Press "Enter" to skip to content

Sistema agroforestale: vantaggioso per l’agricoltura e la natura, il terreno è molto fertile e produce di più

Sistema agroforestale (SAF) a Juruti, Pará (Foto: Preta Terra)

Nel 2019, esperti provenienti da tutto il mondo si sono riuniti a Curitiba, Paraná , per il più grande incontro di scienze forestali al mondo. Si trattò del Congresso Iufro, l’Unione internazionale delle organizzazioni di ricerca forestale (Unione internazionale delle organizzazioni di ricerca forestale), che si svolge ogni cinque anni e si è tenuto per la prima volta in Brasile. Il prossimo, previsto per il 2024, sarà a Stoccolma, in Svezia. Nel Congresso di quest’anno, due temi si sono distinti nel mezzo dei dibattiti tecnici, scientifici e politici tenuti dai ricercatori. Uno di questi era quello dell’agroforestazione, la tecnica di integrare intenzionalmente gli alberi nelle colture o nei pascoli. Scienziati provenienti da diverse parti del mondo hanno presentato diversi e interessanti modelli di sistemi agroforestali (SAF), dimostrando che foreste e colture possono coesistere armoniosamente:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un altro tema importante era quello della piantagione mista: l’idea di utilizzare più di una specie in una piantagione forestale. Una tecnica che può migliorare la produttività delle foreste piantate e portare a piantagioni a fini economici che hanno più biodiversità. Il crescente interesse degli scienziati per la ricerca sui sistemi agroforestali arriva in un momento in cui l’agricoltura forestale è in evidenza. Ad agosto, ad esempio, uno studio del gruppo di scienziati che valutano gli impatti dei cambiamenti climatici, l’ IPCC, ha identificato la semina nei sistemi agroforestali come una delle misure più interessanti per l’adattamento climatico.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nell’edizione di quest’anno di Iufro, diversi ricercatori hanno presentato modelli diversi e innovativi di SAF. È interessante notare che ci sono esperienze in luoghi molto diversi nel mondo: oltre al Brasile, sono state segnalate ricerche nei paesi africani, così come in Australia, Colombia e Costa Rica. Richiama inoltre l’attenzione sui vantaggi e sui benefici riportati dai ricercatori. La ricercatrice americana Susan Stein, dell’agenzia agroforestale degli Stati Uniti, un’agenzia del Dipartimento dell’agricoltura, ha presentato uno studio in cui ha identificato più di 30.000 agricoltori che producono in sistemi agroforestali negli Stati Uniti. La sua ricerca mostra che i SAF stanno generando importanti vantaggi per questi produttori, come la qualità dell’acqua, il sequestro del carbonio, una maggiore biodiversità e la conservazione del suolo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

I sistemi agroforestali mostrano anche un vantaggio economico in diversi paesaggi in tutto il mondo. Uno studio del ricercatore Alvaro Sotomayor, dell’Instituto Forestal, in Cile, ha identificato che, nella Patagonia cilena, i sistemi agroforestali sviluppati per gli alberi per ridurre l’impatto del vento sulla produzione di grano hanno causato un aumento della produzione fino al 40%. Oltre ai prodotti non legnosi forniti dagli alberi, come frutta e noci, questi SAF possono aumentare la produzione agricola e integrare il reddito del produttore. Sono stati presentati anche diversi modelli di agroforestazione in Brasile. WRI Brasil, rappresentata al Congresso dai ricercatori del programma Forestale, ha portato alla comunità degli scienziati forestali l’ esperienza che è stata sviluppata a Juruti, in Pará. In questa comunità, le famiglie piantano alberi in un sistema in consorzio con la manioca, il principale mezzo di sostentamento della regione. L’agroforestazione di Juruti aiuta a ridurre l’uso del fuoco nell’agricoltura amazzonica e aumenta anche la sicurezza alimentare e nutrizionale delle comunità colpite. Un obiettivo dell’idea è rappresentato dalle cosiddette piantagioni miste:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un altro punto che sta attirando gli interessi dei ricercatori dell’area forestale è quello della piantumazione mista. Attualmente, il tipo più comune di rimboschimento per la silvicoltura è la monocoltura. Una nuova ricerca sta dimostrando che l’introduzione di più specie in una piantagione di rimboschimento per il legno, ad esempio, può avere senso sia dal punto di vista economico che ambientale. Il progetto VERENA , di WRI Brasil, cerca di ricercare e analizzare la fattibilità economica e ambientale del restauro. Uno dei punti identificati dal progetto è che la piantumazione mista di specie ha diversi vantaggi: oltre all’aumento della biodiversità, specie diverse hanno tempi di crescita diversi, consentendo al produttore di raccogliere e ottenere reddito a breve, medio e lungo termine.

Ci sono ancora molte lacune nelle conoscenze scientifiche sulle piantagioni miste, specialmente quando parliamo di specie autoctone brasiliane. Durante Iufro, WRI Brasil ha approfittato dell’importante discussione sulle piantagioni miste e ha lanciato lo studio Research Gaps and Priorities in Silviculture of Native Species in Brasile . Il lavoro sottolinea la necessità di investire in ricerca e sviluppo per le specie autoctone come un modo per promuovere la silvicoltura e aiutare il Brasile a raggiungere l’obiettivo di ripristinare 12 milioni di ettari di foreste entro il 2030.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.