La Cina sta analizzando le rocce lunari “potenziale combustibile per fusione nucleare”

Gli scienziati cinesi stanno studiando campioni di roccia lunare per valutare se siano una buona fonte di combustibile per la fusione nucleare:

I ricercatori del Beijing Research Institute of Uranium Geology stanno analizzando un campione di roccia di 50 milligrammi, secondo Space.com, ottenuto durante la missione di ritorno lunare Chang’e-5 del paese. Gli scienziati stanno analizzando le rocce alla ricerca di un isotopo chiamato elio-3, che alcuni scienziati ritengono possa essere un combustibile vitale per le centrali elettriche a fusione. Sebbene sia raro sulla Terra, alcuni ricercatori ritengono che la Luna potrebbe essere una ricca fonte dell’isotopo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“L’obiettivo principale dello studio è determinare il contenuto di elio-3 nel suolo lunare, i parametri di estrazione dell’elio-3, che indicano a quale temperatura possiamo estrarre l’elio e come l’elio-3 si attacca al suolo lunare. suolo”, ha detto il ricercatore dell’istituto Huang Zhixin alla China Central Television, un’emittente controllata dallo stato. I ricercatori sulla fusione hanno creduto a lungo che l’elio-3 potesse essere una preziosa fonte di combustibile per i reattori a fusione. Gli scienziati del Plasma Science and Fusion Center del MIT hanno scoperto che l’aggiunta di solo tracce dell’isotopo nel processo di fusione nucleare ha portato a un miglioramento dell’efficienza e del riscaldamento all’interno del reattore. Il problema? L’elio-3 è estremamente raro sulla Terra:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Il “lato oscuro della Luna” fotografato dalla sonda robotica cinese Chang’e 4

Tuttavia, potrebbe essere abbondante sulla Luna, perché la superficie lunare è in gran parte non protetta dai venti solari, che possono rilasciare elio-3 nelle sue rocce.  In effetti, estrarlo dalla superficie del satellite naturale della Terra è la premessa del film acclamato dalla critica di Duncan Jones del 2009Moon“. Mentre il potenziale per un isotopo rivoluzionario che potrebbe aprire la porta alla fusione nucleare è molto eccitante, è importante ricordare che non ci sono infrastrutture in atto per estrarre la superficie lunare e trasportare materiali sulla Terra. Quindi, non vale assolutamente la pena chiudere la porta alle soluzioni di energia rinnovabile terrestre. Ma c’è ancora molto spazio per un nuovo emozionante percorso tecnico-scientifico. “Tuttavia, effettuare nuove misurazioni delle concentrazioni di elio-3 in nuove posizioni sulla Luna è scientificamente prezioso”, ha detto a Space.com lo scienziato planetario e astrobiologo Ian Crawford, che non è coinvolto nella ricerca cinese. L’auspicio, inoltre, è che eventuali missioni lunari future possano rappresentare anzitutto una ricerca capace di favorire gli interessi dell’intera umanità e non motivo di ipotetiche “guerre stellari” per la corsa delle materie prime extraterrestri.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.