Press "Enter" to skip to content

Il sistema immunitario dei “bimbi di campagna” è più forte di quello dei bimbi che vivono in città, lo conferma studio

Giocare nel verde e nella lettiera del sottobosco di una mini foresta per un solo mese potrebbe essere sufficiente per cambiare il sistema immunitario di un bambino, secondo un piccolo nuovo esperimento:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quando i lavoratori dell’asilo nido in Finlandia hanno srotolato un prato, piantato sottobosco forestale come l’erica nana e i mirtilli e hanno permesso ai bambini di prendersi cura dei raccolti in fioriere, la diversità dei microbi nelle viscere e sulla pelle dei bambini piccoli è apparsa più sana in un breve lasso di tempo.  Rispetto ad altri bambini di città che giocano in asili nido urbani standard con cortili di pavimentazione, piastrelle e ghiaia, i bambini di 3, 4 e 5 anni in questi asili nido in Finlandia hanno mostrato un aumento dei linfociti T e di altre importanti difese immunitarie marcatori nel sangue entro 28 giorni:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Abbiamo anche scoperto che il microbiota intestinale dei bambini che ricevevano vegetazione era simile al microbiota intestinale dei bambini che visitano la foresta ogni giorno“, afferma  la scienziata ambientale Marja Roslund dell’Università di Helsinki. Ricerche precedenti hanno dimostrato che l’esposizione precoce allo spazio verde è in qualche modo collegata a un sistema immunitario ben funzionante, ma non è ancora chiaro se tale relazione sia causale o meno. L’esperimento in Finlandia è il primo a manipolare esplicitamente l’ambiente urbano di un bambino e quindi a testare i cambiamenti nel suo micriobioma e, a sua volta, nel sistema immunitario di un bambino. Sebbene i risultati non contengano tutte le risposte, supportano un’idea principale, ovvero che un cambiamento nei microbi ambientali può influenzare relativamente facilmente un microbioma ben consolidato nei bambini, dando al loro sistema immunitario una mano nel processo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’idea che un ambiente ricco di esseri viventi abbia un impatto sulla nostra immunità è nota come “ipotesi della biodiversità“. Sulla base di questa ipotesi,  una perdita di biodiversità nelle aree urbane  potrebbe essere almeno in parte responsabile del recente aumento delle malattie immunitarie. I risultati di questo studio supportano l’ipotesi della biodiversità e il concetto che una bassa biodiversità nell’ambiente di vita moderno può portare a un sistema immunitario non istruito e di conseguenza aumentare la prevalenza di malattie immuno-mediate”scrivono gli autori .  Lo studio ha confrontato i microbi ambientali trovati nei cortili di 10 diversi asili nido urbani che si prendono cura di un totale di 75 bambini di età compresa tra 3 e 5 anni. Alcuni di questi asili nido contenevano cortili urbani standard con cemento e ghiaia, altri portavano i bambini fuori per il tempo quotidiano nella natura e quattro avevano i loro cortili aggiornati con erba e sottobosco forestale. Nei 28 giorni precedenti, i bambini di questi ultimi quattro asili hanno avuto il tempo di giocare nel loro nuovo cortile cinque volte a settimana. Quando i ricercatori hanno testato il microbiota della loro pelle e dell’intestino prima e dopo la sperimentazione, hanno trovato risultati migliori rispetto al primo gruppo di bambini che ha giocato in asili nido con meno vegetazione per lo stesso periodo di tempo:

Anche in quella breve durata dello studio, i ricercatori hanno scoperto che i microbi sulla pelle e sull’intestino dei bambini che giocavano regolarmente negli spazi verdi erano aumentati nella diversità, una caratteristica legata a un sistema immunitario in generale più sano . I loro risultati corrispondevano in gran parte al secondo gruppo di bambini degli asili nido che avevano gite per il tempo quotidiano nella natura. Tra i bambini che sono usciti, giocando nella terra, nell’erba e tra gli alberi, un aumento di un microbo chiamato gammaproteobacteria è apparso per aumentare le difese immunitarie della pelle, nonché aumentare le secrezioni immunitarie utili nel sangue e ridurre il contenuto di interleuchina. 17A, che è collegato a malattie a trasmissione immunitaria. 

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Questo supporta l’ipotesi che il contatto con la natura prevenga i disturbi del sistema immunitario, come le malattie autoimmuni e le allergie“, afferma Sinkkonen.  I risultati non sono conclusivi e dovranno essere verificati tra studi più ampi in tutto il mondo. Tuttavia, i benefici degli spazi verdi sembrano andare oltre il nostro sistema immunitario. La ricerca  mostra che uscire fa bene anche alla vista di un bambino e stare nella natura da bambino è collegato a una migliore salute mentale . Alcuni studi recenti hanno persino dimostrato che gli spazi verdi sono collegati a cambiamenti strutturali nel cervello dei bambini. Cosa sta guidando questi incredibili risultati non è ancora chiaro. Potrebbe essere collegato a cambiamenti nel sistema immunitario, o qualcosa di respirare aria sana, prendere il sole, fare più esercizio fisico o avere una maggiore tranquillità.

Date le complessità del mondo reale, è davvero difficile controllare tutti i fattori ambientali che hanno un impatto sulla nostra salute negli studi. Mentre i bambini rurali tendono ad avere meno casi di asma e allergie, la letteratura disponibile sul legame tra spazi verdi e questi disturbi immunitari è incoerente. La ricerca attuale ha un campione di piccole dimensioni, ha trovato solo una correlazione e non può spiegare ciò che i bambini stavano facendo al di fuori dell’orario dell’asilo nido, ma i cambiamenti positivi osservati sono sufficienti per gli scienziati in Finlandia per offrire qualche consiglio. Sarebbe meglio se i bambini potessero giocare nelle pozzanghere e tutti potessero scavare terreno organico”incoraggia  l’ecologista ambientale Aki Sinkkonen, anche lui dell’Università di Helsinki. “Potremmo portare i nostri figli nella natura cinque volte a settimana per avere un impatto sui microbi“. I cambiamenti sono semplici, i danni bassi ei potenziali benefici diffusi. Il legame con la natura da bambino è anche positivo per il futuro degli ecosistemi del nostro pianeta. Gli studi  dimostrano che i bambini che trascorrono del tempo all’aperto hanno maggiori probabilità di voler diventare ambientalisti da adulti, e in un mondo in rapida evoluzione, questo è più importante che mai. Assicurati solo che tutti siano aggiornati sulle loro vaccinazioni contro il tetano, consiglia Sinkkonen . Lo studio è stato pubblicato su Science Advances . 

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.