Darwin avrebbe commesso un errore sulla selezione sessuale secondo una nuova ricerca

Charles Darwin era uno scienziato attento. A metà del XIX secolo, mentre stava raccogliendo prove per la sua teoria secondo cui le specie si evolvono per selezione naturale , notò che non spiegava le code fantasiose dei pavoni maschi, le corna sfilate dai cervi maschi, o perché alcuni maschi di alcune specie sono molto più grandi delle loro controparti femminili. Per queste stranezze, Darwin ha proposto una teoria secondaria:

La selezione sessuale dei tratti che aumentano la possibilità di un animale di assicurarsi un compagno e di riprodursi. Ha accuratamente distinto tra armi come corna, speroni, zanne e dimensioni assolute che vengono utilizzate per sottomettere i rivali in competizione, e ornamenti che mirano ad affascinare il sesso opposto. Darwin pensava che i tratti sessualmente selezionati potessero essere spiegati da rapporti tra i sessi irregolari – quando ci sono più maschi che femmine in una popolazione, o viceversa. Ha ragionato che un maschio con meno femmine disponibili avrebbe dovuto lavorare di più per assicurarsi uno di loro come compagno e che questa competizione avrebbe guidato la selezione sessuale. In un nuovo studio , io e i miei colleghi abbiamo confermato un legame tra selezione sessuale e rapporti tra i sessi, come sospettava Darwin. Ma sorprendentemente, i nostri risultati suggeriscono che Darwin abbia sbagliato le cose. Abbiamo scoperto che la selezione sessuale è più pronunciata non quando i potenziali compagni sono scarsi, ma quando sono abbondanti, e questo significa guardare di nuovo alle pressioni selettive in gioco nelle popolazioni animali che presentano rapporti tra i sessi irregolari.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dai tempi di Darwin, abbiamo imparato molto sui rapporti tra i sessi irregolari, che sono comuni nelle popolazioni di animali selvatici. Ad esempio, in molte farfalle e mammiferi , compreso l’uomo, il numero di femmine adulte supera il numero di maschi adulti. Questa inclinazione è più estrema tra i marsupiali. Nell’antechinus australiano, ad esempio, tutti i maschi muoiono improvvisamente dopo la stagione degli amori, quindi ci sono momenti in cui nessun maschio adulto è vivo e l’intera popolazione adulta è costituita da femmine gravide. Al contrario, molti uccelli sfilano più maschi che femmine nelle loro popolazioni. In alcuni pivieri, ad esempio, i maschi sono più numerosi delle femmine di sei a uno. Allora perché molte specie di uccelli hanno più maschi, mentre i mammiferi spesso hanno più femmine? La risposta breve è che non lo sappiamo. Ma ci sono pistole fumanti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Spiegare i rapporti tra i sessi irregolari

Alcuni rapporti tra i sessi irregolari possono essere parzialmente spiegati dalle differenze di durata della vita. I mammiferi femmine, inclusi gli umani, di solito sopravvivono alle loro controparti maschili con un ampio margine. Negli esseri umani, le femmine vivono in media circa il 5% in più rispetto ai maschi. Nei leoni africani e nelle orche assassine, la durata della vita femminile è più lunga fino al 50%. Anche le preferenze dei predatori potrebbero avere un ruolo. I leoni africani uccidono circa sette volte più maschi rispetto alle femmine, perché i bufali maschi tendono a vagare da soli, mentre le femmine sono protette all’interno delle mandrie. Al contrario, i ghepardi uccidono molte più gazzelle di Thompson femmine rispetto ai maschi, presumibilmente perché possono superare più facilmente le gazzelle femmine, specialmente quelle gravide. Infine, maschi e femmine spesso soffrono in modo diverso di parassiti e malattie. La pandemia di COVID-19 ne è un esempio lampante: il numero di uomini e donne infetti è simile nella maggior parte dei paesi, ma i pazienti di sesso maschile hanno maggiori probabilità di morte rispetto a quelli di sesso femminile.

Rapporti tra i sessi e selezione sessuale

Nonostante la nostra crescente conoscenza dei rapporti tra i sessi irregolari, l’intuizione di Darwin che collega i rapporti tra i sessi con la selezione sessuale ha ricevuto poca attenzione da parte degli scienziati. Il nostro studio ha cercato di affrontare questo problema, mettendo insieme questi due filoni della teoria evoluzionistica per rivisitare l’argomento di Darwin. Abbiamo esaminato in particolare l’evoluzione dei grandi maschi in diverse specie, che spesso sono molte volte più grandi delle loro controparti femminili. Lo vediamo nei babbuini maschi , negli elefanti marini e negli uccelli migratori , per esempio. A volte, le femmine sono più grandi dei maschi, come in alcune specie di uccelli , come la jacana africana. Il termine scientifico per indicare quando un sesso in una specie è più grande dell’altro è ” dimorfismo della dimensione sessuale “. È chiaro come la selezione sessuale a volte possa creare dimorfismo dimensionale. Eliminare un nemico richiede potenza muscolare, mentre la resistenza in combattimento richiede resistenza. Quindi essere più grandi spesso significa dominare i rivali, vincendo così la lotteria evolutiva della riproduzione. Analizzando 462 diverse specie di rettili, mammiferi e uccelli, il nostro studio ha trovato una stretta associazione tra dimorfismo delle dimensioni sessuali e rapporti tra i sessi, confermando le congetture di Darwin. Ma la tendenza era l’opposto di quello previsto da Darwin con le sue prove limitate. Si scopre che la selezione sessuale più intensa – indicata da maschi più grandi rispetto alle femmine – si è verificata in specie in cui c’erano molte femmine tra cui scegliere, piuttosto che una scarsità di femmine come suggerito da Darwin.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Implicazioni per la selezione sessuale

Questo non invalida in alcun modo le teorie di Darwin sulla selezione naturale e sulla selezione sessuale. La nostra scoperta mostra semplicemente che un meccanismo diverso da quello proposto da Darwin sta guidando la competizione di accoppiamento per gli animali che vivono in popolazioni asimmetriche. L’assunto di Darwin si basava sull’idea che la competizione più intensa per i compagni dovrebbe verificarsi quando c’è una carenza di partner per l’accoppiamento. Ma teorie più recenti suggeriscono che questa logica potrebbe non essere corretta e che la selezione sessuale è in realtà un sistema in cui il vincitore prende tutto. Ciò significa che quando ci sono molti potenziali partner nella popolazione, un maschio superiore – nel nostro studio, il più grande e il più pesante – gode di una vincita sproporzionatamente alta, fecondando un gran numero di femmine a spese dei maschi più piccoli, che potrebbero non riprodursi a tutti. Abbiamo bisogno di ulteriori studi per aiutarci a capire come maschi e femmine cercano nuovi partner in popolazioni distorte da maschi e femmine, e in quali circostanze ornamenti, armamenti e dimensioni sono particolarmente utili. Tali studi potrebbero fornirci nuove intuizioni senza precedenti su come funziona la natura, basandosi sulla teoria originale di Darwin sulla selezione sessuale. (Tamas Szekely , Professore di Biodiversità al Milner Center for Evolution, Università di Bath).

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.