Press "Enter" to skip to content

Macchina del codice enigmatico nazista scoperta dai subacquei nel Mar Baltico

- Prosegue dopo la pubblicità -

I subacquei in una spedizione del WWF alla ricerca di reti fantasma nel Mar Baltico hanno scoperto una scoperta più insolita il mese scorso. Quella che inizialmente era stata scambiata per una vecchia macchina da scrivere si rivelò essere una macchina a codice Enigma usata dai nazisti nella seconda guerra mondiale:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le famigerate macchine di crittografia furono utilizzate dai nazisti per codificare i messaggi inviati tramite codice Morse durante la guerra, facendo naufragare i tentativi delle forze alleate di rintracciare i movimenti militari tedeschi. Questo fino a quando un team britannico di matematici e scienziati – guidato da Alan Turing , e basandosi sulle scoperte dei decifratori di codici polacchi – ha rotto la crittografia nel 1941; qualcosa che gli storici attribuiscono all’accorciamento della guerra. I subacquei tedeschi stavano cercando reti da pesca abbandonate, conosciute come ” reti fantasma “, che possono essere mortali per la vita marina, nella baia di Gelting, nel nord della Germania, quando il loro sonar ha rilevato quella che pensavano fosse una macchina da scrivere intrappolata in una rete. Le lettere erano ancora leggibili. “Un collega si è avvicinato e ha detto: c’è una rete con dentro una vecchia macchina da scrivere”, ha detto all’agenzia di stampa DPA Florian Huber, il capo subacqueo:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Le macchine Enigma sembravano macchine da scrivere ma usavano luci sopra le chiavi per decifrare i messaggi crittografati. Reti da imbrocco Salvage Enigma Fund (C) Florian Huber / Submaris

Si sono presto resi conto che era qualcosa di molto più importante dal punto di vista storico. Huber sospetta che sia stato perso poco prima che la Germania si arrendesse nel maggio 1945, poiché i sottomarini nella baia di Geltinger ricevettero l’ordine di essere affondati dai leader nazisti per impedire la loro cattura da parte degli alleati vincitori. Più di 50 U-Boot sono stati deliberatamente affondati nella baia il 4 maggio. “Sospettiamo che il nostro ENIGMA sia andato in mare nel corso di questo evento”, ha detto Huber . Si pensa che la macchina, che è un Enigma a tre rotori, sia stata lanciata fuori bordo da una nave piuttosto che da un sottomarino, poiché gli U-Boot nazisti usavano le macchine a quattro rotori più high-tech:

- Prosegue dopo la pubblicità -

I subacquei hanno consegnato il ritrovamento all’ufficio archeologico dello stato tedesco dello Schleswig-Holstein, dove sarà ora restaurato da esperti del museo archeologico statale. Avendo trascorso 70 anni sul fondo del mare, dovrà essere sottoposto a un accurato processo di desalinizzazione per prevenire un’ulteriore corrosione.  Il dispositivo consisteva essenzialmente in una tastiera, un set di tre o quattro rulli e un campo di lettere illuminato. L’operatore digita il messaggio in testo normale e il testo cifrato convertito si riflette nelle luci sopra i tasti. Inserisci la prima lettera del tuo messaggio e la lettera corrispondente si illuminerà. Le chiavi di cifratura venivano modificate regolarmente utilizzando una serie di impostazioni del dispositivo che creavano elenchi utilizzati dal mittente e dal destinatario. È stata l’insistenza nel firmare i messaggi HH (Heil Hitler) che ha permesso ai decifratori di codice di trovare il punto debole nella crittografia e violare il codice.

La Germania, che non esita a insegnare le lezioni apprese dal suo passato, metterà in mostra la macchina Enigma. “A causa della sua importanza storica, può anche essere visto come un bene culturale nazionale”, ha detto il dottor Ulf Ickerodt, direttore dello stato dell’ufficio archeologico dello Stato dello Schleswig-Holstein. “I ritrovamenti accidentali come questo sono rari e provengono da un periodo della storia della Germania che rischia sempre di più di essere dimenticato, ha detto il dott. Ickerodt. Nonostante tutto il fascino per la storia della tecnologia, che non riguarda solo la crittografia ma anche la fase iniziale della moderna tecnologia dell’informazione, sono una gradita opportunità per affrontare questa fase della nostra storia”.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.