Press "Enter" to skip to content

Come stanno salvando i rari delfini d’acqua dolce in Pakistan

In una tasca isolata del parco Lab-e-Mehran del Pakistan , le acque lisce del fiume Indo si infrangono in increspature circolari e appare la testa di un delfino grigio chiaro . L’animale indugia brevemente prima di immergersi nuovamente in acqua, con la pinna dorsale che brilla al sole:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo tranquillo parco lungo il fiume nella città meridionale di Sukkur, popolare tra le famiglie per passeggiare, ospita anche il delfino del fiume Indo , una delle sole quattro specie di delfini d’acqua dolce rimasti sulla Terra. Ma una diga all’estremità occidentale del parco limita la loro capacità di viaggiare liberamente durante la stagione dei monsoni, una parte cruciale del loro ciclo di vita. È una storia simile in tutto il Pakistan:

- Prosegue dopo la pubblicità -

di dighe diversive chiamate sbarramenti ha effettivamente distrutto l’habitat della specie. Gli sbarramenti sono stati costruiti nella metà del 20 ° secolo a inondazioni di controllo e fornire irrigazione, e in alcuni casi sono stati riutilizzati per le centrali elettriche. Ora, non hanno solo tagliato la capacità dei delfini di migrare; le loro deviazioni possono anche portare a livelli d’acqua pericolosamente bassi. ( Esplora la nostra bella grafica del fiume Indo, un’ancora di salvezza per milioni .) Una volta, il delfino dell’Indo nuotava attraverso il fiume Indo e tutti i suoi affluenti, dal delta dell’Indo vicino al Mar Arabico all’Himalaya ricoperto di neve . Oggi, il cetaceo da 200 libbre occupa solo il 20 percento della sua gamma originale. I restanti delfini dell’Indo sono concentrati principalmente nella provincia pakistana di Sindh, in un tratto di fiume di 410 miglia tra le dighe di Guddu e Kotri. Engro , una compagnia energetica che lavora con la centrale termoelettrica collegata alla diga di Guddu, non ha risposto alle richieste di commento sugli impatti della diga sulle specie. Oltre alle dighe, l’inquinamento delle acque e i rifiuti industriali scaricati negli Indus rappresentano la più grave minaccia a lungo termine per i delfini. Gli studi hanno scoperto che il DDT e altri pesticidi nei tessuti degli animali, secondo Uzma Khan, coordinatore per l’Asia del River Dolphins Initiative del WWF :

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tuttavia, un rigoroso programma di conservazione del governo ha educato le comunità locali, salvato i delfini bloccati e sta aumentando costantemente il loro numero, dice Khan. Ci sono ora 1.987 delfini Indus in Pakistan, secondo il più recente sondaggio del WWF , rispetto a 132 animali nel 1972. Un’altra piccola popolazione di almeno sette animali vive nel fiume Beas dell’India, un affluente dell’Indo. “Se vai a valle del Guddu [barrage] e continui a navigare, arriva un punto in cui vedi delfini ovunque intorno a te”, dice Khan. “È travolgente perché sono ovunque.” Allo stesso tempo, dice, “è una situazione che può essere una sfida, perché tutti questi delfini sono solo in un tratto del fiume Indo”: 

“Un amico degli umani”

Conosciuto localmente come bhulan nelle lingue Urdu e Sindhi, il delfino Indus “è stato nell’Indo per migliaia di anni ed è un marchio della civiltà Harappa”, afferma Mir Akhtar Talpur, un ufficiale di campo presso il Dipartimento della fauna selvatica del Sindh , un governo agenzia. La civiltà dell’età del bronzo, sbocciata nella valle del fiume Indo, è nota per la sua pianificazione urbana e sistemi avanzati di drenaggio. I popoli moderni delle province di Sindh e Punjab sono considerati i discendenti diretti di Harappa e apprezzano il delfino come parte della loro eredità. I pescatori di queste province raccontano una storia di origine per la specie. Nella leggenda, quando una donna offre burro e latte a un mistico patrono del fiume, le acque si separano e attraversa in sicurezza dall’altra parte. Ma una volta non riesce a fare un’offerta accettabile e lo spirito del fiume la trasforma in un delfino.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per il pescatore Gul Mohammed Mirbar, il delfino è un compagno di vita; aveva 10 anni quando ne vide uno per la prima volta. In un pomeriggio soleggiato a febbraio, rema la sua barca di legno attraverso il fiume al parco Lab-e-Mehran, dove guadagna soldi dando giri in barca ai turisti e parcheggia i visitatori sperando di intravedere il raro delfino. Mentre l’acqua lambisce dolcemente la riva rocciosa del fiume, un delfino rosa emerge con una spruzzata, quindi scompare sotto l’acqua. Sebbene Mirbar consideri i delfini parte dell’ambiente, lui e gli altri pescatori considerano anche i delfini come concorrenti che mangiano proprio il pesce che è il sostentamento degli uomini.

“Devi davvero impegnarti [nella pesca], ​​altrimenti non puoi raggiungere il delfino. È così veloce “, dice Mirbar, aggiungendo che i delfini prendono di mira pesci grandi e piccoli. Fino a quando la caccia non fu vietata negli anni ’70, alcune comunità di pescatori cacciavano il delfino per cibo o per grasso che mischiavano con olio per rivestire le loro barche. Il WWF riferisce che ogni anno nell’area, almeno un delfino muore quando viene accidentalmente intrappolato nelle reti da pesca. In generale, “il delfino è un amico degli umani”, afferma Khadim Hussain, rappresentante di un’organizzazione di difesa dei pescatori a Taunsa, una città nella provincia del Punjab. “E non rappresenta alcun danno per i pescatori. Quando il delfino sente il suono dei motori dei pescatori sulle loro piccole imbarcazioni, si avvicina e nuota con loro. ” ( Leggi i delfini in Brasile che aiutano i pescatori a pescare .)

Un animale adatto al fiume

Il delfino si è evoluto per prosperare nell’Indo. I suoi colori – marrone, una gamma di grigi o, raramente, un rosa scuro – aiutano l’animale a fondersi nel fiume carico di sedimenti. Ed è quasi cieco, poiché la vista non è necessaria nelle acque torbide del fiume. ( Leggi le prime nuove specie di delfini di fiume trovati in un secolo .) L’animale si basa in gran parte su un sistema sonar interno che rimbalza onde sonore dagli oggetti per trovare prede, navigare nel fiume e comunicare con altri delfini. Il sonar è così avanzato che può percepire la differenza tra un pesce morto o vivo. Il lungo becco del delfino cattura facilmente pesci e altre prede. Sul suo corpo robusto, una piccola pinna dorsale mantiene la stabilità mentre nuota.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il delfino del fiume Indo è una delle due sole specie conosciute che giacciono su un fianco e sbattono la coda, un comportamento chiamato nuoto laterale. La manovra consente al delfino di muoversi tra pozze d’acqua poco profonde nella stagione secca, ma non può aiutare l’animale a far fronte alle dighe del fiume Indo. Prima che le dighe frammentassero l’habitat della specie, i delfini nuotavano a monte degli affluenti durante il monsone e tornavano nell’Indo nella stagione secca. Alcuni delfini possono ancora muoversi attraverso le dighe se le sue porte sono aperte – in particolare se l’animale è giovane o piccolo – ma spesso rimangono intrappolati in canali di irrigazione, pozze poco profonde, stagni profondi e talvolta persino campi, dove possono morire di fame e surriscaldarsi Morte. ( Guarda i video che rivelano il potere delle dighe e la rimozione della diga .)

Al salvataggio

Il Dipartimento della Fauna Selvatica di Sindh ha diffuso la parola alle comunità locali per chiamare una hotline se individuano un delfino intrappolato in uno stagno o in un canale. Adnan Hamid Khan, vice conservatore di Sukkur per il Dipartimento della fauna selvatica del Sindh, ha partecipato a numerosi soccorsi, forse il più notevole a dicembre 2019 . Un vitello delfino era uscito dal fiume e si era arenato in un campo a Faiz Ganj Wah, a più di 120 miglia da Sukkur. Hamid Khan e il suo team hanno messo l’animale nella sua macchina, spruzzandolo con acqua per mantenerlo idratato mentre sfrecciavano nel traffico per rilasciarlo nel fiume. Mentre il salvataggio ha avuto successo, non si sa se l’animale sia sopravvissuto. Il processo di salvataggio non è facile. Per uno, questi mammiferi marini sono molto sensibili ai rumori forti e alla presenza umana e possono soffrire di problemi di salute come l’ipertensione quando vengono evacuati. ( Scopri le difficoltà legate al salvataggio di animali selvatici .) Inoltre, di fronte a finanziamenti limitati e attrezzature obsolete, la piccola squadra di soccorso deve essere creativa nel salvare i delfini, il che spesso significa investire le proprie risorse, afferma Hamid Khan.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Nella conservazione della fauna selvatica, i problemi sorgono molto all’improvviso. Devi dare un sollievo immediato e prendere una decisione in quel momento su come risolverai le cose “, dice. Ciò che i soccorritori mancano di risorse, compensano con dedizione. Nazir Mirani, figlio di un pescatore, ha lavorato con Sindh Wildlife per 30 anni; ha segni di morso sulle mani di salvataggi passati. Mirani è la terza generazione della sua famiglia per aiutare a conservare i delfini, offrendo all’agenzia consigli e conoscenze dai suoi anni in acqua. “Per generazioni, abbiamo vissuto vicino al fiume e navigando su barche. Peschiamo e ci prendiamo cura del delfino “, dice Mirani, seduto all’ombra di un albero e guardando il fiume striato dal sole. “In passato, alcune persone mangiavano il delfino. Mio padre disse loro: Non mangiare il delfino, perché questo è un animale innocente, ed è la bellezza del fiume. ”

- Prosegue dopo la pubblicità -

Trovare soluzioni

Gran parte del delfino dell’Indo rimane avvolto nel mistero, incluso questo: cosa succede ai delfini salvati una volta liberati nel fiume? I vitelli trovano le loro madri, per esempio? (Vedi bellissime foto subacquee di animali d’acqua dolce .) Il WWF ha proposto di mettere tag satellitari sui delfini per tenere traccia dei loro movimenti, conoscere meglio la loro biologia e informare gli sforzi di conservazione. “Ogni animale salvato deve essere etichettato”, afferma Uzma Khan. “E dobbiamo sapere, quanti delfini stanno morendo?” Un’altra tecnologia che potrebbe aiutare a conservare i delfini sta piantando “pinger” vicino alle aperture dei canali. I dispositivi emettono un suono simile, impercettibile all’uomo, che i delfini evitano. Di solito i pinger vengono usati per mettere in guardia i delfini dalle reti da pesca, afferma Uzma Khan, “ma vogliamo metterli alla prova vicino ai canali per vedere se impediscono ai delfini di nuotare al loro interno.” Per i soccorritori come Mirani, salvare il delfino sul fiume Indo è una responsabilità civica. Ricorda il gharial , un coccodrillo che una volta viveva nell’Indo ma ora è localmente estinto. Non vuole che il delfino subisca lo stesso destino. Se ciò accade, chiede: “Cosa vedranno i nostri figli?” (Fonte)

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.