Press "Enter" to skip to content

Il codibugnolo, un uccellino che sembra un batuffolo di ovatta con le ali

Il codibùgnolo (Aegithalos caudatus (Linnaeus1758)) è un uccello passeriforme della famiglia Aegithalidae[2]. La cincia dalla coda lunga fu formalmente descritta dal naturalista svedese Carl Linnaeus nel 1758 nella decima edizione del suo Systema Naturae con il nome binomiale Parus caudatus . [2] L’ epiteto specifico caudatus è la parola latina per “coda”. [3] Linneo non ha inventato questo nome latino. ” Parus caudatus ” era stato utilizzato da autori precedenti come il naturalista svizzero Conrad Gessner nel 1555, [4] il naturalista italiano Ulisse Aldrovandi nel 1599, [5]e l’ornitologo inglese Francis Willughby nel 1676. Willughby elencò il nome inglese come “paro dalla coda lunga”. [6] La cincia dalla coda lunga è stata inizialmente classificata come una vera cinciarella del gruppo Parus . Da allora Parus è stato diviso dagli Aegithalidae , con quest’ultimo diventato una famiglia distinta contenente tre generi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -
  • Aegithalos (tette dalla coda lunga), cinque specie tra cui A. caudatus
  • Psaltria ( pigmeo pigmeo ), monotipica
  • Psaltriparus ( bushtit americano ), monotipico.

Questo è l’unico rappresentante del aegithalidae nel nord Eurasia . [7] La cincia dalla coda lunga mostra una complessa variazione globale con 17 gare riconosciute, [8] divisibile in tre gruppi: [9]

- Prosegue dopo la pubblicità -
  • il gruppo caudatus nel nord Europa e in Asia. Aegithalos caudatus caudatus ha una testa bianca pura
  • l’europaeus gruppo in Europa meridionale e occidentale, a nord-est della Cina e il Giappone . Separando rosaceus da altri membri del europaeus gruppo è però problematico, basandosi su diverso spessore delle strisce corona e la quantità di striature e colore sulle parti inferiori [9]
  • il gruppo alpino nell’Europa mediterranea e nel sud-ovest asiatico.

Il bushtit dalla gola d’argento ( Aegithalos glaucogularis ) della Cina orientale era precedentemente considerato conspecifico, ma il piumaggio è distintivo e ci sono differenze genetiche significative. [10] [11] Dove i gruppi si incontrano ci sono ampie aree occupate da “ibridi” molto variabili. Il tit-lunga coda britannico, sottospecie rosaceus , appartiene al europaeus gruppo. [12] Questa specie è stata descritta come un piccolo (a solo 13-15 cm di lunghezza, compresa la coda cm 7-9), rotondo corpo tit con una breve, tozza fattura e una lunga coda stretta. [9] I sessi sembrano uguali e i giovani uccelli subiscono una muta completa al piumaggio adulto prima del primo inverno. Il piumaggio è principalmente bianco e nero, con quantità variabili di grigio e rosa. [9] Le vocalizzazioni sono un valido aiuto per localizzare e identificare questi uccelli. Quando sono in stormi, emettono chiamate di contatto costanti e vengono spesso ascoltate prima di essere viste. Hanno tre chiamate principali, un singolo “pit” acuto, un “triplo trillo” eez-eez-eez e uno “schnuur” tintinnante. Le chiamate diventano più veloci e più forti quando gli uccelli attraversano il terreno aperto o se un individuo si separa dal gruppo. [13]

- Prosegue dopo la pubblicità -

La cincia dalla coda lunga è diffusa a livello globale in tutto il nord Europa temperato e il Palearctic, nella Scandinavia boreale e nel sud nella zona del Mediterraneo. [14] Abita boschi di latifoglie e misti con uno strato arbustivo ben sviluppato, favorendo gli habitat ai bordi. Può anche essere trovato nella macchia, brughiera con alberi sparsi, cespugli e siepi, in terreni agricoli e boschi fluviali , [9] parchi e giardini. La dieta del bird tutto l’anno di insetti e sociale foraggiamento scelta dell’habitat pregiudizi in inverno verso boschi di latifoglie, tipicamente di rovere , frassino e localmente sicomorospecie. Per l’annidamento, viene mostrata una forte preferenza verso le aree di pulizia. [14] Il nido è spesso costruito in cespugli spinosi a meno di 3 metri dal suolo. [9] La cincia dalla coda lunga è insettivora durante tutto l’anno. Mangia prevalentemente artropodi , preferendo le uova e le larve di falene e farfalle . La materia vegetale occasionale è presa in autunno. [15]

Il nido della cincia dalla coda lunga è costruito con quattro materiali: licheni , piume , bozzoli di uova di ragno e muschio , con oltre 6.000 pezzi usati per un nido tipico. Il nido è una sacca flessibile con un piccolo ingresso rotondo in cima, sospeso in basso in un cespuglio di ginestre o rovi o in alto nelle forcelle dei rami degli alberi. La stabilità strutturale del nido è fornita da una rete di muschio e seta di ragno. Le minuscole foglie del muschio fungono da ganci e la seta del ragno dei bozzoli delle uova fornisce gli anelli; formando così una forma naturale di velcro . [16]La tetta riveste l’esterno con centinaia di scaglie di licheni pallidi – questo fornisce mimetizzazione. All’interno, allinea il nido con oltre 2.000 piume lanuginose per isolare il nido. [16] I nidi subiscono un alto tasso di predazione con solo il 17% di successo. [17]

Wytham Wood , nell’Oxfordshire , in Germania e in Giappone, è stato svolto un ampio lavoro . Al di fuori della stagione riproduttiva formano stormi compatti da 6 a 17 uccelli, composti da feste familiari (genitori e prole) della precedente stagione riproduttiva, insieme a eventuali adulti in più che hanno contribuito ad allevare una covata. [18] Questi stormi occuperanno e difenderanno i territori da greggi vicini. [13] Si ritiene che la forza trainante dietro il comportamento del gregge sia quella del posatoio invernale , essendo suscettibile al freddo; rannicchiarsi aumenta la sopravvivenza durante le notti fredde. [19] Da luglio a febbraio, la stagione non riproduttiva, le tette dalla coda lunga formano stormi di parenti e non parenti, che posano in comunità. Quando inizia la stagione riproduttiva, gli stormi si rompono e gli uccelli tentano di riprodursi in coppie monogame. [20] I maschi rimangono all’interno del territorio invernale, mentre le femmine hanno la tendenza a vagare nei territori vicini. [13] Le coppie i cui nidi falliscono hanno tre possibilità: riprovare, abbandonare la nidificazione per la stagione o aiutare in un nido vicino. È stato dimostrato che le coppie fallite si dividono e aiutano nei nidi di parenti maschi, [19] [21] [22] il riconoscimento viene stabilito vocalmente. [21] I nidi aiutati hanno maggiore successo grazie ai tassi di approvvigionamento più elevati e alla migliore difesa del nido. [19] Alla fine della stagione riproduttiva, tra giugno e luglio, gli uccelli riformano gli stormi invernali nel loro territorio invernale. [13]

- Prosegue dopo la pubblicità -

A causa dell’alta predazione, c’è un alto tasso di fallimento del nido. Se si verifica un fallimento del nido dopo l’inizio di maggio, gli allevatori falliti non proveranno a ri-nidificare, ma possono diventare aiutanti in un nido di un’altra coppia, generalmente correlata. In uno studio, circa il 50% dei nidi aveva uno o più aiutanti. Aiutando i parenti stretti, gli aiutanti ottengono benefici di fitness indiretti aumentando la sopravvivenza della prole correlata. Gli aiutanti potrebbero anche ottenere un maggiore accesso ai compagni e ai territori in futuro. Gli aiutanti inoltre acquisiscono esperienza nell’allevamento dei giovani e quindi i loro futuri figli hanno tassi di sopravvivenza più elevati. Anche i maschi e le femmine diventano aiutanti. I genitori possono consentire alla cura degli aiutanti di essere additiva ai propri sforzi, o dall’altro estremo, possono ridurre i loro sforzi con la cura degli aiutanti. I maschi giovani hanno una maggiore sopravvivenza rispetto alle femmine giovani, sebbene il tasso di sopravvivenza per gli adulti dei due sessi sia lo stesso. La prole che è stata allevata con gli aiutanti ha una sopravvivenza superiore rispetto alla prole cresciuta senza. Gli allevatori falliti che sono diventati aiutanti hanno una maggiore sopravvivenza rispetto agli allevatori falliti che non lo hanno fatto. Ciò può essere dovuto al ridotto dispendio energetico derivante dalla condivisione di un nido. Questo è simile ai picchi di ghianda e le upupe di legno verde. Tuttavia, gli allevatori falliti che non hanno aiutato hanno maggiori probabilità di riprodursi con successo negli anni successivi, quindi potrebbe esserci un costo di aiuto. Ciò può essere dovuto agli aiutanti che hanno condizioni corporee relativamente più povere alla fine della stagione riproduttiva, simili al martin pescatore pezzato e al gracchio dalle ali bianche . Gli allevatori di successo hanno un tasso di sopravvivenza attorno alla sopravvivenza degli allevatori falliti che sono diventati aiutanti. [20]

A livello globale, la specie è comune in tutta la sua gamma, diventando solo scarsa ai margini della distribuzione. [9] L’ IUCN , BirdLife International e The British Trust for Ornithology (BTO) tutta la lista del tit coda lunga come una ‘specie di minor preoccupazione’, attualmente in fase di poca o nessuna minaccia e ragionevolmente abbondante. [1] [23] A causa delle loro dimensioni ridotte sono vulnerabili al freddo estremo con perdite della popolazione fino all’80% registrate in periodi di freddo prolungato. Si ritiene che le popolazioni tornino rapidamente ai livelli precedenti a causa dell’elevato potenziale di riproduzione [9]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Riferimenti

  1. Vai a:b BirdLife International (2016). ” Aegithalos caudatus “ . Elenco rosso IUCN delle specie minacciate . 2016 . doi : 10.2305 / IUCN.UK.2016-3.RLTS.T103871923A87471081.en .
  2. Linneo, C. (1758). Systema Naturae per regna tria naturae, classi secundum, ordine, generi, specie, cum characteribus, differentiis, sinonimiis, locis, Volume 1 (in latino) (decimo ed.). Olmiae: Laurentii Salvii. p. 190.
  3. ^ Jobling, James A (2010). The Helm Dictionary of Scientific Bird Names . Londra: Christopher Helm. p. 94 . ISBN 978-1-4081-2501-4.
  4. Gesner, Conrad (1555). Historiae animalium liber III qui est de auium natura. Adiecti sunt ab initio index alphabetici decem super nominibus auium in totidem linguis diuersis: & ante illos enumeratio auium eo ordiné quo in hoc volumine continentur (in latino). Zurigo: Froschauer. p. 617.
  5. Aldrovandi, Ulisse (1637). Vlyssis Aldrovandi philosophi ac medici Bononiensis historiam naturalem in gymnasio Bononiensi profitentis, Ornithologiae (in latino). Volume 2. Bononiae (Bologna, Italia): Franciscum de Franciscis Senensem. pagg. 715–720 Lib. 17 Cap. 15.
  6. Willughby, Francis (1676). Ornithologiae libri tres (in latino). Londra: John Martyn. p. 176.
  7. ^ Cramp & Perrins 1993 , p. 132.
  8. Gill, Frank ; Donsker, David, eds. (2017). “Bushtits, leaf warblers, reed warblers” . World Bird List Versione 8.1 . Unione internazionale degli ornitologi . Estratto il 21 marzo 2018 .
  9. Vai a:h Harrap, S. e Quinn, D. (1996) Guide per l’identificazione del timone: Tits, Nuthatches & Treecreepers. Helm Identification Guides.1 ed. London, Christopher Helm (A&C Black)
  10. ^ Harrap, S (2018). del Hoyo, J .; Elliott, A .; Sargatal, J .; Christie, DA; de Juana, E. (a cura di). “Tit dalla gola d’argento ( Aegithalos glaucogularis )” . Manuale degli uccelli del mondo vivo . Lynx Edicions . Estratto il 24 marzo 2018 .
  11. ^ Päckert, M .; Martens, J .; Sole, Y.-H. (2010). “Filogenesi di tette a coda lunga e alleati dedotti da marcatori mitocondriali e nucleari (Aves: Passeriformes, Aegithalidae)”. Filogenetica ed evoluzione molecolare . 55 (3): 952-967. doi : 10.1016 / j.ympev.2010.01.024.
  12. ^ Cramp & Perrins 1993 , p. 133.
  13. Salta a:d Gaston, AJ (1973). “L’ecologia e il comportamento della cincia dalla coda lunga”. Ibis . 115 (3): 330–351. doi : 10.1111 / j.1474-919X.1973.tb01974.x .
  14. Vai a:b Cramp & Perrins 1993 , pag. 134.
  15. ^ Cramp & Perrins 1993 , p. 136.
  16. Salta su:b Hansell, Michael Henry (2007). Costruito da animali: la storia naturale dell’architettura animale . La stampa dell’università di Oxford. pagine  76 , 77. ISBN 978-0-19-920556-1.
  17. ^ Hatchwell, BJ; Russell, AF; Fowlie, MK; Ross, DJ (1999). “Successo riproduttivo e selezione dei siti di nidificazione in un allevatore cooperativo: effetto dell’esperienza e un beneficio diretto dell’aiuto” (PDF) . Auk . 116 (2): 355–363. doi : 10.2307 / 4089370 .
  18. ^ Cramp & Perrins 1993 , p. 138.
  19. Salta su:c Glen, NW; Perrins, CM (1988). “Allevamento cooperativo da tette dalla coda lunga” (PDF) . British Birds . 81 (12): 630–641.
  20. Salta a:b McGowan, A .; Hatchwell, BJ; Woodburn, RJW (2003). “L’effetto dell’aiutare il comportamento sulla sopravvivenza di Aegithalos caudatus, giovane e adulto, dalle tette a coda lunga “. Journal of Animal Ecology . 72 (3): 491–499. doi : 10.1046 / j.1365-2656.2003.00719.x .
  21. Salta su:b Hatchwell, J .; Ross, DJ; Fowlie, MK; McGowan, A. (2001). “Discriminazione di Kin nell’allevamento cooperativo di tette dalla coda lunga” . Atti della Royal Society di Londra B . 268 (1470): 885–890. doi : 10.1098 / rspb.2001.1598 . PMC  1088684 . PMID  11370960 .
  22. ^ Sharp, SP; Simeoni, M .; Hatchwell, B. (2008). “La dispersione di coalizioni tra fratelli promuove l’aiuto tra gli immigrati in un uccello da riproduzione cooperativa” . Atti della Royal Society of London B: Scienze biologiche . 275 (1647): 2125-2130. doi : 10.1098 / rspb.2008.0398 . PMC  2603207 . PMID  18522914 .
  23. ^ Robinson, RA “BirdFacts: Cod Aegithalos caudatus dalla coda lunga “ . Fiducia britannica per ornitologia . Estratto il 30 marzo2018 .

Fonti 

  • Cramp, Stanley ; Perrins, CM, eds. (1993). ” Aegithalos caudatus Tit dalla coda lunga”. Manuale degli uccelli d’Europa, Medio Oriente e Nord Africa. Gli uccelli del Paleolitico occidentale . Volume VII: Pigliamosche per scioperi. Oxford: Oxford University Press. pagg. 133-145. ISBN 978-0-19-857510-8.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.