Press "Enter" to skip to content

Terremoti anomali causati dalla nascita di un vulcano, lo confermano gli scienziati

Una serie di bassi “ronzi sismici” rilevati in tutto il mondo sono stati fatti risalire alla nascita di un vulcano sottomarino  portando una conclusione straordinaria a un mistero che ha sconcertato la comunità scientifica per mesi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli scienziati stanno svelando i drammatici eventi che hanno creato un enorme vulcano sottomarino al largo di Mayotte nell’Oceano Indiano nel 2018 – un evento non confermato fino all’anno successivo. Un team internazionale guidato da Simone Cesca del tedesco GeoForschungsZentrum (GFZ) sta ricostruendo lo svuotamento parziale di quello che dice essere uno dei serbatoi di magma attivo più profondi e più grandi mai scoperti nel mantello superiore. E,  come riportano i ricercatori riferiscono sulla rivista Nature Geoscience , i sospetti erano fondati. Le due isole di Mayotte fanno parte dell’arcipelago delle Comore, che si trova tra Africa e Madagascar. L’insolita attività sismica nell’area è iniziata con uno sciame di migliaia di terremoti “apparentemente tettonici”, affermano i ricercatori, culminando in un terremoto di magnitudo 5,9 a maggio 2018. Poi l’improvvisa anomalia:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’11 novembre 2018, una serie di oltre 400 impulsi bizzarri della durata massima di 40 minuti è emersa appena al largo della costa di Mayotte, un piccola fossa nel mezzo dell’ Oceano Indiano nascosta tra il Madagascar ed il Mozambico. Sebbene non si pensi che nessuno abbia sentito i tremori, gli esperti hanno attivato i sensori in diverse nazioni dell’Africa orientale, prima di riverberare in luoghi diversi e lontani come il Cile, le Hawaii, il Canada e circa 11.000 miglia di distanza in Nuova Zelanda. La struttura impeccabilmente ordinata delle forme d’onda a bassa frequenza, che si muovono lentamente, è tipicamente associata a grandi terremoti – che sono più caotici – ha anche incuriosito gli scienziati. “Sono troppo carini. Sono troppo perfetti per essere naturali”, ha scherzato Helen Robinson, ricercatrice di vulcanologia all’Università di Glasgow. Da giugno, tuttavia, è emersa una nuova forma di segnale di terremoto e i segnali da 20 a 30 minuti – noti come segnali del periodo molto lungo (VLP) – sono così forti che possono essere registrati fino a mille chilometri di distanza.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il centro dell’attività sismica si trovava a circa 35 chilometri a est di Mayotte ma, dicono i ricercatori, il continuo abbassamento e il movimento verso est della superficie terrestre sulle isole erano iniziati contemporaneamente all’avvio degli enormi sciami di eventi VLP. Sebbene non vi siano prove di precedenti attività vulcaniche nell’epicentro, gli scienziati della GFZ affermano di sospettare processi magmatici, poiché sciami di scosse nella crosta terrestre superiore spesso sorgono come reazione all’aumento del magma e le VLP negli anni precedenti erano associate al crollo di grandi vulcani di caldera. Cesca e colleghi hanno analizzato i dati sismologici e geodetici della regione, utilizzando nuovi metodi analitici sviluppati per compensare il fatto che non vi era alcuna rete sismica sul fondo dell’oceano.

Hanno identificato diverse fasi di attività all’interno della sequenza di eventi da maggio 2018 a oggi. La fase iniziale dello sciame indicava un rapido movimento verso l’alto del magma da un serbatoio di mantello profondo più di 30 chilometri sotto la superficie terrestre. Una volta che un canale aperto si era formato dal mantello terrestre al fondo del mare, il magma ha iniziato a fluire senza ostacoli e formare un nuovo vulcano sottomarino:

- Prosegue dopo la pubblicità -

In questa fase, l’apparente attività sismica tettonica diminuì nuovamente, mentre iniziò l’abbassamento del terreno su Mayotte. Allo stesso modo, sono iniziati segnali VLP di lunga durata. Lo interpretiamo come un segno del crollo della profonda camera magmatica al largo della costa di Mayotte“, afferma Eleonora Rivalta, coautrice del nuovo documento. È, aggiunge, il serbatoio di magma più profondo (a circa 30 chilometri) e più grande (oltre 3,4 chilometri cubici) nel mantello superiore trovato fino ad oggi – e sta iniziando a svuotare bruscamente. La profondità ha anche aggiunto al mistero dell’evento. “Poiché il fondale marino si trova tre chilometri sotto la superficie dell’acqua, quasi nessuno ha notato l’enorme eruzione”, afferma Torsten Dahm di GFZ. “Tuttavia, ci sono ancora possibili pericoli per l’isola di Mayotte oggi, poiché la crosta terrestre sopra il serbatoio profondo potrebbe continuare a crollare, innescando forti terremoti.” (Fonti: Fonte1Fonte2).

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.