‘Madre Natura’ si difende: gli elefanti africani stanno nascendo senza le zanne per difendersi dai bracconieri

In Mozambico, i ricercatori stanno cercando di comprendere la genetica degli elefanti nati senza zanne e le conseguenze. Gli elefanti più anziani che vagano nel Parco Nazionale Gorongosa del Mozambico portano i segni indelebili della guerra civile che ha attanagliato il paese per 15 anni: molti sono senza zanne. Sono gli unici sopravvissuti a un conflitto che ha ucciso circa il 90 per cento di questi animali assediati, macellati per l’avorio per finanziare armi e per la carne per nutrire i combattenti. La caccia ha dato agli elefanti a cui non crescevano zanne un vantaggio biologico a Gorongosa. Dati recenti suggeriscono che circa un terzo delle femmine più giovani – la generazione nata dopo la fine della guerra nel 1992 – non ha mai sviluppato le zanne. Normalmente, l’assenza di zanne si verifica solo in circa il 2-4% delle femmine di elefante africano.

Decenni fa, circa 4.000 elefanti vivevano a Gorongosa, dice Joyce Poole, un’esperta di comportamento degli elefanti e National Geographic Explorer che studia i pachidermi del parco. Ma quei numeri si sono ridotti a una tripla cifra dopo la guerra civile. Una nuova ricerca, non ancora pubblicata, che ha compilato indica che delle 200 femmine adulte conosciute, il 51% di quelle sopravvissute alla guerra – animali di 25 anni o più – sono senza zanne. E il 32 per cento delle femmine di elefante nate dopo la guerra sono senza zanne.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le zanne di un elefante maschio sono più grandi e più pesanti di quelle di una femmina della stessa età, dice Poole, che è direttore scientifico di un’organizzazione no profit chiamata ElephantVoices. “Ma una volta che c’è stata una forte pressione del bracconaggio su una popolazione, i bracconieri iniziano a concentrarsi anche sulle femmine più anziane“, spiega. “Con il passare del tempo, con la popolazione di età avanzata, inizi ad avere questa percentuale molto più alta di femmine senza zanne.” Questa tendenza senza zanne non si limita nemmeno al Mozambico. Anche altri paesi con una storia di notevole bracconaggio di avorio vedono cambiamenti simili tra le donne sopravvissute e le loro figlie. In Sud Africa, l’effetto è stato particolarmente estremo: si dice che ben il 98% delle 174 femmine nell’Addo Elephant National Park fossero prive di zanne all’inizio degli anni 2000.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La prevalenza della mancanza di zanne ad Addo è davvero notevole e sottolinea il fatto che alti livelli di pressione di bracconaggio possono fare molto di più che rimuovere individui da una popolazione“, afferma Ryan Long, ecologo comportamentale presso l’Università dell’Idaho e National Geographic Explorer. Le “conseguenze di tali drammatici cambiamenti nelle popolazioni di elefanti stanno appena iniziando a essere esplorate”. Josephine Smit, che studia il comportamento degli elefanti come ricercatrice con il Southern Tanzania Elephant Program, afferma che tra le femmine di elefante che rintraccia nel Ruaha National Park, un’area che è stata pesantemente bracconata negli anni ’70 e ’80, il 21% delle femmine di età superiore ai cinque anni sono senza zanne. Come a Gorongosa, i numeri sono più alti tra le femmine più anziane. Circa il 35% delle donne di età superiore ai 25 anni non ha zanne, dice. E tra gli elefanti dai 5 ai 25 anni, il 13% delle femmine non ha zanne.

Il bracconaggio ha anche ridotto le dimensioni delle zanne in alcune aree fortemente cacciate, come il Kenya meridionale. Uno studio del 2015 condotto dalla Duke University e dal Kenya Wildlife Service ha confrontato le zanne degli elefanti catturati lì tra il 2005 e il 2013 con quelle degli elefanti abbattuti tra il 1966 e il 1968 (cioè prima che avvenisse un significativo bracconaggio tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80) e riscontrato differenze significative. I sopravvissuti a quel periodo di intenso bracconaggio avevano zanne molto più piccole: erano circa un quinto più piccole nei maschi e più di un terzo più piccole nelle femmine. Lo schema si è ripetuto nella loro prole. In media, gli elefanti maschi nati dopo il 1995 avevano zanne più piccole del 21% rispetto ai maschi degli anni ’60 e del 27% più piccole delle femmine di quel periodo. Secondo gli autori dello studio, “sebbene la nostra prova del ruolo della genetica sulla dimensione della zanna sia indiretta“, studi su topi, babbuini e umani hanno similmente stabilito che la dimensione degli incisivi, omologa a una zanna negli elefanti, è ereditabile e ha ” influenza genetica.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nonostante l’ondata di assenza di zanne influenzata dall’uomo negli ultimi decenni, gli elefanti a cui mancano le zanne sopravvivono e sembrano sani, secondo Poole. Gli scienziati affermano che la proporzione significativa di elefanti con questo handicap potrebbe alterare il comportamento degli individui e delle loro comunità più ampie e vogliono scoprire se, ad esempio, questi animali hanno gamme domestiche più grandi rispetto ad altri elefanti perché potrebbero aver bisogno di coprire più terreno per trovare cibi recuperabili. Le zanne sono essenzialmente denti troppo cresciuti. Eppure sono tipicamente utilizzati per la maggior parte delle attività della vita quotidiana: scavare per l’acqua o minerali vitali nel terreno, scortecciare alberi per assicurarsi cibo fibroso e aiutare i maschi a competere per le femmine.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il lavoro che gli elefanti fanno con le loro zanne è vitale anche per altri animali.Il ruolo degli elefanti come specie chiave di volta per far cadere gli alberi e scavare buche per accedere all’acqua è importante per una varietà di specie inferiori che dipendono da loro”, dice Long. L’azione della zanna aiuta anche a creare habitat. Alcune lucertole, ad esempio, preferiscono costruire le loro case sugli alberi sfogliati dagli elefanti. Se gli elefanti stanno cambiando il luogo in cui vivono, la velocità con cui si muovono o dove vanno, ciò potrebbe avere implicazioni maggiori per gli ecosistemi che li circondano.Uno o tutti questi cambiamenti nel comportamento potrebbero portare a cambiamenti nella distribuzione degli elefanti nel paesaggio, e sono quei cambiamenti su larga scala che hanno maggiori probabilità di avere conseguenze per il resto dell’ecosistema”, dice Long.

Ora, Long e un team di ecologia e ricercatori genetici stanno iniziando a studiare come gli elefanti senza zanne stanno vivendo. A giugno, il team ha iniziato a rintracciare sei femmine adulte a Gorongosa – metà con le zanne, metà no – provenienti da tre diversi allevamenti. Li hanno dotati di collari GPS, hanno prelevato campioni di sangue e sterco e hanno in programma di monitorarli per un paio d’anni – o fino a quando la durata della batteria in ciascuno dei collari si esaurisce – prelevando periodicamente più campioni di feci per analizzare la dieta degli elefanti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il loro obiettivo è scoprire maggiori informazioni su come questi animali si muovono, mangiano e come sono i loro genomi. A lungo sperano di dettagliare come gli elefanti senza il beneficio delle zanne come strumenti possono alterare il loro comportamento per ottenere l’accesso ai nutrienti. Rob Pringle, della Princeton University, ha in programma di esaminare campioni di letame per approfondimenti sia sulla dieta che sull’esercito di microbi e parassiti che vivono nell’intestino di ogni elefante. Un altro collaboratore, Shane Campbell-Staton, un biologo evoluzionista dell’Università della California di Los Angeles, studierà il sangue, alla ricerca di risposte su come la genetica influenza il fenomeno dell’assenza di zanne.

Il modo esatto in cui questo tratto viene ereditato è “sconcertante”, afferma Campbell-Staton. La mancanza di zanne sembra verificarsi in modo sproporzionato tra le femmine. Ha senso che i maschi senza zanne non sarebbero in grado di competere per l’accesso alla riproduzione di elefanti femmine, dice. Ma se questo tratto fosse tradizionalmente legato all’X – tramandato lungo il cromosoma X, che aiuta a determinare il sesso e trasporta i geni per vari tratti ereditari – potremmo pensare che, poiché i maschi ottengono sempre il loro cromosoma X dalle loro madri, avresti davvero un grande popolazione di maschi senza zanne.Ma non lo vediamo. I maschi senza zanne sono estremamente rari negli elefanti africani “, dice. Joyce Poole lo conferma. Dice che in tutta la sua carriera ha visto solo tre o quattro maschi senza zanne, nessuno di loro a Gorongosa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sebbene le caratteristiche nutrizionali e comportamentali degli elefanti senza zanne non siano ancora state paragonate formalmente a quelle degli elefanti zanne in nessun branco, Smit dice aneddoticamente che nella sua ricerca ha visto che gli elefanti senza zanne sembrano aver trovato soluzioni alternative. Ho osservato elefanti senza zanne che si nutrono di corteccia e sono in grado di spogliarla con i loro tronchi e, a volte, usano i denti”. Potrebbero anche fare affidamento sull’aiuto involontario di altri elefanti, dice. Forse gli elefanti stanno prendendo di mira diversi tipi di alberi che sono più facili da spogliare, o alberi che sono già stati spogliati da altri elefanti, dando loro un punto di leva preparato per strappare la corteccia.

I recenti divieti sul commercio di avorio in Cina e negli Stati Uniti possono aiutare a ridurre la domanda di zanne, ma il tempo esatto che potrebbe impiegare una popolazione con un’elevata percentuale di assenza di zanne per recuperare parte del suo numero – e della sua zanne – varia. Tra gli elefanti asiatici , ad esempio, una lunga storia di caccia all’avorio – così come la rimozione di elefanti zanne dalla natura per il lavoro – probabilmente ha contribuito a contribuire a un numero maggiore di zanne lì. “Se guardi gli elefanti asiatici, le femmine non hanno affatto zanne e, a seconda della popolazione che guardi in quale paese, la maggior parte dei maschi è spesso senza zanne“, spiega Poole. Il motivo esatto per cui le popolazioni di elefanti asiatici e africani hanno tassi così diversi di assenza di zanne rimane inspiegabile. Eppure Poole e altri notano che nelle aree dell’Asia che storicamente sono state prese di mira per la caccia all’avorio, i livelli senza zanne sono alti, proprio come in Africa, sottolineando che gli esseri umani stanno lasciando un segno indelebile sul più grande mammifero terrestre della Terra.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: nationalgeographic.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.