Press "Enter" to skip to content

Il fotografo Sebastião Salgado e sua moglie hanno piantato più di 2 milioni di alberi in 20 anni facendo rivivere un ecosistema ormai morto

La fede sposta le montagne e le ripopola se sono state assediate e spogliate delle loro foreste ed ecosistemi, perché la fede di alcune persone in un pianeta con i polmoni può ottenere cose incredibili. Sono i gesti e la dedizione di alcuni che rendono possibile una vita migliore, che semplicemente rendono possibile la vita, e grandi persone come Jadav Payeng o il fotografo brasiliano Sebastião Salgado e il suo team sono stati in quella compagnia per anni .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Realizzare ciò che è apparentemente impossibile è nelle mani di chi crede che sia possibile, è così semplice, e mostrare un inizio. Il 15% di tutte le emissioni di gas serra proviene dalla deforestazione e innumerevoli specie di piante e animali perdono il loro habitat ogni giorno; 129 milioni di ettari di foresta sono andati persi dal 1990. Le cifre e le percentuali sono davvero allarmanti e alla luce di questi numeri, il fotografo Sebastião Salgado e sua moglie Lélia Deluiz Wanick Salgado hanno deciso di mostrare al mondo cosa può fare un piccolo gruppo di persone che hanno fede nella Madre Terra.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Hanno deciso di rimboschire una foresta devastata in base alla capacità del terreno di rigenerarsi nelle giuste condizioni. Il prestigioso fotografo, negli anni ’90, è tornato in Brasile dopo aver documentato la terribile barbarie del genocidio ruandese; Triste nel vedere che la foresta tropicale che ora ricordava era un’area arida e desertica, ascoltò sua moglie Lélia che credeva che la zona potesse ritrovare la sua gloria e la sua vita.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nelle dichiarazioni rilasciate dal fotografo al The Guardian, confessa: “La terra era malata quanto me, tutto è stato distrutto […] mia moglie ha avuto un’idea favolosa di ripiantare questa foresta e quando abbiamo iniziato a realizzarla, tutti gli insetti , uccelli e pesci sono tornati. “ Sebastião e Lélia hanno fondato il Terra Institute , una piccola organizzazione che da allora ha piantato 4 milioni di alberi e ha recuperato la foresta e il suo intero ecosistema.
Salgado spiega così la sua idea di sostenibilità e equilibrio naturale:C’è solo un essere che può trasformare la CO2 in ossigeno, e quell’essere è l’albero; abbiamo bisogno di più foreste con alberi e animali autoctoni“.

Vent’anni dopo, la fauna selvatica è tornata e dove c’era un silenzio mortale, ora puoi sentire uccelli e insetti svolazzare intorno; In totale sono tornate 172 specie di uccelli, 33 specie di mammiferi, 293 specie di piante, 15 specie di rettili e 15 specie di anfibi, un intero ecosistema ricostruito da zero. Il sogno di pochi che il resto di noi tratta come se fossero matti, è ciò che fa girare la ruota, è ciò che fa ancora sperare in ciò che è rimasto di quello che sembra morto, prima devi sognare e poi devi credere.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: culturainquieta.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.