Egitto: una scimmia che ascolta un’orchestra tra i dipinti di una tomba di 4.000 anni fa

National Geographic

Gli archeologi in Egitto hanno scoperto una tomba di 4.400 anni vicino alle famose piramidi del paese sull’altopiano di Giza appena fuori la città de Il Cairo, ha detto il ministero delle Antichità, l’ultima scoperta che le autorità sperano possa aiutare a far rivivere lo sconcertante settore turistico del paese:

La tomba è stata trovata in un’area più ampia della necropoli occidentale di Giza, che è nota per ospitare tombe dell’Antico Regno. Probabilmente apparteneva a una donna conosciuta come Hetpet, che gli archeologi ritengono fosse vicina agli antichi reali egizi della V dinastia. La tomba, svelata ai media, è realizzata in mattoni di fango e comprende dipinti murali in buone condizioni raffiguranti Hetpet che osserva diverse scene di caccia e pesca. Altre scene raffigurano anche una scimmia – in epoca faraonica, le scimmie erano comunemente tenute come animali domestici – che raccoglieva frutta. Scene simili sono state trovate in altre tombe appartenenti alla tarda XII dinastia, secondo la dichiarazione del ministero. Un’altra scena mostra una scimmia che balla davanti a quella che sembrerebbe un’orchestra:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Secondo il ministero, la missione archeologica dietro la scoperta ha iniziato i lavori di scavo lo scorso ottobre. Gli archeologi hanno fatto scoperte vicino al sito dal 19° secolo e Mostafa Al-Waziri, che ha guidato la missione, crede che ci sia ancora altro da trovare.
“Questo è un settore molto promettente. Ci aspettiamo di trovarne di più”, ha detto Al-Waziri ai giornalisti sul sito. “Abbiamo rimosso tra 250-300 metri cubi di strati di terra per trovare la tomba. Ciò che vediamo sopra la superficie terrestre in Egitto non supera il 40 percento di ciò che contiene il nucleo”, ha aggiunto. Al-Waziri crede che Hetpet avesse un’altra tomba nella necropoli occidentale di Giza e ha detto che sono in corso lavori di scavo per trovare anche quella zona. Hetpet è una figura precedentemente nota nell’antichità egiziana, sebbene la sua mummia non sia stata ancora scoperta. Frammenti di manufatti appartenenti a Hetpet sono stati trovati nella stessa area nel 1909 e sono stati trasferiti in un museo a Berlino all’epoca, ha detto sabato il ministro delle Antichità Khaled Al-Anani, parlando sul sito con giornalisti e diplomatici occidentali. Nonostante tutte le scoperte già fatte sull’antico Egitto, gli esperti dicono di sperare di trovare molto di più – in parte grazie alla tecnologia moderna – tesori ancora sepolti sotto il vasto deserto. L’area dell’ultima scoperta è vicina a un nuovo museo attualmente in costruzione che ospiterà alcuni dei manufatti più unici e preziosi dell’Egitto, tra cui molti appartenenti al famoso ragazzo re Tutankhamon:

La prima fase del Grand Egyptian Museum dovrebbe essere aperta entro la fine dell’anno 2021, mentre l’inaugurazione è prevista per il 2022. A gennaio, l’Egitto ha collocato l’antica statua di uno dei suoi più famosi faraoni, Ramses II nell’atrio del museo, che includerà 43 statue massicce. Nel corso del 2017, il Ministero delle Antichità ha fatto una serie di scoperte in tutto l’Egitto, tra cui alcune nella città meridionale di Luxor, nota per i suoi spettacolari templi e tombe che abbracciano diverse dinastie dell’antica storia egiziana.
L’Egitto spera che l’inaugurazione del nuovo museo, insieme alle recenti scoperte, contribuirà a stimolare un’industria turistica vitale che si è ripresa dai disordini politici che hanno travolto il paese in seguito alla rivolta popolare del 2011 che ha rovesciato l’autocrate di lunga data Hosni Mubarak e le lotte delle autorità per frenare un’insurrezione di militanti islamici.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.