Trovano delfini di tipo botos in alcuni fiumi di Amapá in Brasile

In uno studio sviluppato da WWF-Brasil, Istituto Mamirauá e IEPA (Istituto di ricerca scientifica e tecnologica dello Stato di Amapá), i ricercatori hanno confermato l’esistenza di delfini rosa ( Inia geoffrensis ), tucuxis e delfini grigi ( Sotalia fluviatilis, S. guianensis ) nei fiumi dello stato di Amapá. Gli animali sono stati trovati lungo 4.224 km di fiumi, in una regione dove la loro esistenza non era mai stata confermata. La scoperta ha incuriosito gli scienziati, soprattutto quando l’hanno trovata nel fiume Cassiporé, senza alcun collegamento continentale con altri fiumi, situato nell’estremo nord di Amapá.

LA SCOPERTA DELL’ESISTENZA DELLA SPECIE IN UN’AREA MOLTO PIÙ AMPIA DEL PREVISTO RAFFORZA IL FATTO CHE C’È ANCORA MOLTO DA SCOPRIRE SULL’AMAZZONIA. LA CONOSCENZA DELLA DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA DELLE SPECIE È FONDAMENTALE PER RISPONDERE A MOLTE DOMANDE ECOLOGICHE E SUPPORTA UN’EFFICACE GESTIONE DELLA CONSERVAZIONE”. Marcelo Oliveira, specialista in conservazione del WWF Brasile

- Prosegue dopo la pubblicità -

La grande sorpresa dello studio è stata la prova dell’esistenza di focene, delfini d’acqua dolce, nel fiume Cassiporé ed è ancora un mistero come questi animali siano arrivati ​​lì. Il fiume si trova nell’estremo nord dello stato di Amapá ed è collegato ad altri grandi fiumi solo attraverso il mare. “Riteniamo che in periodi di alta portata nel Rio delle Amazzoni fosse possibile per questi animali migrare in una regione vicina alla costa dove, durante questi periodi, un forte flusso di acqua dolce forma il pennacchio del Rio delle Amazzoni“, afferma Marcelo Oliveira, specialista in conservazione del WWF-Brasile.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Lo studio ha previsto 12 anni di raccolta dati e un approccio multidisciplinare con visite sul campo, ricerche bibliografiche e la partecipazione delle comunità locali attraverso testimonianze di abitanti delle rive. “La conoscenza dei popoli tradizionali è uno dei punti che utilizziamo in questo progetto e le segnalazioni che segnalano trovano quasi sempre conferma sul campo. Tutto è nuovo, poiché non è stato pubblicato nulla su questi animali in quella regione; stiamo scrivendo la storia dei mammiferi acquatici di Amapá adesso”. Miriam Marmontel, leader del gruppo di ricerca sui mammiferi acquatici dell’Amazzonia dell’Istituto per lo sviluppo sostenibile di Mamirauá.

Secondo Claudia Funi, specialista di geoprocessing di IEPA, i residenti della regione erano già a conoscenza dell’esistenza dei botos. “Ma questa è una nuova informazione per la scienza. E quando abbiamo eseguito i lavori, abbiamo visto che sono più associati alla pianura costiera in quasi tutti i bacini della regione. Quello che non sappiamo ancora è se migrano da un bacino all’altro lungo la costa o, d’inverno, attraverso campi allagati”, racconta Funi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La regione ospita la più grande distesa di mangrovie del mondo ed è anche un’area in cui si verifica il fenomeno noto come pororoca, ovvero quando le differenze di marea e l’influenza della luna piena o nuova formano vere pareti di onde nei fiumi . “Bisogna ancora capire com’è il rapporto di questi animali con le mangrovie e se continuano a migrare verso altri fiumi attraverso il mare”, dice Marmontel.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le focene sono cetacei d’acqua dolce e sono presenti solo in 14 paesi in Asia e Sud America e tutte le specie sono minacciate dalla modifica dei loro habitat. In Asia, nonostante gli sforzi per studiare e cercare di preservare le specie di focene, gli impatti sugli habitat di questi animali sono stati così gravi che le specie baiji nel fiume Yangtze si sono estinte e altre hanno popolazioni di soli circa 1000 individui. La regione amazzonica ospita la più grande popolazione di focene del mondo, principalmente nell’Amazzonia brasiliana, che copre nove stati. Molti di questi territori, tuttavia, mancano di informazioni affidabili sull’ecologia delle focene.

NONOSTANTE LA GRANDE PRESSIONE E LE MINACCE CHE ESISTONO NELLA REGIONE, C’È ANCORA TEMPO PER CAPIRE GLI IMPATTI E COSA POSSIAMO FARE NON SOLO PER GARANTIRE UNO SVILUPPO SOSTENIBILE PER LA REGIONE, MA ANCHE PER PROTEGGERE QUESTE SPECIE E I FIUMI DEL AMAZZONIA”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La costruzione di tre centrali idroelettriche nel bacino del fiume Araguari, nella regione centrale dello stato, è uno dei fattori che hanno isolato le popolazioni e modificato il corso del fiume, spegnendo la pororoca, un’ondata di acqua dolce che attira campionati di surf e turisti da Intorno al mondo. Secondo i ricercatori, i gruppi di delfini rosa che si trovano tra le dighe, limitati dalla barriera fisica, tendono a cessare di esistere. “Tutto ciò che facciamo ha un impatto sulla natura in generale. E nelle focene abbiamo influenzato direttamente, specialmente durante la costruzione di queste grandi strutture, le dighe, poiché impediscono il loro accesso e modificano la dinamica dei fiumi nella regione e non sappiamo come ciò influisca sulla capacità di sopravvivenza a lungo termine delle focene ”, spiega Marmontel. L’allevamento di bufali nella regione è un’altra minaccia per le focene, poiché il calpestio di diverse aree altera il paesaggio idrologico della regione. “Il bufalo ha deviato i canali dell’Araguari, il che ha ridotto la potenza dell’acqua nel fiume. Questi cambiamenti idrologici influenzano direttamente anche la vita delle focene“, afferma Oliveira.

Fonte: ciclovivo.com.br

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.