli elevati di adenosina deaminasi nella celiachia. J Clin Lab Anal. 2010; 24 (5): 323–326. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
27. Cakmak I, Yazici A, Tutus Y, Ozturk L. Glyphosate ha ridotto le concentrazioni di semi e foglie di calcio, manganese, magnesio e ferro in semi di soia resistenti al glifosfato. Eur J Agron. 2009; 31 (3): 114-119.  ]
28. Cañal MJ, Tamés RS, Fernández B. I livelli aumentati di glifosato di acido indolo-3-acetico nelle foglie gialle di noci sono correlati con i livelli di acido gentisico. Physiol Plantar. 1987; 71 (3): 384–388.  ]
29. Carman JA, Vlieger HR, Ver Steeg LJ, Sneller VE, Robinson GW, Clinch-Jones CA, Haynes JI, Edwards JW. Uno studio tossicologico a lungo termine su suini alimentati con una dieta combinata di soia geneticamente modificata (GM) e mais GM. J Organic Syst. 2013; 8 (1): 38–54.  ]
30. Carrasco A. Teratogenesi da erbicidi a base di glifosato e altri pesticidi: relazione con la via dell’acido retinoico. In: Breckling B, Verhoeven R, editori. Effetti ecologici di coltivazione GM-Crop su scala orizzontale. Francoforte, Peter Lang: 2013. Theorie in der kologie 17.  ]
31. Cavallaro R, Iovino P, Castiglione F, Palumbo A, Marino M, Di Bella S, Sabbatini F, Labanca F, Tortora R, Mazzacca G, Ciacci C. Prevalenza e associazioni cliniche di prolungato tempo di protrombina nella celiachia non trattata negli adulti. Eur J Gastroenterol Hepatol. 2004; 16 (2): 219–223. [ PubMed ]  ]
32. Cerdas M. Malattia renale cronica in Costa Rica. Rene Int Suppl. 2005; 97 : 31–33. [ PubMed ]  ]
33. Challacombe DN, Dawkins PD, Baker P. Aumento delle concentrazioni tissutali di 5-idrossi-triptamina nella mucosa duodenale dei pazienti con malattia celiaca. Intestino. 1977; 18 : 882–886. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
34. Chang CY, Peng YC, Hung DZ, Hu WH, Yang DY, Lin TJ. Impatto clinico delle lesioni del tratto gastrointestinale superiore nell’intossicazione orale da glifosato-tensioattivo. Hum Exp Toxicol. 1999; 18 : 475–78. [ PubMed ]  ]
35. Chanoine JP, Neve J, Wu S, Vanderpas J, Bourdoux P. Il selenio riduce le concentrazioni di tireoglobilina ma non influisce sull’aumento del rapporto tiroxina-triiodotironina nei bambini con ipotiroidismo congenito. J Clin Endocrinol Metab. 2001; 86 : 1160-1163. [ PubMed ]  ]
36. Mento A, Svejda B, Gustafsson BI, Granlund AB, Sandvik AK, Timberlake A, Sumpio B, Pfragner R, Modlin IM, Kidd M. Il ruolo delle forze meccaniche e dell’adenosina nella regolazione della secrezione serotoninergica delle cellule enterocromaffiniche. Am J Physiol Physiol epatico più gastrointestinale. 2012; 302 : G397 – G405. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
37. Clotman F, van Maele-Fabry G, Chu-Wu L, Picard JJ. Anomalie strutturali e di espressione genica indotte dall’acido retinoico nel cervello anteriore. Riproduci Toxicol. 1998; 12 : 169–176. [ PubMed ]  ]
38. Coleman NS, Foley S, Dunlop SP, Wheatcroft J, Blackshaw E, Perkins AC, Singh G, Marsden CA, Holmes GK, Spiller RC. Anomalie del metabolismo della serotonina e loro relazione con i sintomi della celiachia non trattata. Clin Gastroenterol Hepatol. 2006; 4 : 874–881. [ PubMed ]  ]
39. Collado MC, Calabuig M, Sanz Y. Differenze tra il microbiota fecale dei neonati celiaci e controlli sani. Curr Issues Intest Microbiol. 2007; 8 (1): 9–14. [ PubMed ]  ]
40. Collin P, Kaukinen K, Valimaki M, Salmi J. Disturbi endocrinologici e celiachia. Endocrine Rev. 2002; 23 (4): 464–483. [ PubMed ]  ]
41. Collin P, Vilska S, Heinonen PK, Hällström O, Pikkarainen P. Infertilità e celiachia. Intestino. 1996; 39 (3): 382–384. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
42. Collins D, Wilcox R, Nathan M, Zubarik R. Celiachia e ipotiroidismo. Am J Med. 2012; 125 (3): 278–82. [ PubMed ]  ]
43. Colombato LO, Parodi H, Cantor D. Studi sulla funzione biliare in pazienti con colata celiaca. Am J Dig Dis. 1977; 22 (2): 96–8. [ PubMed ]  ]
44. Coombes JL, Siddiqui KR, CV di Arancibia-Cárcamo, Hall J, Sun CM, Belkaid Y, Powrie F. Una popolazione funzionalmente specializzata di CD103 + DC della mucosa induce le cellule T regolatorie Foxp3 + attraverso un TGF-beta e un meccanismo dipendente dall’acido retinoico. J Exp Med. 2007; 204 (8): 1757-1764. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
45. Corrao G, Corazza GR, Bagnardi V, Brusco G, Ciacci C, Cottone M, Sategna Guidetti C, Usai P, Cesari P, Pelli MA, Loperfido S, Volta U, Calabr A, Certo M, Club del Tenue Study Group Mortalità nei pazienti con malattia celiaca e loro parenti: uno studio di coorte. Lancetta. 2001; 358 : 356–361. [ PubMed ]  ]
46. Cottone M, Termini A, Oliva L, Magliocco A, Marrone C, Orlando A, Pinzone F, Di Mitri R, Rosselli M, Rizzo A, Pagliaro L. Mortalità e cause di morte per malattia celiaca in un’area mediterranea. Dig Dis Sci. 1999; 44 : 2538–41. [ PubMed ]  ]
47. Coussens LM, Werb Z. Infiammazione e cancro. Natura. 2002; 420 : 860–67. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
48. Culpepper AS, York AC, Batts RB, Jennings KM. Gestione delle infestanti nella tecnologia delle infestanti di soia resistente al glufosinato e al glifosato (Glycine max) 2000; 14 (1): 77–88.  ]
49. Cupp MJ, Tracy TS. Cytochrome P450: nuova nomenclatura e implicazioni cliniche. Am Fam Physician. 1998; 57 (1): 107–16. [ PubMed ]  ]
50. Cusiel AL. La sintesi e reattività di nuovi romanzi Co (L) (PMG) .n + complessi; Università di Canterbury; 2005. Apr, Tesi di laurea specialistica.  ]
51. Dahele A, deficienza di Ghosh S. Vitamina B12 nella celiachia non trattata. Am J Gastroenterol. 2001; 96 (3): 745–50. [ PubMed ]  ]
52. D’Ari L, Barker HA. Formazione di p-Cresol mediante estratti cellulari di Clostridium difficile. Arch Microbiol. 1985; 143 : 311–312. [ PubMed ]  ]
53. Darwent AL, Kirkland KJ, Townley-Smith L, Harker KN, Cessna AJ, Lukow OM, Lefkovitch LP. Effetto delle applicazioni pre-investite di glifosato sull’essiccazione, resa e qualità del grano. Can J Plant Sci. 1994; 74 (2): 221–230.  ]
54. de Liz Oliveira Cavalli VL, Cattani D, Heinz Rieg CE, Pierozan P, Zanatta L, Benedetti Parisotto E, Wilhelm Filho D, Mena Barreto Silva FR, Pessoa-Pureur R, Zamoner A. Roundup interrompe le funzioni riproduttive maschili attivando il calcio morte cellulare mediata nei testicoli di ratto e nelle cellule di Sertoli. Radic Biol Med. 2013; 29 (65C): 335–346. [ PubMed ]  ]
55. de María N, Becerril JM, Garca-Plazaola JI, Hernandez AH, de Felipe MR, Fernández-Pascual M. Nuove intuizioni sulla modalità d’azione del glifosato nel metabolismo nodulare: ruolo dell’accumulo di shikimate. J Agric Food Chem. 1996; 54 : 2621–2628. [ PubMed ]  ]
56. DePaolo RW, Abadie V, Tang F, Fehlner-Peach H, Hall JA, Wang W, Marietta EV, Kasarda DD, Waldmann TA, Murray JA, Semrad C, Kupfer S, Belkaid Guandalini YS, Jabri1 B. Co-coadiuvante gli effetti dell’acido retinoico e dell’IL-15 inducono l’immunità infiammatoria agli antigeni alimentari. Natura. 2011; 471 (7337): 220–224. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
57. Deprez P, Sempoux C, Van Beers BE, Jouret A, Robert A, Rahier J, Geubel A, Pauwels S, Mainguet P. Persistente riduzione dei livelli plasmatici di colecistochinina nei pazienti celiaci sottoposti a dieta priva di glutine: rispettivi ruoli dei cambiamenti istologici e idrolisi dei nutrienti. Regul Pept. 2002; 110 (1): 55–63. [ PubMed ]  ]
58. De Roos AJ, Zahm SH, Cantor KP, Weisemburger DD, Holmes FF, Burmeister LF, Blair A. Valutazione integrativa di molteplici pesticidi come fattori di rischio per il linfoma non Hodgkins tra gli uomini. Occup Environ Med. 2003; 60 (9): 11. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
59. Di Cagno R, De Angelis M, De Pasquale I, Ndagijimana M, Vernocchi P, Ricciuti P, Gagliardi F, Laghi L, Crecchio C, Guerzoni ME, Gobbetti M, Francavilla R. Duodenal e microbiota fecale dei bambini celiaci: Molecolare , fenotipo e caratterizzazione del metaboloma. BMC Microbiol. 2011; 11 : 219. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
60. Dickey W, McMillan SA, Callender ME. Alta prevalenza della colata celiaca tra i pazienti con cirrosi biliare primaria. J Clin Gastroenterol. 1997; 25 (1): 328-9. [ PubMed ]  ]
61. Dickey W, Ward M, Whittle CR, Kelly MT, Pentieva K, Horigan G, Patton S, McNulty H. Homocysteine ​​e il relativo stato di vitamina B nella celiachia: effetti dell’esclusione del glutine e del recupero istologico. Scand J Gastroenterol. 2008; 43 : 682–688. [ PubMed ]  ]
62. Dickey W, Stewart F, Nelson J, McBreen G, McMillan SA, Porter KG. Screening per celiachia come possibile fattore di rischio materno per difetto del tubo neurale. Clin Genet. 1996; 49 (2): 107–8. [ PubMed ]  ]
63. Dørum S, Arntzen MØ, Qiao SW, Holm A, Koehler CJ, Thiede B, Sollid LM, Fleckenstein B. I substrati preferiti per la transglutaminasi 2 in un digestato di glutine di grano complesso sono frammenti di peptidi che ospitano epitopi delle cellule T della malattia celiaca. PIÙ UNO. 2010; 5 (11): e14056. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
64. Dou L, Bertrand E, Cerini C, Faure V, Sampol J, Vanholder R, Berland Y, Brunet P. L’uremico soluta p-cresolo e indoxil solfato inibiscono la proliferazione endoteliale e la riparazione delle ferite. Int. Renale 2004; 65 : 442–451. [ PubMed ]  ]
65. Drexler J. Effetto dei composti indolici sull’utilizzo della vitamina B12. Sangue. 1958; 13 (3): 239–44. [ PubMed ]  ]
66. Duke SO, glifosato di Powles SB: un erbicida una volta nel secolo. Pest Manag Sci. 2008; 64 : 319–325. [ PubMed ]  ]
67. Egan LJ, Walsh SV, Stevens FM, Connolly CE, Egan EL, McCarthy CF. Linfoma associato a celiachia: un’esperienza di singola istituzione di 30 casi nell’era della chemioterapia di combinazione. J Clin Gastroenterol. 1995; 21 (2): 123-9. [ PubMed ]  ]
68. Ejderhamn J, Samuelson K, Strandvik B. Sieri acidi biliari primari nel corso della malattia celiaca nei bambini. J Pediatr Gastroenterol Nutr. 1992; 14 (4): 443-9. [ PubMed ]  ]
69. Eker S, Ozturk L, Yazici A, Erenoglu B, Romheld V, Cakmak I. Il glifosato applicato fogliare riduce sostanzialmente l’assorbimento e il trasporto di ferro e manganese nelle piante di girasole (Helianthus annuus L.). J Agric Food Chem. 2006; 54 (26): 10019–25. [ PubMed ]  ]
70. El-Shenawy N. Risposte allo stress ossidativo dei ratti esposti a Roundup e al suo principio attivo glifosato. Environ Toxicol Pharmacol. 2009; 28 (3): 379–385. [ PubMed ]  ]
71. Ellis JK, Russell RM, Makrauer FL, Schaefer EJ. Aumento del rischio di tossicità da vitamina A nell’ipertrigliceridemia grave. Ann Intern Med. 1986; 105 : 877–9. [ PubMed ]  ]
72. Erspamer V. Introduzione storica: il contributo italiano alla scoperta della 5-idrossitriptamina (enteramina, serotonina) J Hypertens Suppl. 1986; 4 (1): S3 – S5. [ PubMed ]  ]
73. Esposito C, Paparo F, Caputo I, Rossi M, Maglio M, Sblattero D, Not T, Porta R, Auricchio S, Marzari R, Troncone R. Gli anticorpi transglutaminasi anti-tessuto di pazienti celiaci inibiscono l’attività della transglutaminasi sia in vitro che sul posto. Intestino. 2002; 51 (2): 177–181. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
74. Famularo G, De Simone C, Pandey V, Sahu AR, Minisola G. Probiotici lattobacilli: uno strumento innovativo per correggere la sindrome da malassorbimento dei vegetariani? Ipotesi Med. 2005; 65 (6): 11325. [ PubMed ]  ]
75. Farthing MJG, Edwards CRW, Rees LH, Dawson AM. Funzione gonadica maschile nella celiachia: 1. Disfunzione sessuale, infertilità e qualità del seme. Intestino. 1982; 23 : 608–614. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
76. Fasano A. Zonulin e la sua regolazione della funzione di barriera intestinale: la porta biologica all’infiammazione, all’autoimmunità e al cancro. Physiol Rev. 2011; 91 : 151–175. [ PubMed ]  ]
77. Fasano A, Berti I, Gerarduzzi T, Not T, Colletti RB, et al. Prevalenza della celiachia in gruppi a rischio e non a rischio negli Stati Uniti un ampio studio multicentrico. Arch Intern Med. 2003; 163 : 286–292. [ PubMed ]  ]
78. Fasano A, non T, Wang W, Uzzau S, Berti I, Tommasini A, Goldblum SE. La zonulina, un modulatore recentemente scoperto della permeabilità intestinale, la sua espressione nella celiachia. Lancetta. 2000; 358 : 1518-1519. [ PubMed ]  ]
79. Förstermann U, Münzel T. Ossido nitrico endoteliale sintasi nella malattia vascolare: dalla meraviglia alla minaccia. Circolazione. 2006; 113 : 1708–14. [ PubMed ]  ]
80. Fountoulakis S, Tsatsoulis A. Sul patogeno della malattia autoimmune della tiroide: un’ipotesi unificante. Clin Endocrinol. 2004; 60 : 397–409. [ PubMed ]  ]
81. Franz JE, Mao MK, Sikorski JA. Glifosato: un erbicida globale unico. American Chemical Society, editore; 1997.  ]
82. Freeman HJ. Cambiamenti riproduttivi associati alla celiachia. World J Gastroenterol. 2010; 16 (46): 5810–5814. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
83. Fukumoto S, Tatewaki M, Yamada T, Fujimiya M, Mantyh C, Voss M, Eubanks S, Harris M, Pappas TN, Takahashi T. Gli acidi grassi a catena corta stimolano il transito del colon attraverso il rilascio intraluminale di 5-HT nei ratti. Am J Physiol Regul Integr Comp Physiol. 2003; 284 : R1269 – R1276. [ PubMed ]  ]
84. Furukawa S, Usuda K, Abe M, Hayashi S, Ogawa I. L’acido indolo-3-acetico induce la microencefalia nei feti di topo. Exp Toxicol Pathol. 2007; 59 (1): 43–52. [ PubMed ]  ]
85. Furuta GT, Liacouras CA, Collins MH, Gupta SK, Justinich C, Putnam PE, Bonis P, Hassall E, Straumann A, Rothenberg ME, primo sottocomitato internazionale di ricerca sugli eosinofili gastrointestinali (FIGER) sottocomitati esofagite eosinofila nei bambini e negli adulti: A revisione sistematica e raccomandazioni di consenso per la diagnosi e il trattamento. Gastroenterologia. 2007; 133 : 1342–1363. [ PubMed ]  ]
86. Ganson RJ, Jensen RA. Il ruolo essenziale del cobalto nell’inibizione dell’isozima citosolico del 3-desossi-D-arabino-eptulosonato-7-fosfato sintasi da Nicotiana silvestris da parte del glifosato. Arch Biochem Biophys. 1988; 260 (1): 85–73. [ PubMed ]  ]
87. Gasnier C, Dumont C, Benachour N, Clair E, Chagnon MC, Seralini GE. Gli erbicidi a base di glifosato sono interferenti tossici ed endocrini nelle linee cellulari umane. Tossicologia. 2009; 262 : 184–191. [ PubMed ]  ]
88. Glass RL. Formazione di complessi metallici da glifosato. Rivista di chimica agraria e alimentare. 1984; 32 : 1249–1253.  ]
89. Gobbetti M, Giuseppe Rizzello C, Di Cagno R, De Angelis M. Lievito madre lattobacilli e celiachia. Food Microbiol. 2007; 24 (2): 187–96. [ PubMed ]  ]
90. Goldman AS, Van Fossan DD, Baird EE. Carenza di magnesio nella celiachia. Pediatria. 1962; 29 (6): 948–952. [ PubMed ]  ]
91. Gopee E, van den Oever EL, Cameron F, Thomas MC. Celiachia, dieta priva di glutine e sviluppo e progressione dell’albuminuria nei bambini con diabete di tipo 1. Diabete pediatrico 2013; 14 (6): 455–8. [ PubMed ]  ]
92. Goubern M, Andriamihaja M, Nubel T, Blachier F, Bouillaud F. Sulfide, il primo substrato inorganico per le cellule umane. FASEB J. 2007; 21 (8): 1699–1706. [ PubMed ]  ]
93. PHR verde, malattia celiaca di Cellier C. N Engl J Med. 2007; 357 : 1731–1743. [ PubMed ]  ]
94. PH verde, Fleischauer AT, Bhagat G, Goyal R, Jabri B, Neugut AI. Rischio di malignità nei pazienti con malattia celiaca. Am J Med. 2003; 115 (3): 191–5. [ PubMed ]  ]
95. Grider JR, Piland BE. Il riflesso peristaltico indotto dagli acidi grassi a catena corta è mediato dal rilascio sequenziale di 5-HT e CGRP neuronale ma non BDNF. Am J Physiol Physiol epatico più gastrointestinale. 2007; 292 : G429 – G437. [ PubMed ]  ]
96. Grigg AP. Trombosi venosa profonda come caratteristica di presentazione in un paziente con celiachia e omocisteinemia. Aust NZJ Med. 1999; 29 : 566–567. [ PubMed ]  ]
97. Gross S, van Wanrooij RL, Nijeboer P, Gelderman KA, Cillessen SAGM, Meijer GA, Mulder CJJ, Bouma G, von Blomberg BME, Bontkes HJ. Produzione differenziale di IL-13 da parte di piccoli leucociti intestinali nella celiachia attiva rispetto alla celiachia refrattaria. Mediatori dell’infiammazione. 2013; 2013 Articolo ID 939047. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
98. Grube A, Donaldson D, Kiely T, Wu L. Vendite e utilizzo del settore dei pesticidi: stime del mercato 2006 e 2007. DC, USA: US Environmental Protection AgencyWashington; 2011.  ]
99. Haderlie LC, Widholm JM, Slife FW. Effetto del glifosato sulle cellule di carota e tabacco. Plant Physiol. 1977; 60 : 40–43. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
100. Hadithi M, Mulder CJJ, Stam F, Azizi J, Crusius JBA, Peña AS, Stehouwer CDA, Smulders YM. Effetto della supplementazione di vitamina B sui livelli plasmatici di omocisteina nella celiachia. World J Gastroenterol. 2009; 15 (8): 955-960. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
101. Halfdanarson TR, Kumar N, Hogan WJ, Murray JA. Carenza di rame nella celiachia. J Clin Gastroenterol. 2009; 43 (2): 162–4. [ PubMed ]  ]
102. Halfdanarson TR, Litzow MR, Murray JA. Manifestazioni ematologiche della celiachia. Sangue. 2007; 109 : 412–21. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
103. Hallert C, Grant C, Grehn S, Granno C, Hultén S, Midhagen G, Ström M, Svensson H, Valdimarsson T. Evidenza di un cattivo stato vitaminico nei pazienti celiaci con una dieta priva di glutine per 10 anni. Farmacologia alimentare e terapia. 2002; 16 : 1333–1339. [ PubMed ]  ]
104. Hardell L, Eriksson M. Uno studio casecontrol sul linfoma non Hodgkin e l’esposizione ai pesticidi. Cancro. 1999; 85 (6): 1353-1360. [ PubMed ]  ]
105. Hernanz A, Polanco I. Precursori degli aminoacidi plasmatici delle monoammine del sistema nervoso centrale nei bambini con malattia celiaca. Intestino. 1991; 32 : 1478–1481. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
106. Herrmann W, carenza di Obeid R. Cobalamin. Sottoclasse Biochem. 2012; 56 : 301–22. [ PubMed ]  ]
107. Hershko C, Patz J. Stirando il meccanismo dell’anemia nella celiachia. Haematologica. 2008; 93 (12): 1761-1765. [ PubMed ]  ]
108. Hietanen E, Linnainmaa K, Vainio H. Effetti dei fenossierbicidi e del glifosato sulle attività di biotrasformazione epatica e intestinale nel ratto. Acta Pharmacol Toxicol (Copenh) 1983; 53 (2): 103–12. [ PubMed ]  ]
109. Hildebrandt TM, Grieshaber MK. Tre attività enzimatiche catalizzano l’ossidazione del solfuro in tiosolfato nei mitocondri dei mammiferi e degli invertebrati. FEBS J. 2008; 275 (13): 3352–3361. [ PubMed ]  ]
110. Hinks LJ, Inwards KD, Lloyd B, Clayton BE. Contenuto corporeo di selenio nella celiachia. Br Med J. 1984; 288 : 1862–1863. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
111. Hoagland RE, Duke SE. In: effetti biochimici del glifosato. Nelle risposte biochimiche indotte dagli erbicidi. Moreland D. E, St. John J. B, Hess F. D, editori. Washington, DC: American Chemical Society; 1982. pagg. 175-205. ACS Symposium Series 181.  ]
112. Högberg L, Webb C, Fälth-Magnusson K, Forslund T, Magnusson KE, Danielsson L, Ivarsson A, Sandström O, Sundqvist T. I bambini con celiachia rilevata da screening mostrano livelli aumentati di prodotti di ossido nitrico nelle urine. Acta Paediatr. 2011; 100 (7): 1023–7. [ PubMed ]  ]
113. Holick MF. L’epidemia di vitamina D e le sue conseguenze sulla salute. J Nutr. 2005; 135 (11): 2739S – 48. [ PubMed ]  ]
114. Homann PE. Studi sul manganese del cloroplasto. Fisiologia Vegetale. 1967; 42 : 997–1007. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
115. Hoppe HW. Determinazione dei residui di glifosato in campioni di urina umana provenienti da 18 paesi europei; 2013. Rapporto Glyphosate MLHB-2013-06-06. Laboratorio medico di Brema, Haferwende 12, 28357 Brema, Germania, marzo.  ]
116. Huggins DR, Reganold JP. No fino a: la rivoluzione silenziosa. Sci. 2008; 99 (1): 70–7. [ PubMed ]  ]
117. Iglesias P, Díez JJ. Disfunzione tiroidea e malattie renali. European J Endocrinol. 2009; 160 : 503–515. [ PubMed ]  ]
118. Ingenbleek Y, Kimura H. Essenzialità nutrizionale dello zolfo in salute e malattia. Nutr Rev. 2013; 71 (7): 413–32. [ PubMed ]  ]
119. Ito N, Iwamori Y, Hanaoka K, Iwamori M. Inibizione dell’elastasi pancreatica da parte dei lipidi solfati nella mucosa intestinale. J Biochem. 1998; 123 : 107–114. [ PubMed ]  ]
120. Iwasaki Y, Asai M, Yoshida M, Nigawara T, Kambayashi M, Nakashima N. Dehydroepiandrosterone-sulfate inibisce la trascrizione dipendente dal fattore nucleare κB negli epatociti, possibilmente attraverso l’effetto antiossidante. J Clin Endocrinol Metab. 2004; 89 (7): 3449–3454. [ PubMed ]  ]
121. Jabri B, Sollid LM. Controllo dell’immunopatologia mediata dai tessuti nella celiachia. Nat Rev Immunol. 2009; 9 (12): 858–870. [ PubMed ]  ]
122. Jansson EA, Huang L, Malkey R, Govoni M, Nihlén C, Olsson A, Stensdotter M, Petersson J, Holm L, Weitzberg E, Lundberg JO. Nitrato reduttasi funzionale dei mammiferi che regola l’omeostasi dei nitriti e dell’ossido nitrico. Nat Chem Biol. 2008; 4 (7): 411–7. [ PubMed ]  ]
123. Jasper R, Locatelli GO, Pilati C, Locatelli C. Valutazione dei parametri biochimici, ematologici e ossidativi nei topi esposti all’erbicida glifosato – Roundup. Interdiscip Toxicol. 2012; 5 (3): 133–140. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
124. Jaya B, Hu L, Bauman JW, Fu SC, Reddi AS. Effetto del regime di galattosio sulla sintesi glomerulare di eparan solfato e sull’escrezione di albumina nei ratti diabetici. Res Comm Chem Chemol Pharmacol. 1993; 80 (2): 143–52. [ PubMed ]  ]
125. Jetten AM, George MA, Pettit GR, Herald CL, Rearick JI. Azione degli esteri di forbol, delle bryostatine e dell’acido retinoico sulla sintesi del colesterolo solfato: relazione con il processo multistep di differenziazione nei cheratinociti epidermici umani. Journal of Investigative Dermatology. 1989; 93 : 108-115. [ PubMed ]  ]
126. Kaplan MM, Ohkubo A, Quaroni EG, Sze-Tu D. Maggiore sintesi di fosfatasi alcalina del fegato di ratto mediante legatura del dotto biliare. Hepatology. 1983; 3 (3): 368–76. [ PubMed ]  ]
127. Katz A, Dyck RF, Bear RA. Celiachia associata a glomerulonefrite immunitaria complessa. Clin Nephrol. 1979; 11 (1): 39–44. [ PubMed ]  ]
128. Kelly CP, Pothoulakis C, LaMont JT. Colite da Clostridium difficile. N Engl J Med. 1994; 330 : 257–262. [ PubMed ]  ]
129. Kemppainen T, Kröger H, Janatuinen E, Arnala I, Kosma VM, Pikkarainen P, Julkunen R, Jurvelin J, Alhava E, Uusitupa M. Osteoporosi in pazienti adulti con malattia celiaca. Bone. 1999; 24 (3): 249–255. [ PubMed ]  ]
130. Kiely T, Donaldson D, Grube A. Vendite e utilizzo dell’industria dei pesticidi – stime di mercato 2000 e 2001; Washington DC, Stati Uniti: US Environmental Protection Agency; 2004.  ]
131. Kim M, Cooke HJ, Javed NH, Carey HV, Christofi F, Raybould HE. Il D-glucosio rilascia 5-idrossitriptamina dalle cellule BON umane come modello di cellule entero-cromaffiniche. Gastroenterologia. 2001; 121 : 1400–1406. [ PubMed ]  ]
132. Kimmel GL, Kimmel CA, Williams AL, DeSesso JM. Valutazione degli studi di tossicità sullo sviluppo del glifosato con attenzione allo sviluppo cardiovascolare. Crit Rev Toxicol. 2013; 43 (2): 79–95. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
133. Kimura H. Idrogeno solforato: produzione e funzioni. Fisiologia Sperimentale. 2011; 96 : 833–835. [ PubMed ]  ]
134. Cucina LM, Witt WW, Rieck CE. Inibizione dell’accumulo di clorofilla da parte del glifosato. Weed Science. 1981; 29 : 513-516.  ]
135. Klein NJ, Shennan GI, Heyderman RS, Levin M. Alterazione del metabolismo glicosaminoglicano e carica superficiale sulle cellule endoteliali delle vene umano-umiliche indotte da citochine, endotossina e neutrofili. J Cell Sci. 1992; 102 : 821–32. [ PubMed ]  ]
136. Köhrle J. Selenium e la tiroide. Curr Opinioni Endocrinol Diabetes Obes. 2013; 20 (5): 441–8. [ PubMed ]  ]
137. Koning F. Celiachia: intrappolata tra una roccia e un luogo difficile. Gastroenterologia. 2005; 129 (4): 1294-1301. [ PubMed ]  ]
138. Koyama T, Melzter HY. Uno studio biochimico e neuroendocrino del sistema serotoninergico nella depressione. In: Hippius H, Klerman GL, Matussek N, editori. Nuovi risultati nella ricerca sulla depressione. New York: Springer-Verlag; 1986. pagg. 164–88.  ]
139. Krasinski SD, Cohn JS, Schaefer EJ, Russell RM. La risposta postprandiale dell’estere retinilico è maggiore nei soggetti più anziani rispetto ai soggetti più giovani. J Clin Invest. 1990; 85 : 883–92. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
140. Krüger M, Schrödl W, Neuhaus J, Shehata AA. Indagini sul campo del glifosato nelle urine di vacche da latte danesi. J Environ Anal Toxicol. 2013a; 3 (5): 100186.  ]
141. Krüger M, Shehata AA, Schrödl W, Rodloff A. Glyphosate sopprime l’effetto antagonistico di Enterococcus spp. su Clostridium botulinum. Anaerobe. 2013b; 20 : 74–78. [ PubMed ]  ]
142. Lai TS, Hausladen A, Slaughter TF, Eu JP, Stamler JS, Greenberg CS. Il calcio regola la S-nitrosilazione, la denitrosilazione e l’attività della transglutaminasi tissutale. Biochimica. 2001; 40 (16): 4904–10. [ PubMed ]  ]
143. Lamb DC, Kelly DE, Hanley SZ, Mehmood Z, Kelly SL. Il glifosato è un inibitore del citocromo P450 delle piante: espressione funzionale della proteina di fusione del Thlaspi arvensae citocromo P45071B1 / reduttasi in Escherichia coli. Biochem Biophys Res Commun. 1998; 244 : 110–114. [ PubMed ]  ]
144. Lang CC, Brown RM, Kinirons MT, Deathridge MA, Guengerich FP, Kelleher D, O’Briain DS, Ghishan FK, Wood AJ. Diminuzione del CYP3A intestinale nella celiachia: inversione dopo una dieta senza glutine di successo: una potenziale fonte di variabilità interindividuale nel metabolismo di primo passaggio del farmaco. Clin Pharmacol Ther. 1996; 59 (1): 41–6. [ PubMed ]  ]
145. Lapunzina P. Celiachia e microcefalia. J Pediatr. 2002; 140 (1): 141–142. [ PubMed ]  ]
146. Laurin P, Fälth-Magnusson K, Sundqvist T. Aumento dei prodotti urinari di ossido nitrico durante la sfida del glutine nei bambini con celiachia. Scand J Gastroenterology. 2003; 38 (1): 55–60. [ PubMed ]  ]
147. Lee JH, Lee J. Indole come segnale intercellulare nelle comunità microbiche. FEMS Microbiol Rev. 2010; 34 : 426–444. [ PubMed ]  ]
148. Legendre BL, Gravois KA, Bischoff KP, Griffin JL. Calendario delle applicazioni del glifosato, alternative all’uso del glifosato e risposta di nuove varietà al glifosato nel massimizzare la resa di zucchero per acro di canna da zucchero della Louisiana nel 2005. LSU AgCenter Sugarcane Ann Rep. 2005: 182–191.  ]
149. Lerner A, Shapira Y, Agmon-Levin N, Pacht A, Ben-Ami Shor D, López HM, Sanchez-Castanon M, Shoenfeld Y. Il significato clinico dello stato di 25OH-vitamina D nella celiachia. Clin Rev Allergy Immunol. 2012; 42 (3): 322–30. [ PubMed ]  ]
150. Leslie C, Mews C, Charles A, Ravikumara M. Celiachia ed esofagite eosinofila: una vera associazione. J Pediatr Gastroenterol Nutr. 2010; 50 (4): 397–9. [ PubMed ]  ]
151. Li H, Liu X, Cui H, Chen YR, Cardounel AJ, Zweier JL. Caratterizzazione del meccanismo della generazione di ossido nitrico mediata dal citocromo P450 reduttasi-citocromo P450 e nitrosotiolo da nitrati organici. JBC. 2006; 281 (18): 12546-12554. [ PubMed ]  ]
152. Li L, Rose P, Moore PK. Idrogeno solforato e segnalazione cellulare. Annu Rev Pharmacol Toxicol. 2011; 51 : 169–87. [ PubMed ]  ]
153. Liacouras CA, Furuta GT, Hirano I, Atkins D, Attwood SE, Bonis PA, Burks AW, Chehade M, Collins MH, Dellon ES, Dohil R, Falk GW, Gonsalves N, Gupta SK, Katzka DA, Lucendo AJ, Markowitz JE, Noel RJ, Odze RD, Putnam PE, Richter JE, Romero Y, Ruchelli E, Sampson HA, Schoepfer A, Shaheen NJ, Sicherer SH, Spechler S, Spergel JM, Straumann A, Wershil BK, Rothenberg ME, Aceves SS . Esofagite eosinofila: raccomandazioni di consenso aggiornate per bambini e adulti. J Allergy Clin Immunol. 2011; 128 : 3–20. [ PubMed ]  ]
154. I batteri Lindfors K, Blomqvist T, Juuti-Uusitalo K, Stenman S, Venalainen J, Maki M, Kaukinen K. I batteri probiotici Bifidobacterium lactis dal vivo inibiscono gli effetti tossici indotti dalla gliadina di grano nella coltura cellulare epiteliale. Clin Exp Immunol. 2008; 152 (3): 552–558. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
155. Lindros KO. Zonazione dell’espressione del citocromo P450, metabolismo dei farmaci e tossicità nel fegato. Gen Pharmacol. 1997; 28 (2): 191–196. [ PubMed ]  ]
156. Logan RF, Rifkind EA, Turner ID. Ferguson A. Mortalità nella celiachia. Gastroenterologia. 1989; 97 : 265–271. [ PubMed ]  ]
157. Lorand L, Graham RM. Transglutaminasi: enzimi reticolanti con funzioni pleiotropiche. Nat Rev Mol Cell Biol. 2003; 4 : 140–156. [ PubMed ]  ]
158. Lorbek G, Lewinska M, Rozman D. Cytochrome P450s nella sintesi di colesterolo e acidi biliari – dai modelli murini alle malattie umane. FEBS J. 2012; 279 (9): 1516–33. [ PubMed ]  ]
159. Lu W, Li L, Chen M, Zhou Z, Zhang W, Ping S, Yan Y, Wang J, Lin M. Risposta trascrizionale a livello genomico di Escherichia coli al glifosato, un potente promotore dell’enzima shikimate pathway 5-enolpiruvilshikimate-3-fosfato sintasi. Biosyst Mol. 2013; 9 : 522-530. [ PubMed ]  ]
160. Lucendo AJ, Sánchez-Cazalilla M. Esofagite eosinofila pediatrica rispetto all’età adulta: differenze importanti e somiglianze che il clinico deve comprendere. Expert Rev Clin Immunol. 2012; 8 (8): 733–45. [ PubMed ]  ]
161. Madsen HEL, Christensen HH, Gottlieb-Petersen C. Costanti di stabilità di complessi di rame (II), zinco, manganese (II), calcio e magnesio di N- (fosfonometil) glicina (glifosato) Acta Chem Scand. 1978; 32 : 79–83.  ]
162. Manocha M, Khan WI. Disturbi della serotonina e del tratto gastrointestinale: un aggiornamento sugli studi clinici e sperimentali. Clin Transl Gastroenterol. 2012; 3 : e13. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
163. Marteau P, Cadranel JF, Messing B, Gargot D, Valla D, Rambaud JC. Associazione di ostruzione delle vene epatiche e celiachia in soggetti nordafricani. J Hepatol. 1994; 20 : 650–653. [ PubMed ]  ]
164. Martinelli P, Troncone R, Paparo F, Torre P, Trapanese E, Fasano C, Lamberti A, Budillon G, Nardone G, Greco L. Celiachia e esito sfavorevole della gravidanza. Intestino. 2000; 46 (3): 332–335. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
165. Matheus-Vliezen EME, Van Halteran H, Tylgut GNJ. Linfoma maligno nella celiachia: varie manifestazioni con sintomatologia e prognosi distinte? J Intern Med. 1994; 236 (1): 43-9. [ PubMed ]  ]
166. Maton PN, Selden AC, Fitzpatrick ML, Chadwick VS. Svuotamento della cistifellea difettoso e rilascio di colecistochinina nella celiachia. Invertire la dieta priva di glutine. Gastroenterologia. 1985; 88 (2): 391–6. [ PubMed ]  ]
167. McDuffie HH, Pahwa P, McLaughlin JR, Spinelli JJ, Fincham S, Dosman JA, Robson D, Skinnider LF, Choi NW. Linfoma non Hodgkins ed esposizioni specifiche a pesticidi negli uomini: studio cross-canadese di pesticidi e salute. Cancer Epidemiol Biomarkers Prec. 2001; 10 (11): 1155-1163. [ PubMed ]  ]
168. Medina M, De Palma G, Ribes-Koninckx C, Calabuig M, Sanz Y. I ceppi di bifidobatterio sopprimono in vitro l’ambiente pro-infiammatorio innescato dal grande microbiota intestinale dei pazienti celiaci. J Inflamm (Lond) 2008; 5 : 19. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
169. Meloni GF, Dessole S, Vargiu N, Tomasi PA, Musumeci S. La prevalenza della celiachia nell’infertilità. Hum Reprod. 1999; 14 (11): 2759–2761. [ PubMed ]  ]
170. Mishra A, Rothenberg ME. IL-13 intratracheale induce esofagite eosinofila da un meccanismo dipendente da IL-5, eotaxina-1 e STAT6. Gastroenterologia. 2003; 125 : 1419–1427. [ PubMed ]  ]
171. Miteva L, Ivanov S, Alexieva V, Karanov E. Effetto dell’erbicida glifosato sui livelli di glutatione, glutatione-S-transferasi e glutatione reduttasi in due specie vegetali, Comptes Rendus de l. Academie Bulgare des Sciences. 2003; 56 : 79–84.  ]
172. Módis K, Coletta C, Erdélyi K, Papapetropoulos A, Szabo C. La produzione intramitocondriale di idrogeno solforato da 3-mercaptopyruvate sulfurtransferase mantiene il flusso di elettroni mitocondriali e supporta la bioenergetica cellulare. FASEB J. 2013; 27 (2): 601-11. [ PubMed ]  ]
173. Monsanto International Sàrl. I benefici agronomici del glifosato in Europa. Revisione dei benefici del glifosato per uso sul mercato. 2010. Monsanto Europe SA. www.monsanto.com/products/Documents/glyphosate-background-materials/Agronomic%20benefits%20of%20glyphosate%20in%20Europe.pdf [Ultimo accesso 4 settembre 2013].
174. Monsanto Technology LLC, Missouri. Formulazioni di glifosato e loro uso per l’inibizione della 5-enolpiruvilshikimate-3-fosfato sintasi. 2010. Numero di brevetto USA 7771736 B2.  . [Ultimo accesso 1 settembre 2013]
175. Motekaitis RJ, Martell AE. Formazione di chelati metallici da N-fosfono-metilglicina e leganti correlati. J Coord Chem. 1985; 14 : 139–149.  ]
176. Mora JR, Iwata M, von Andrian UH. Effetti della vitamina sul sistema immunitario: le vitamine A e D sono al centro della scena. Nat Rev Immunol. 2008; 8 (9): 685–98. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
177. Mucida D, Park Y, Kim G, Turovskaya O, Scott I, Kronenberg M, Cheroutre H. Reciprocal TH17 e differenziazione delle cellule T regolatoria mediata dall’acido retinoico. Scienza. 2007; 317 (5835): 256–260. [ PubMed ]  ]
178. Murch SH. Solfatazione di proteoglicani e funzione intestinale. J Gastroenterol Hepatol. 1995; 10 : 210–12. [ PubMed ]  ]
179. Murch SH, MacDonald TT, Walker-Smith JA, Levin M, Lionetti P, Klein NJ. Interruzione dei glicosaminoglicani solfati nell’infiammazione intestinale. Lancetta. 1993; 341 : 711–14. [ PubMed ]  ]
180. Murch SH, Winyard PJ, Koletzko S, Wehner B, Cheema HA, Risdon RA, Phillips AD, Meadows N, Klein NJ, Walker-Smith JA. Carenza congenita di eparan solfato di enterociti con grave perdita di albumina, diarrea secretoria e malnutrizione. Lancetta. 1996; 347 (9011): 1299–301. [ PubMed ]  ]
181. Nadal I, Donat E, Ribes-Koninckx C, Calabuig M, Sanz Y. Squilibrio nella composizione del microbiota duodenale di bambini con malattia celiaca. J Med Microbiol. 2007; 56 : 1669–74. [ PubMed ]  ]
182. Nafziger ED, Widholm JM, Steinrücken HC, Killmer JL. Selezione e caratterizzazione di una linea cellulare di carota tollerante al glifosato. Plant Physiol. 1984; 76 (3): 571–4. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
183. Nalewaja JD, Matysiak R. Influenza del solfato di diammonio e di altri sali sulla fitotossicità del glifosato. Scienza dei pesticidi. 1993; 38 : 77–84.  ]
184. Nanda S. Celiachia: acido retinoico e IL-15 implicati congiuntamente nell’inversione della tolleranza orale. Nat Rev Gastroenterol Hepatol. 2011; 8 : 181. [ PubMed ]  ]
185. Negri E. Esposizione al sole, vitamina D e rischio di linfoma di Hodgkin e non Hodgkin. Cancro nutrizionale. 2010; 62 (7): 878–82. [ PubMed ]  ]
186. Nelson MA, Porterfield BW, Jacobs ET, Clark LC. Prevenzione del selenio e del cancro alla prostata. Semin Urol Oncol. 1999; 17 (2): 91–6. [ PubMed ]  ]
187. Consiglio di coordinamento della rete. Rapporto annuale 2012. Rete di malattie renali allo stadio terminale. 2013. 13 maggio. Http://www.network13.org/PDFs/NW13 Rapporto annuale 2012 Final.pdf [Ultimo accesso 3 settembre 2013]
188. Nielsen OH, Jacobsen O, Pedersen ER, Rasmussen SN, Petri M, Laulund S, Jarnum S. Sprue non tropicale. Malattie maligne e tasso di mortalità. Scand J Gastroenterol. 1985; 20 : 13–18. [ PubMed ]  ]
189. Niwa T. Indoxyl sulfate è una tossina nefro-vascolare. J Ren Nutr. 2010; 20 (5 Suppl): S2–6. [ PubMed ]  ]
190. Nomura NS, Hilton HW. L’adsorbimento e la degradazione del glifosato in cinque suoli hawaiani della canna da zucchero. Weed Res. 1977; 17 : 113–121.  ]
191. O’Keeffe MG. Il controllo di Agropyron repens e di infestanti a foglia larga pre-raccolta di grano e orzo con il sale isopropilammina di glifosato; 1980. pagg. 53–60. Atti del British Crop Protection Conference-Weeds.  ]
192. O’Keeffe MG. Il controllo delle erbe perenni mediante applicazioni pre-raccolta di glifosato; Warwick, Regno Unito: Association of Applied Biologists; 1981. pagg. 137-144. Atti della Conferenza sulle erbe infestanti di cereali nel Regno Unito.  ]
193. Orgeron AJ. Crescita della canna da zucchero, contenuto di saccarosio e risposta alla maturazione del glifosato e trinexapacethyl dei maturatori; School of Plant, Environmental and Soil Sciences, Louisiana State University; 2012. Tesi di dottorato.  ]
194. Orson JH, Davies DKH. Glifosato pre-raccolta per il controllo delle infestanti e come aiuto per la raccolta di cereali; 2007. Rassegna di ricerca n. 65. HGCA.  ]
195. Paganelli A, Gnazzo V, Acosta H, López SL, Carrasco AE. Gli erbicidi a base di glifosato producono effetti teratogeni sui vertebrati alterando la segnalazione dell’acido retinoico. Chem Res Toxicol. 2010; 23 : 1586-1595. [ PubMed ]  ]
196. Papp LV, Lu J, Holmgren A, Khanna KK. Dal selenio alle selenoproteine: sintesi, identità e loro ruolo nella salute umana. Segnale redox antiox. 2007; 9 : 775–806. [ PubMed ]  ]
197. Patel RS, Johlin FC, Jr, Murray JA. Celiachia e pancreatite ricorrente. Gastrointest Endosc. 1999; 50 (6): 823–827. [ PubMed ]  ]
198. Pavkov KL, Turnier JC. Studio dietetico di tossicità cronica e oncogenicità a 2 anni con SCm-0224 nei topi; Farmington: Stauffer Chemical Company; 1986. T-11813.  ]
199. Peixoto F. Effetti comparativi del Roundup e del glifosato sulla fosforilazione ossidativa mitocondriale. Chemosphere. 2005; 61 (8): 1115-1122. [ PubMed ]  ]
200. Peraza S, Wesseling C, Aragon A, Leiva R, Garca-Trabanino RA, Torres C, Jakobsson K, Elinder C, Hogstedt C. Diminuzione della funzione renale tra i lavoratori agricoli in El Salvador. Am J Kidney Dis. 2012; 59 : 531-540. [ PubMed ]  ]
201. Pessione E. Contributo dei batteri dell’acido lattico alla complessità del microbiota intestinale: luci e ombre. Le cellule frontali infettano il microbiolo. 2012; 2 : 86. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
202. Peters U, Askling J, Gridley G, Ekbom A, Linet M. Cause di morte nei pazienti con malattia celiaca in una coorte svedese basata sulla popolazione. Arch Intern Med. 2003; 163 (13): 1566-1572. [ PubMed ]  ]
203. Ponchon G, Kennan AL, DeLuca HF. Attivazione della vitamina D da parte del fegato. J Clin Invest. 1969; 48 (11): 2032-2037. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
204. Prabhakar R, Morokuma K, Musaev DG. Attività perossidinitrite reduttasi della selenoproteina glutatione perossidasi: uno studio computazionale. Biochimica. 2006; 45 : 6967–6977. [ PubMed ]  ]
205. Prasad GA, Alexander JA, CD Schleck, Zinsmeister AR, Smyrk TC, Elias RM, 3 °, Locke GR, Talley NJ. Epidemiologia dell’esofagite eosinofila nell’arco di tre decenni nella contea di Olmsted, Minnesota. Clin Gastroenterol Hepatol. 2009; 7 : 1055-1061. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
206. Pricolo VE, Mangi AA, Aswad B, Bland KI. Neoplasie gastrointestinali in pazienti con colata celiaca. Am J Surg. 1998; 176 : 344–7. [ PubMed ]  ]
207. Putcha GV, Le S, Frank S, Besirli CG, Clark K, Chu B, Alix S, Youle RJ, LaMarche A, Maroney AC, Johnson EM., Jr JNK-mediata dalla fosforilazione BIM potenziata dall’apoptosi BAX-dipendente. Neurone. 2003; 38 (6): 899-914. [ PubMed ]  ]
208. Qiao SW, Bergseng E, Molberg Ø, Jung G, Fleckenstein B, Solli LM. Raffinazione Delle Regole Dell’epitopo Delle Cellule Gliad T Legandosi Alla Molecola DQ2 Associata Alla Malattia Nella Celiachia: Importanza Della Spaziatura Della Prolina E Deamidazione Della Glutammina. J Immunol. 2005; 175 (1): 254–261. [ PubMed ]  ]
209. Ramirez-Rubio O, Brooks DR, Amador JJ, Kaufman JS, Weiner DE, Scammell MK. Malattia renale cronica in Nicaragua: un’analisi qualitativa delle interviste semi-strutturate con medici e farmacisti. MC Public Health. 2013; 13 : 350. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
210. Refsum H, Yajnik CS, Gadkari M, Schneede J, Vollset SE, Orning L, Guttormsen AB, Joglekar A, Sayyad MG, Ulvik A, Ueland PM. Iperomocisteinemia e acido metilmalonico elevato indicano un’alta prevalenza di carenza di cobalamina negli indiani asiatici. Am J Clin Nutr. 2001; 74 : 233–41. [ PubMed ]  ]
211. Relyea RA. L’impatto letale di Roundup sugli anfibi acquatici e terrestri. Ecol Appl. 2005; 15 : 1118–1124.  ]
212. Richard EP, Jr, Dalley CD. Effetti della tempistica e della velocità del maturatore di glifosato sulla resa di canna e zucchero. J Am Soc Sug Cane Technol. 2009; 29 : 81–82.  ]
213. Rivabene R, Mancini E, Vincenzi M. L’effetto citotossico in vitro dei peptidi derivati ​​dalla gliadina di grano sulla linea cellulare intestinale Caco-2 è associato a uno squilibrio ossidativo intracellulare: implicazioni per la celiachia. Biochi Biophys Acta. 1999; 1453 : 152–160. [ PubMed ]  ]
214. Rodríguez-Iturbe B, Garca Garca G. Il ruolo dell’infiammazione tubulointerstiziale nella progressione dell’insufficienza renale cronica. Nephron Clin Pract. 2010; 116 : c81 – c88. [ PubMed ]  ]
215. Uova DA. Effetti della metionina e del solfato inorganico sulla tossicità dell’indolo e sull’escrezione di indican nei ratti. J Nutr. 1971; 101 (5): 645–53. [ PubMed ]  ]
216. Rossi M, Amaretti A, Raimondi S. Produzione di folati da batteri probiotici. Nutrienti. 2011; 3 (1): 118–34. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
217. Rubio-Tapia A, Kyle RA, Kaplan EL, Johnson DR, Page W, Erdtmann F, Brantner TL, Kim WR, Phelps TK, Lahr BD, Zinsmeister AR, Melton LJ, 3rd, Murray JA. Maggiore prevalenza e mortalità nella celiachia non diagnosticata. Gastroenterologia. 2009; 137 (1): 88–93. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
218. Rude RK, carenza di Olerich M. Magnesio: possibile ruolo nell’osteoporosi associata a enteropatia sensibile al glutine. Osteoporos Int. 1996; 6 (6): 453–61. [ PubMed ]  ]
219. Russell RM. Lo spettro della vitamina A: dalla carenza alla tossicità. Am J Clin Nutr. 2000; 71 : 878–84. [ PubMed ]  ]
220. Saad RJ, Chey WD. Articolo di revisione: terapie attuali ed emergenti per dispepsia funzionale. Aliment Pharmacol Ther. 2006; 24 (3): 475–492. [ PubMed ]  ]
221. Saes Zobiole LH, de Oliveira RS, Jr, Kremer RJ, Muniz AS, de Oliveira A., Jr L’accumulo di nutrienti e la fotosintesi nei semi di soia resistenti al glifosato sono ridotti con l’uso del glifosato. J Plant Nutr. 2010; 33 : 1860–1873.  ]
222. Saibeni S, Lecchi A, Meucci G, Cattaneo M, Tagliabue L, Rondonotti E, Formenti S, De Franchis R, Vecchi M. Prevalenza di iperomocisteinemia nell’enteropatia sensibile al glutine negli adulti alla diagnosi: ruolo di B12, acido folico e genetica . Clin Gastroenterol Hepatol. 2005; 3 : 574-580. [ PubMed ]  ]
223. Sakaki T, Kagawa N, Yamamoto K, Inouye K. Metabolismo della vitamina D3 da parte dei citocromi P450. Front Biosci. 2005; 10 : 119–34. [ PubMed ]  ]
224. Sammons RD, Gruys KJ, Anderson KS, Johnson KA, Sikorski JA. Rivalutazione del glifosato come inibitore dello stato di transizione della EPSP sintasi: identificazione di un complesso ternario EPSP sintasi.EPSP.glyphosate. Biochimica. 1995; 34 (19): 6433–40. [ PubMed ]  ]
225. Samsel A, soppressione di glifosato di Seneff S. Glyphosate degli enzimi del citocromo P450 e della biosintesi degli aminoacidi da parte del microbioma intestinale: vie verso le malattie moderne. Entropia. 2013; 15 : 1416–1463.  ]
226. Sanoff SL, Callejas L, Alonso CD, Hu Y, Colindres RE, Chin H, Morgan DR, Hogan SL. Associazione positiva di insufficienza renale con occupazione agricola e consumo di alcol non regolamentato in Nicaragua. Ren Fail. 2010; 32 : 766–777. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
227. Sanz Y, De Palma G, Laparra M. Svela i legami tra celiachia e microbiota intestinale. Recensioni internazionali di immunologia. 2011; 30 (4): 207–218. [ PubMed ]  ]
228. Selvapandiyan A, Majumder K, Fattah FA, Ahmad S, Arora N, Bhatnagar RK. La mutazione puntuale di arginina conservata (104) in lisina introduce ipersensibilità all’inibizione da parte del glifosato nella 5-enolpiruvilshikimato-3-fosfato sintasi di Bacillus subtilis. FEBS Lett. 1995; 374 (2): 253–6. [ PubMed ]  ]
229. Senapati T, Mukerjee AK, Ghosh AR. Osservazioni sull’effetto dell’erbicida a base di glifosato sull’ultra struttura (SEM) e sull’attività enzimatica in diverse regioni del canale alimentare e della branchia del Channa punctatus (Bloch) Journal of Crop and Weed. 2009; 5 (1): 236-245.  ]
230. Seneff S, Lauritzen A, Davidson R, Lentz-Marino L. L’ossido nitrico endoteliale sintasi è una proteina illuminante la luna il cui lavoro quotidiano è la sintesi del colesterolo solfato? Implicazioni per il trasporto di colesterolo, diabete e malattie cardiovascolari. Entropia. 2012; 14 : 2492–2530.  ]
231. Shapira Y, Agmon-Levina N, Shoenfeld Y. Definizione e analisi della geoepidemiologia e autoimmunità umana. Diario di autoimmunità. 2010; 34 : J168 – J177. [ PubMed ]  ]
232. Shehata AA, Schrödl W, Aldin AA, Hafez HM, Krüger M. L’effetto del glifosato su potenziali agenti patogeni e membri benefici del microbiota di pollame in vitro. Curr Microbiol. 2013; 66 : 350–358. [ PubMed ]  ]
233. Sher L. Selenium e salute umana. Lancetta. 2000; 356 : 233-241. [ PubMed ]  ]
234. Singhal N, Alam S, Sherwani R, Musarrat J. Sieri livelli di zinco nella celiachia. Pediatr indiano. 2008; 45 (4): 319–21. [ PubMed ]  ]
235. Smecuol E, Hwang HJ, Sugai E, Corso L, Cheravsky AC, Bellavite FP, González A, Vodánovich F, Moreno ML, Vázquez H, Lozano G, Niveloni S, Mazure R, Meddings J, Maurio E, Bai JC. Uno studio esplorativo, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo sugli effetti del Bifidobacterium infantis natren vita inizia a sollecitare super sforzo nella celiachia attiva. J Clin Gastroenterol. 2013; 47 (2): 139–47. [ PubMed ]  ]
236. Soderland P, Lovekar S, Weiner DE, Brooks DR, Kaufman JS. Malattia renale cronica associata a tossine ed esposizioni ambientali. Adv Chronic Dis. 2010; 17 (3): 254–64. [ PubMed ]  ]
237. Sonnenberg A, McCarty DJ, Jacobsen SJ. Variazione geografica della malattia infiammatoria intestinale negli Stati Uniti. Gastroenterologia. 1991; 100 : 143e9. [ PubMed ]  ]
238. Tendenze specifiche dello stato nell’insufficienza renale cronica —Stati Uniti. 1990-2001. http://www.cdc.gov/mmwr/preview/mmwrhtml/mm5339a3.htm . [Ultimo accesso 3 settembre 2013]
239. Stride CD, Edwards RV, Seddon JC. Distruzione delle sabbie mediante applicazione di glifosato prima del taglio o del pascolo; 1985. pagg. 771–778. Conferenza britannica sulla protezione delle colture – Weeds 7B – 6.  ]
240. Subiros JF. L’effetto dell’applicazione del glifosato come maturatore in tre varietà. Turrialba. 1990; 40 (4): 527-534.  ]
241. Sulik KK, Cook CS, Webster WS. Teratogeni e malformazioni craniofacciali: relazioni con la morte cellulare. Sviluppo. 1988; 103 (Suppl): 213–231. [ PubMed ]  ]
242. Sun CY, Hsu HH, Wu MS. p-Cresol solfato e indoxil solfato inducono simili espressioni geniche infiammatorie cellulari nelle cellule tubulari renali prossimali coltivate. Nephrol Dial Transplant. 2012; 28 (1): 70–8. [ PubMed ]  ]
243. Sunergren KP, Fairman RP, deBlois GG, Glauser FL. Effetti della protamina, eparinasi e ialuronidasi sulla permeabilità endoteliale e sulla carica superficiale. J Appl Physiol. 1987; 63 : 1987–92. [ PubMed ]  ]
244. Taimi M, Helvig C, Wisniewski J, Ramshaw H, White J, Amad M, Korczak B, Petkovich M. Un romanzo citocromo umano P450, CYP26C1, coinvolto nel metabolismo degli isomeri 9-cis e all-trans dell’acido retinoico. J Biol Chem. 2004; 279 : 77–85. [ PubMed ]  ]
245. Tamm AO. Attività biochimica della microflora intestinale nella celiachia adulta. Nahrung. 1984; 28 (6–7): 711–5. [ PubMed ]  ]
246. Thacher SM, Coe EL, Rice RH. Soppressione dei retinoidi dell’attività della transglutaminasi e competenza dell’involucro nelle cellule di carcinoma epidermico umano in coltura: l’idrocortisone è un potente antagonista dell’acetato di retinile ma non dell’acido retinoico. Differenziazione. 1985; 29 (1): 82–87. [ PubMed ]  ]
247. Thompson WW, Weier TE. La struttura fine dei cloroplasti da foglie con carenza di minerali di Phaseolus vulgaris. Am J Bot. 1962; 49 : 1047-1056.  ]
248. Tieri P, Termanini A, Bellavista E, Salvioli S, Capri M, Franceschi C. Mappa della mappa interattiva del percorso NF-κB. PLoS One. 2012; 7 (3): e32678. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
249. Tonelli M, Sacks F, Pfeffer M, Jhangri GS, Curhan G, Colesterolo ed eventi ricorrenti CARE Investigatori della sperimentazione Biomarcatori di infiammazione e progressione della malattia renale cronica. Int. Renale 2005; 68 : 237–245. [ PubMed ]  ]
250. Torres C, Aragon A, Gonzalez M, Lopez I, Jakobsson K, Elinder CG, Lundberg I, Wesseling C.Diminuzione della funzione renale di causa sconosciuta in Nicaragua: un’indagine basata sulla comunità. Am J Kidney Dis. 2010; 55 : 485–496. [ PubMed ]  ]
251. Trabanino RG, Aguilar R, Silva CR, Mercado MO, Merino RL. Malattia renale allo stadio terminale tra i pazienti in un ospedale di riferimento in El Salvador. Rev Panam Salud Publica. 2002; 12 : 202–206. [articolo in spagnolo] [ PubMed ]  ]
252. Triggiani V, Tafaro E, Giagulli VA, Sabbà C, Resta F, Licchelli B, Guastamacchia E. Ruolo di iodio, selenio e altri micronutrienti nella funzione e nei disturbi della tiroide. Obiettivi farmacologici di Endocr Metab Immune Disord. 2009; 9 (3): 277–94. [ PubMed ]  ]
253. Turnbull J, Powell A, Guimond S. Heparan sulfate: decodifica di un regolatore dinamico di cellule multifunzionali. Trends Cell Biol. 2001; 11 : 75–82. [ PubMed ]  ]
254. Tursi A, Brandimarte G, Giorgetti G. Alta prevalenza di crescita eccessiva batterica intestinale in pazienti celiaci con persistenza di sintomi gastrointestinali dopo sospensione del glutine. Am J Gastroenterol. 2003; 98 : 839–843. [ PubMed ]  ]
255. Uggla C, Moritz T, Sandberg G, Sundberg B. Auxin come segnale posizionale nella formazione di schemi nelle piante. Proc Natl Acad Sci US A. 1996; 93 (17): 9282–86. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
256. Studio di Undabeytia TS, Morillo E, Maqueda C. FTIR di complessi glifosato-rame. J Agric Food Chem. 2002; 50 : 1918–1921. [ PubMed ]  ]
257. Valentino R, Savastano S, Maglio M, Paparo F, Ferrara F, Dorato M, Lombardi G, Troncone R. Marcatori di potenziale malattia celiaca in pazienti con tiroidite di Hashimoto. Eur J Endocrinol. 2002; 146 : 479–483. [ PubMed ]  ]
258. Vencill WK, editore. Manuale di erbicida. 8a ed. Lawrence, KS. Stati Uniti: Weed Science Society of America; 2002.  ]
259. Vernier RL, Klein DJ, Sisson SP, Mahan JD, Oegema TR, Brown DM. Siti anionici ricchi di eparano solfato nella membrana basale glomerulare umana: riduzione della concentrazione nella sindrome nefrosica congestizia. N Engl J Med. 1983; 309 : 1001–9. [ PubMed ]  ]
260. Vigfusson NV, Vyse ER. L’effetto dei pesticidi, Dexon, Captan e Roundup, sugli scambi sorella-cromatidi nei linfociti umani in vitro. Mutat Res. 1980; 79 : 53–7. [ PubMed ]  ]
261. La resistenza di Waltz E. Glyphosate minaccia l’egemonia di Roundup. Nat Biotechnol. 2010; 28 : 537–538. [ PubMed ]  ]
262. Welander A, Prütz KG, Fored M, Ludvigsson JF. Aumento del rischio di malattia renale allo stadio terminale in soggetti con celiachia. Intestino. 2012; 61 (1): 64–8. [ PubMed ]  ]
263. Wheeler EE, Challacombe DN. Quantificazione delle cellule entero-cromaffiniche con immunoreattività della serotonina nella mucosa duodenale nella celiachia. Arch Dis Child. 1984; 59 : 523-527. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
264. Whorwell PJ, Altringer L, Morel J, Bond Y, Charbonneau D, O’Mahony L, Kiely B, Shanahan F, Quigley EM. Efficacia di un Bifidobacterium infantis probiotico incapsulato 35624 in donne con sindrome dell’intestino irritabile. Am J Gastroenterol. 2006; 101 (7): 1581–90. [ PubMed ]  ]
265. Enzimi di Wikvall K. Cytochrome P450 nella bioattivazione della vitamina D nella sua forma ormonale (recensione) Int J Mol Med. 2001; 7 (2): 201–9. [ PubMed ]  ]
266. Williams GM, Kroes R, Munro IC. Valutazione della sicurezza e valutazione del rischio dell’erbicida Roundup e del suo principio attivo, glifosato, per l’uomo. Regul Toxicol Pharmacol. 2000; 31 (2 Pt1): 117–165. [ PubMed ]  ]
267. Zaflarska-Poplawska A, Siomek A, Czerwionka-Szaflarska M, Gackowski D, Rozalski R, Guz J, Szpila A, Zarakowska E, Olinski R. Danneggiamento ossidativo / stress ossidativo nei bambini con malattia celiaca. Cancer Epidemiol Biomarkers Prec. 2010; 19 (8): 1960-1965. [ PubMed ]  ]
268. Zenjari T, Boruchowicz A, Desreumaux P, Laberenne E, Cortot A, Colombel JF. Associazione di celiachia e trombosi venosa portale. Gastroenterol Clin Biol. 1995; 19 : 953–954. [ PubMed ]  ]
269. Zhao FJ, Lopez-Bellido FJ, Grey CW, Whalley WR, Clark LJ, McGrath SP. Scienza dell’ambiente totale. 2007; 372 (2–3): 433–439. [ PubMed ]  ]
270. Ziolkowski AF, Popp SK, Freeman C, Parish CR, Simeonovic CJ. Eparano solfato ed eparanasi svolgono ruoli chiave nella sopravvivenza delle cellule del topo e nel diabete autoimmune. J Clin Invest. 2012; 122 (1): 132–141. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ]  ]
271. Zouaoui K, Dulaurent S, Gaulier JM, Moesch C, Lachâtre G. Determinazione del glifosato e AMPA nel sangue e nelle urine degli esseri umani: circa 13 casi di intossicazione acuta. Scienze forensi Int. 2013; 226 (1–3): e20–5. [ PubMed ]  ]
Fonti: