Se avvistate questa medusa scura, non fatele del male: è innocua ed importante per la biodiversità marina. E’ studiata anche per il cancro al seno. Ecco perché

Circolano parecchie voci su una specifica specie di medusa al caratteristico colore scuro – tavolta confermate, in altre case vere e proprie bufale diffuse in rete che non fanno altro che allarmare la popolazione circa pericoli per la salute dei bagnanti che, almeno per quanto riguarda la medusa in questione, si rivelano facilmente smentibili:

https://upload.wikimedia.org

Vittima delle fake news, stavolta, è la Cotylorhiza tuberculata è una specie di medusa del phylum Cnidaria, nota anche come Medusa mediterranea o “Medusa dell’uovo fritto” a causa del suo aspeto particolarmente originale. Si trova comunemente nel Mar Mediterraneo, nel Mar Egeo e nel Mar Adriatico. Questo organismo marino può raggiungere un diametro di 40 cm (16 pollici), ma di solito è largo meno di 17 cm (6,7 pollici). Sembra che la puntura di questa medusa abbia un effetto minimo o nullo sugli esseri umani. Tuttavia può causare allergie a persone più sensibili, queste allergie di solito comportano prurito e graffi nell’area interessante, ma nulla più. La cupola centrale liscia ed elevata dello cnidaro è circondata da un anello simile a una grondaia. I suoi lembi marginali sono allungati e subrettangolari. Ogni moutharm si biforca vicino alla sua base e si ramifica più volte. Oltre ad alcune appendici più grandi, ce ne sono molte corte, a forma di clava, con estremità simili a dischi.

- Prosegue dopo la pubblicità -
staticflickr.com

C. tuberculata sono le meduse più comuni del loro intero ordine nel Mar Mediterraneo. Vivono un ciclo di vita annuale caratterizzato da fioriture estive della popolazione, che è probabilmente un risultato adattativo dei forti cambiamenti stagionali nel loro ambiente mediterraneo. Le loro fasi di sviluppo sono abbastanza simili a quelle delle loro altre controparti meduse. I quattro principali stadi di crescita di C. tuberculata includono le larve natanti note come planule, i polipi più giovani e sessili chiamati scyphistomae, i giovani adulti intermedi non sviluppati noti come ephyrae e le forme di meduse adulte, chiamate meduse. In un dato anno, le planule sono presenti da agosto a novembre, le scyphistomae sono presenti perennemente, le ephyrae possono essere viste da maggio ad agosto e le medusa sono prominenti da luglio a novembre.

- Prosegue dopo la pubblicità -
http://d3e1m60ptf1oym

Le planule usano le loro piccole ciglia per spingerle attraverso l’acqua, stabilendosi infine su un sedimento duro su cui si sviluppano nella loro forma polipo. Gli scyphistoma acquisiscono i loro simbionti di alghe fotosintetiche durante la loro fase di sviluppo preliminare, sebbene il meccanismo per questo non sia ancora chiaro. Questi microrganismi vivono principalmente nella mesoglea e nel rivestimento del sistema gastrovascolare dello cnidario, rafforzando la produzione di ossigeno e rimangono con le meduse per il resto della loro vita. I polipi subiscono anche la riproduzione asessuata per creare più polipi; parti di ogni polipo alla fine si metamorfoseranno in ephyrae, che variano tra 1,7 e 4,2 mm di diametro. La medusa giovane impiega 8-10 settimane per raggiungere un diametro iniziale di 3 cm, quindi crescerà di circa 3-4 cm a settimana fino a raggiungere la taglia da adulto. A poco a poco, la medusa si sviluppa con un diametro finale medio di circa 35 cm. La riproduzione sessuale tra la medusa adulta si verifica in genere tra agosto e ottobre. Le femmine di C. tuberculata vengono fecondate internamente con lo sperma delle appendici della bocca dei loro omologhi maschili e, dopo un periodo di gestazione, rilasciano alla fine un gran numero di planule nell’acqua.

https://i.pinimg.com

Con l’età, la C. tuberculata adulta diventa sempre più danneggiata, principalmente nella cupola centrale della zona superiore dell’ombrello. Mentre la principale causa di danno alla medusa è l’abrasione causata dalle onde e dal vento, le modalità di lesione più importanti sono antropiche. Le barche a motore e le reti da pesca sono le principali cause di lesioni per questi cnidari, che spesso portano a gravi danni. Questo danno è una lieve battuta d’arresto per le meduse che non hanno ancora finito di crescere e quando sono in grado di rigenerare l’anatomia ferita, spesso ricresce in modo asimmetrico. Le meduse dell’uovo fritto più vecchie si distinguono per il loro deterioramento fisico; le loro mesoglea sono spesso delicate con un exumbrella visibilmente spezzato e la loro colorazione sbiadisce in modo significativo. I vari stadi di vita della medusa in questione:

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://www.researchgate.net/

Le alghe endosimbiotiche e fotosintetiche che C. tuberculata ospita nel suo corpo sono fondamentali per la prosperità della medusa. Questi microrganismi mutualistici sono noti anche come zooxantelle, originati dal phylum dinoflagellato, e si impegnano comunemente in relazioni simbiotiche con molti tipi di meduse. Mentre gli ospiti cnidari forniscono rifugio a questi simbionti, i dinoflagellati in cambio usano le loro capacità fotosintetiche per fornire la C. tuberculatacon energia per l’uso e lo stoccaggio. Gli acidi grassi, ad esempio, sono le macromolecole primarie per l’accumulo di energia negli cnidari e sono principalmente ottenuti dai loro simbionti fissatori del carbonio. Questa relazione mutualistica è così cruciale per la crescita e la sopravvivenza della medusa mediterranea che la fase preliminare della formazione prematura della medusa non inizierà senza la presenza di zooxantelle.

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://ocean-climate-alliance.org

C. tuberculata consuma principalmente minuscoli organismi acquatici, spesso una miscela di fitoplancton e zooplancton. Non mostrano una diversità alimentare molto elevata a livello tassonomico; è stato registrato che ovunque tra il 69% e l’82% della loro dieta è costituita da organismi associati al genere Spiroplasma. Questi procarioti sono stati trovati anche nelle diete di molte altre specie di meduse. Inoltre, il C. tuberculata ‘ dieta s probabilmente consiste di solo tre o quattro taxa principale del microplancton. La medusa assorbe questi minuscoli organismi attraverso le sue braccia, da dove viaggiano fino al suo stomaco. L’interconnessione della gelatina mediterranea e delle acque circostanti consente un facile flusso di plancton nella sua cavità gastrica. Passiamo, quindi, agli effetti sugli esseri umani:

https://upload.wikimedia.org

Uno dei principali problemi creati dalle fioriture annuali di C. tuberculata è l’interferenza con le attività ricreative e finanziarie umane. Le consuete attività turistiche legate all’acqua, oltre alle attività più commerciali come la pesca, sono spesso interrotte a causa del gran numero di meduse nelle acque. Ciò si traduce spesso nella rimozione di migliaia di gelatine mediterranee dalle acque da parte dei funzionari costieri nelle estati da parte di pescherecci o grandi reti. Un’altra possibilità sollevata dalla prevalenza delle meduse, tuttavia, è la loro utilità per l’umanità. C. tuberculata sono stati studiati a causa della loro citotossicità specificata nei confronti di alcune cellule del cancro al seno, resa possibile dall’efficiente comunicazione intercellulare di giunzione del gap dell’organismo. Sebbene siano stati proposti ulteriori studi per approfondire la ricerca sulla citotossicità delle gelatine nel prendere di mira il cancro al seno, non ci sono ancora molte ricerche sull’argomento. Poiché un obiettivo principale nella ricerca sul cancro è creare trattamenti che uccidono selettivamente le cellule maligne lasciando intatte quelle sane, Cotylhoriza tuberculata può diventare un organismo modello per il trattamento di tali disturbi umani. Per migliorare le capacità di riconoscimento di questo animale marino, consigliamo la visione di questi filmati diffusi sul web:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

  1. ” Cotylorhiza tuberculata (Macri, 1778)” . vermi . Registro mondiale delle specie marine . Estratto il 14 febbraio 2020 .
  2. Salta a:e Kikinger, Reinhard (1992). Cotylorhiza tuberculata(Cnidaria: Scyphozoa) – storia della vita di una popolazione stazionaria”. Ecologia Marina13(4): 333–362. doi:10.1111 / j.1439-0485.1992.tb00359.x.
  3. ^ Kramp, PL (1961). “Sinossi delle Meduse del mondo”. Giornale della Marine Biological Association del Regno Unito . 40 : 7–382. doi : 10.1017/S0025315400007347 . Archiviato il 30 settembre 2011 in Internet Archive
  4. Salta a:c Leone, Antonella; Lecci, Raffaella; Durante, Miriana & Piraino, Stefano (2013). “Estratto dalla medusa zooxantellata Cotylorhiza tuberculata modula la comunicazione intercellulare di giunzione gap nelle colture cellulari umane”Farmaci marini11(5): 1728–1762. doi: 10.3390/md11051728 .
  5. Salta a:b “Ciclo di vita generalizzato delle meduse Scyphozoan”Lo ScyphozoanUniversità della California, Merced. 2007.
  6. ^ Cortés-Lara, Sara; Urdiain, Mercedes; Mora-Ruiz, Merito; Prieto, Laura e Rosselló-Móra, Ramon (2015). “Microbiota procariotico nella cavità digestiva della medusa Cotylorhiza tuberculata “. Microbiologia sistematica e applicata . 38 (7): 494–500. doi : 10.1016/j.syapm.2015.07.001 .

Riferimento:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.