Se un asteroide cadesse sulla Terra: la simulazione NASA non trova molte soluzioni per eliminare la minaccia dallo spazio

Un enorme asteroide ha colpito l’Europa orientale, innescando una crisi di proporzioni storiche. Fortunatamente, l’asteroide era puramente immaginario ma la simulazione fa molto riflettere. La roccia spaziale è stata inventata da un team di esperti della NASA per valutare se siamo pronti a deviare un tale impatto come parte di un esercizio il mese scorso. La loro sfortunata conclusione:

Le tecnologie in grado di deviare una simile roccia spaziale semplicemente non esistono ancora, come riporta Insider. Nell’ambito dell’esercitazione da tavolo sull’impatto ipotetico degli asteroidi della Conferenza 2021 sulla difesa planetaria, organizzata dal Jet Propulsion Lab della NASA, gli esperti hanno escogitato il 2021PDC, un asteroide fittizio, che minacciava di colpire la Terra nel giro di pochi mesi. La simulazione ha chiesto a diversi team di risposta alle emergenze degli Stati Uniti e dell’Europa di trovare soluzioni. Poiché sono state rese disponibili sempre più informazioni sulla traiettoria, le dimensioni e la regione di impatto previsto del PDC 2021, gli esperti hanno faticato a trovare linee d’azione realistiche. “Se confrontati con lo scenario ipotetico 2021PDC nella vita reale non saremmo in grado di lanciare alcun veicolo spaziale con un preavviso così breve con le capacità attuali“, hanno concluso i partecipanti, secondo la documentazione ufficiale. Avevano un asso nella manica:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Una bomba nucleare nello spazio. “Il dispiegamento di una missione di distruzione nucleare potrebbe ridurre significativamente il rischio di danni da impatto“, hanno aggiunto. Fortunatamente, la roccia spaziale alla fine si è rivelata molto più piccola di quanto si pensasse inizialmente, ma aveva una probabilità del 99% di avere un impatto con una regione delimitata da Repubblica Ceca, Austria e Germania. La soluzione pragmatica dei partecipanti allo scenario: evacuare immediatamente l’area. “Ogni volta che partecipiamo a un esercizio di questa natura, impariamo di più su chi sono gli attori chiave in un evento disastroso e chi ha bisogno di sapere quali informazioni e quando”, ha detto Lindley Johnson, ufficiale della difesa planetaria della NASA, in un JPL dichiarazione. “Questi esercizi alla fine aiutano la comunità della difesa planetaria a comunicare tra loro e con i nostri governi per garantire che siamo tutti coordinati nel caso in cui in futuro venisse identificata una potenziale minaccia da impatto”, ha aggiunto. C’è stato un piccolo numero di richiami (ish) di asteroidi che sono passati dalla Terra troppo vicini per comodità. Più di recente, la cometa C / 2020 F3 – meglio conosciuta come NEOWISE, per il telescopio Near Earth Object Wide-field Infrared Survey Explorer che l’ha scoperta per la prima volta – si è avvicinata così tanto lo scorso luglio da essere visibile ad occhio nudo. NEOWISE, un pezzo di ghiaccio spaziale lungo tre miglia, è apparso come una striscia di luce abbagliante nel cielo notturno, mentre attraversava la Terra a soli 64 milioni di miglia dalla Terra. Se avesse avuto un impatto sul pianeta, i risultati sarebbero stati catastrofici. Altre rocce spaziali lo rendevano ancora più vicino. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo senza considerare la meteora di circa 20 metri di diametro esplosa su Chelyabink, in Russia, nel 2013 , che causò il ferimento di circa 1.400 persone. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’esercizio del mese scorso, tuttavia, potrebbe gettare le basi per qualcosa di molto più tangibile. Nel prossimo futuro, la NASA tenterà di deviare un asteroide nella vita reale. Non appena 2022, l’agenzia spera di lanciare la sua missione Double Asteroid Redirection Test (DART) , una piccola navicella spaziale che ha lo scopo di impattare con l’asteroide Dimorphos alla fine del 2022 per cambiare la sua orbita. “Anche se gli impatti dell’asteroide DART non rappresentano una minaccia per la Terra, è in una posizione perfetta per noi per eseguire questo test della tecnologia prima che possa essere effettivamente necessario”, ha detto nella dichiarazione Andrea Riley, responsabile del programma per DART alla NASA.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.