I titanosauri erano anche indiani: scoperti fossili di 100 milioni di anni

I ricercatori hanno identificato frammenti di ossa fossili di dinosauri sauropodi risalenti a circa 100 milioni di anni da un’area intorno al distretto di West Khasi Hills a Meghalaya, in India:

I risultati ancora da pubblicare sono stati fatti durante una recente gita sul campo da ricercatori della divisione Geological Survey of India’s Paleontology nel nord-est del paese. I ricercatori del GSI hanno notato che questo è il primo record di sauropodi di probabile origine titanosauriana scoperti nella regione. I sauropodi avevano colli molto lunghi, lunghe code, piccole teste rispetto al resto del loro corpo e quattro gambe spesse simili a pilastri. Si distinguono per le enormi dimensioni raggiunte da alcune specie e il gruppo comprende gli animali più grandi mai vissuti sulla terraferma. La scoperta rende Meghalaya il quinto stato in India dopo Gujarat, Madhya Pradesh, Maharashtra e Tamil Nadu e l’unico stato nel nord-est a segnalare ossa sauropode con affinità titanosauri, hanno detto. I titanosauri erano un gruppo eterogeneo di dinosauri sauropodi, inclusi generi provenienti da Africa, Asia, Sud America, Nord America, Europa, Australia e Antartide. “Le ossa di dinosauro di Meghalaya sono state segnalate dal GSI nel 2001 ma erano troppo frammentarie e mal conservate per comprenderne l’identificazione tassonomica”, ha detto Arindam Roy, Geologo Senior, Divisione Paleontologica, GSI.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“L’attuale ritrovamento di ossa è durante il lavoro sul campo nel 2019-2020 e 2020-21. L’ultima visita del team è stata nel febbraio 2021. I fossili sono presumibilmente del tardo Cretaceo, circa 100 milioni di anni fa”, ha detto Roy a PTI. Ha notato che i fossili meglio conservati sono le ossa degli arti, aggiungendo che il tipo di curvatura, lo sviluppo dei margini laterali e prossimali dell’osso parzialmente conservato sono indicativi del fatto che si tratta di un osso dell’omero. Tuttavia, ha notato che le conclusioni sono tratte da studi preliminari e che è in corso un lavoro dettagliato. I frammenti ossei sono stati raccolti da arenaria arkosica a grana molto grossolana, scarsamente selezionata, dal violaceo al verdognolo, interposta con letti di ciottoli. Sono stati recuperati più di venticinque campioni ossei disarticolati, per lo più frammentari, che sono di dimensioni diverse e si presentano come campioni isolati, ma alcuni di essi sono stati trovati in stretta vicinanza l’uno all’altro, hanno detto i ricercatori. L’identificazione tassonomica fino al livello di genere è difficile a causa della natura scarsamente conservata, incompleta e frammentaria delle ossa e la maggior parte delle ossa recuperate sono parzialmente pietrificate e parzialmente sostituite, hanno detto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Pertanto, solo tre di quelli meglio conservati potrebbero essere studiati. Il più grande è un osso dell’arto parzialmente conservato di 55 centimetri (cm) di lunghezza. È paragonabile alla lunghezza media dell’omero dei titanosauridi. La robustezza dell’osso, la differenza di curvatura nei margini laterali e il bordo prossimale essendo relativamente rettilineo, sono alcuni dei caratteri morfologici che suggeriscono l’affinità dei titanosauridi, secondo i ricercatori. Un altro osso incompleto degli arti che misura 45 cm di lunghezza è paragonabile anche alle ossa degli arti del clade titanosauriforme, hanno detto. “L’abbondanza di ossa recuperate durante il presente lavoro e soprattutto il ritrovamento di poche ossa degli arti e vertebre aventi caratteri tassonomici di clade titanosauriforme sono unici”, ha detto Roy. “La registrazione dell’assemblaggio di sauropodi di probabile affinità titanosaurica da Meghalaya estende la distribuzione e la diversità dei vertebrati nel tardo Cretaceo dell’India”, ha osservato. Da pochi esemplari ossei recuperati è stato anche ricostruito uno chevron incompleto delle vertebre caudali e anche della vertebra cervicale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli altri esemplari frammentari sebbene parzialmente conservati potrebbero probabilmente essere parti di ossa degli arti di un dinosauro sauropode. I dinosauri sauropodi titanosauri erano gli erbivori terrestri di grande corpo più diversi e abbondanti nelle masse continentali dell’emisfero meridionale durante il periodo Cretaceo, ma non erano endemici delle masse continentali del Gondwano, hanno detto i ricercatori. Gondwanaland è la metà meridionale del supercontinente del Pangea che esisteva circa 300 milioni di anni fa ed è composta dai principali blocchi continentali del Sud America, Africa, Arabia, Madagascar, Sri Lanka, India, Antartide e Australia. In India, il dinosauro sauropode del tardo Cretaceo appartiene generalmente al clade titanosauriano ed è stato segnalato dalla Formazione Lameta del Gujarat, Madhya Pradesh e Maharashtra e dalla Formazione Kallamedu del Tamil Nadu, hanno detto i ricercatori.

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.